Primi passi nella modernizzazione ottomana – Sinan Genim

Non sappiamo abbastanza della nostra storia passata, per non parlare di creare il futuro, anche di valutare e affrontare le situazioni attuali, purtroppo non impariamo dalle esperienze e dagli eventi passati. In un programma televisivo che ho visto di recente, il dottor Naim Babüroğlu ha detto: “Il passato è come uno specchietto retrovisore che a volte guardi mentre guidi. Soprattutto nelle situazioni critiche è necessario dare un’occhiata. Altrimenti, l’accumulo che pensiamo sia rimasto indietro si schianterà su di te e causerà danni inaspettati”, ha scritto una recensione interessante.

Sebbene sia passato molto tempo da quando abbiamo cambiato l’alfabeto, non abbiamo ancora potuto includere la conoscenza del passato e le registrazioni scritte che contengono molte lezioni da imparare nella nostra cultura della vita in un modo che le persone di oggi possano capire. Anche se è passato molto tempo, non possiamo ancora fare pace con il nostro passato, imparare lezioni buone e cattive e guardare al futuro. Recentemente, opere e documenti del passato vengono stampati utilizzando l’alfabeto moderno a un ritmo rapido. Tuttavia, la stragrande maggioranza non riesce a capire cosa c’è scritto in questi libri e non può beneficiare di conoscenze ed esperienze millenarie. Alcune persone bloccano gran parte della società con la frase “Lascia che i curiosi imparino l’antico turco”. Imparare il turco antico non è un’abilità, è inutile che una persona che non ha un vocabolario antico impari l’alfabeto arabo, l’importante è il vocabolario e la profondità. Questa carenza ci porta a considerare le informazioni passate non come mentali, ma come un trasferimento. Le informazioni sul trapianto sono soggette a interpretazione da parte del cedente. Può degenerare a seconda della conoscenza o dell’intenzione del trapiantatore. Ciò che è importante per questo è la fonte principale, quello che dice, deve essere valutato.

Molte sono le attività educative che la repubblica moderna ha svolto e intende svolgere per raggiungere il livello della civiltà contemporanea. Tuttavia, nulla può sorgere improvvisamente nella vita sociale e non può essere attuato. Ogni movimento di riforma ha una lunga storia. L’Impero Ottomano è uno stato antiquato e logoro nei suoi periodi successivi. Come in molti altri imperi simili, la sua liquidazione è inevitabile ed è stata inevitabilmente liquidata.

Altro XVII. Entro la metà del secolo, questa situazione è stata notata da alcuni amministratori statali e sono state prese misure per fare scoperte contemporanee. Tuttavia, il fatto che lo Stato sia al di fuori della rete del commercio internazionale che dura da millenni e soffre di difficoltà economiche ha impedito a queste iniziative di riuscire sufficientemente. D’altra parte, una situazione che non viene sottolineata molto è che l’Impero Ottomano era uno stato multilingue, multiconfessionale e multinazionale. Il sentimento di nazionalismo suscitato dalla Rivoluzione francese del 1789 provocò la disintegrazione dell’impero e il deterioramento dell’integrità dello Stato.

Il mio stimato amico Prof. Dr. Ekmeleddin İhsanoğlu, con i suoi studi sulla storia della scienza ottomana dall’inizio della sua vita accademica, studia le ricerche degli ottomani sulla scienza e le scoperte nei periodi in cui era in ritardo, e ha molti pubblicazioni su questo argomento. Nel suo ultimo libro intitolato “I primi passi nella modernizzazione ottomana”, ha compilato cinque articoli che aveva precedentemente pubblicato su varie riviste e li ha presentati al lettore per l’informazione di coloro che vogliono beneficiare delle esperienze del passato. Spero che questa avventura, iniziata con il suo articolo intitolato “Il primo libro di chimica pubblicato in Turchia” nel 1980, continui in ogni momento.

La dichiarazione nel suo primo articolo, “Abbiamo iniziato a organizzare simposi nazionali e internazionali per attirare l’attenzione di studiosi in patria e all’estero, per produrre informazioni e letteratura sulla storia trascurata e persino presunta della scienza e della tecnologia nell’era ottomana” diventa uno studio in itinere (p. 24). ). Conduce amministratori e intellettuali, che realizzano il divario tra Occidente e Occidente nel mondo scientifico, a riconoscere e applicare la scienza e le tecnologie moderne che portano i paesi in via di sviluppo e in via di sviluppo grandi balzi in avanti attraverso tre diverse strade. Traduzioni dalle lingue occidentali, ambasciate scritte da ambasciatori ottomani e, soprattutto, le nuove istituzioni educative militari che fondarono.

