“The Hidden Chosen” ha avvertito… Incursione della polizia Ferrero – Politica

Nell’ambito dell’indagine sul batterio della salmonella apparso nella fabbrica del produttore di cioccolato Ferrero ad Arlon, in Belgio, sono stati perquisiti 6 centri appartenenti all’azienda in Belgio e Lussemburgo.

Nell’ambito dell’operazione è stata effettuata una perquisizione negli uffici di Ferrero International, nella sede della multinazionale italiana Casa Ferrero in Lussemburgo, nonché negli edifici di Ferrero Trading Lux e SARL Ferrero Management Services.

L’operazione è stata condotta simultaneamente dall’Autorità belga per la sicurezza alimentare (AFSCA) e dalla polizia federale, in collaborazione con le autorità lussemburghesi.

In Belgio, oltre allo stabilimento Ferrero di Arlon, sono stati ricercati anche indirizzi a Bruxelles.

Secondo le informazioni fornite dalla procura lussemburghese, le squadre di polizia hanno sequestrato un gran numero di documenti e apparecchiature informatiche durante le perquisizioni effettuate presso la sede della società Ferrero.

L’accusa ha dato un annuncio

L’indagine giudiziaria in corso nei confronti di Ferrero, secondo la procura della Repubblica, è volta a “esporre le responsabilità dell’azienda in merito al comportamento dell’azienda dopo l’emersione del batterio Salmonella, il monitoraggio della filiera alimentare, la comunicazione con le autorità sanitarie o il non- trasmissione di informazioni”.

Il batterio Salmonella legato ai prodotti di cioccolato Kinder, emerso per la prima volta a febbraio con denunce in Inghilterra, è stato osservato in poco tempo in 13 diversi paesi.

Si è scoperto che il batterio Salmonella è stato rilevato per la prima volta il 15 dicembre 2021, in una vasca filtrante contenente prodotti a base di cioccolato presso lo stabilimento Ferrero di Arlon.

La fabbrica è stata sigillata dalla FASFC l’8 aprile, dopo che è stato stabilito che la direzione Ferrero aveva nascosto queste informazioni alle autorità belghe.

Il 13 giugno il cioccolatiere italiano ha voluto riaprire la fabbrica in Belgio. Tuttavia, la direzione dello stabilimento ha annunciato che era necessario un po’ più di tempo per le necessarie pulizie e allestimenti e l’apertura è stata posticipata a data da destinarsi.

Le vendite dell’azienda sono diminuite del 40% a causa dei batteri Salmonella.

Secondo le notizie di Yusuf Özkan della BBC Turkish, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), finora sono stati rilevati 423 casi confermati di Salmonella dovuti ai prodotti di cioccolato Kinder in Europa, Stati Uniti e Canada.

La maggior parte dei casi è stata osservata in Inghilterra. 122 persone in Inghilterra, 118 persone in Francia, 52 persone in Belgio, 48 persone in Svizzera e 30 persone in Germania sono state infettate dal batterio Salmonella.

Il 40% dei pazienti, per lo più bambini, ha richiesto il ricovero.

LE “SCELTE NASCOSTE” GUARDATE

L’autore giornalista Soner Yalçın ha messo in guardia contro i monopoli alimentari globali e i pericoli per la salute umana nel suo libro intitolato “Elezioni nascoste” pubblicato dalla casa editrice Kırmızı Kedi.

Ferrero è stata citata anche tra le società che hanno messo in guardia nel libro. Soner Yalçın ha scritto le seguenti dichiarazioni sull’azienda italiana, che ha una grande influenza sulla produzione di nocciole e sulla determinazione del prezzo in Turchia:

“La Turchia produce l’85% delle nocciole nel mondo.

I giganti mondiali del cioccolato acquistano le nocciole da noi.

Per questo nel 2015 abbiamo battuto il record di esportazione di nocciole:

Con un fatturato di 2,827 milioni di dollari, finora abbiamo registrato le maggiori entrate in valuta estera nella nocciola.

Bene…

Il fatturato annuo di Michele Ferrero, che da noi ha comprato le nocciole e le ha marchiate, è di 11 miliardi di dollari!

Quando si confrontano i soldi, la cifra che abbiamo battuto il record di esportazione sembra divertente.

Perché siamo rimasti così indietro nella gara che abbiamo iniziato quasi negli stessi anni dell’Italia?

Nocciola; Quando viene trasformato e trasformato in cioccolato, dolciumi e prodotti alimentari, crea un’economia del valore di decine di miliardi di dollari in tutto il mondo. Tuttavia, la Turchia riceve solo una quota di circa 3 miliardi di dollari da questa economia.

Sì. La Turchia non può beneficiare del valore aggiunto delle nocciole; Vincono i Ferrero.

Ecco perché acquistano società turche. Quando le cooperative di vendita agricola come la Fiskobirlik vengono distrutte, il colosso italiano Ferrero raccoglie nocciole in Turchia tramite intermediari. Vale a dire, gli intermediari guadagnano soldi sulle spalle del contadino; Ferrero fa soldi; Gli agricoltori turchi sono vittime.

Altrimenti, perché Ferrero dovrebbe acquistare un’azienda turca?

Non stiamo parlando di questi…

noi non le scriviamo…

Non stiamo parlando di questi…

Litighiamo su inutili polemiche.

Invece. Come aumenteremo la produzione di nocciole? come aumentare il reddito dei produttori; E come creeremo marchi di fama mondiale, non c’è bisogno di lavorarci sopra?

Invece di insultare Atatürk, non dovremmo imparare dal primo Congresso nazionale della nocciola da lui convocato nel 1935 o dal Fiskobirlik da lui fondato nel 1938?

Se fosse stato proseguito sulla strada aperta; Il colosso mondiale della nocciola non sarebbe un brand turco al posto di Michele Ferrero?

Odatv.com

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.