Perché c’è una così grande differenza tra noi e i paesi sviluppati in termini di scienza? Per un certo periodo, gli ottomani si considerarono superiori agli europei sotto tutti gli aspetti. Il fatto che gli ottomani fossero in buone condizioni economiche e finanziarie, avessero ricche risorse minerarie, una forte organizzazione militare e fossero usciti vittoriosi da tutti i tipi di guerre durante i primi cento anni della sua fondazione, portò alla formazione di tale mentalità. Tuttavia, c’è un fatto che è stato trascurato in questo processo. Negli anni successivi alla sua creazione, l’impero, che imponeva uguale giustizia tra coloro che servivano lo stato senza discriminazioni di razza, religione, lingua e colore, era unico al mondo. Questa visione del mondo si basa sulla convinzione che bosniaci e serbi di origine cristiana, esperti ungheresi, italiani e tedeschi provenienti da paesi europei più lontani, ebrei che furono pesantemente oppressi nei loro paesi durante il primo trasferimento della tecnica dall’Occidente all’Impero Ottomano, e successivamente i tecnici francesi, inglesi, olandesi e polacchi nell’impero ottomano, permise loro di entrare al suo servizio. È anche noto che per un certo periodo l’Impero Ottomano creò un gruppo chiamato “Taife-i Efrenciyan” per trasferire la tecnologia dall’Occidente (p. 41).

Tuttavia, tre demoni giocano un ruolo importante in questa terra, “Invidia, ritardo e dopo”. Nonostante tutti gli sforzi, XV. Questi tre demoni, che hanno dominato l’amministrazione statale ad alta velocità dalla fine del secolo, fanno perdere potere all’impero e la distanza tra occidente e occidente in termini di scienza e tecnologia. Le iniziative personali non bastano. Di tanto in tanto, le proposte di riforma dei vertici dello stato provocano grandi rivolte e implicitamente le rivolte e le proteste che continuano ancora oggi. Vogliamo dare importanza alle scienze del trasferimento piuttosto che alle scienze mentali.
insegnante. Il Dr. Ekmeleddin İhsanoğlu, nel suo articolo intitolato “The Introduction of Modern Sciences in Ottoman Turkey”, ricorda che l’incontro con Joseph Needham ha portato a un nuovo orientamento nel mondo del pensiero. Una domanda posta da Needham negli anni ’40 lo porta a guardare ai nostri problemi da un’angolazione diversa.

Needham ha detto: “I cinesi erano molto più avanti dell’Europa nelle scoperte scientifiche e nei progressi tecnologici fino al XV secolo, e perché la rivoluzione scientifica non ha avuto luogo in Cina quando i veri inventori della macchina da stampa, della polvere da sparo e della bussola, che Francis Bacon descritto come tre invenzioni che cambiano il mondo, erano i cinesi? dice (pag. 23). Lo stato cinese, che ha realizzato con un po’ di ritardo questo potenziale della gente del paese, ha raggiunto il suo antico potere e ha avuto voce in capitolo nel mondo in breve tempo grazie a un’istruzione ben organizzata, centinaia di anni dopo.

L’economista tedesco Fritz Neumark ha dichiarato: “I turchi non ne sono molto consapevoli, ma gli europei ne sono consapevoli. Se i turchi vengono rimossi dalla storia, non ci sarà più storia. I Turchi, che provenivano da una geografia lontana dalla realtà e si stabilirono in Anatolia, la madre dell’Europa, e continuarono la loro esistenza in questa geografia per mille anni, soprattutto se la parte illuminata di questa società si libera del complesso di inferiorità che prova nei confronti Europa e America, possono riconquistare il loro potere che ha governato il mondo per un po’. . Finché lavoriamo per aumentare la nostra convinzione nel potere del progresso e dell’armonia esistenti in questa società, per liberarci dai nostri sentimenti di invidia e per correggere la nostra comprensione della moralità e della giustizia.

(Prof. Dr. Ekmeleddin İhsanoğlu, Primi passi nella modernizzazione ottomana, Istanbul, 2022)

Cari lettori, da agosto 2020 cerco di stare con voi ogni sabato e domenica da quasi due anni. Ho bisogno di una vacanza. Sto anche lavorando sodo per completare i miei due progetti di libri. Continuerò a scrivere solo la domenica fino all’inizio di settembre 2022, chiedendo perdono. Vi auguro buone vacanze estive, voglio continuare da dove avevamo interrotto a settembre. Amore e rispetto.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.