L’Italia firmerà un accordo sul gas con l’Algeria per ridurre la dipendenza dalla Russia

È stato dichiarato che il primo ministro italiano Mario Draghi firmerà un accordo che aumenterà del 50% la quantità di gas importato dall’Algeria, in un evento a cui parteciperà ieri in Algeria.

Con un nuovo accordo che dovrebbe essere firmato oggi, l’Algeria aumenterà del 50% la quantità di gas esportato in Italia. L’accordo consentirà all’Algeria di sostituire la Russia, diventando il più grande fornitore di gas italiano.

OBIETTIVO 31 MILIARDI DI METRI CUBI DI GAS

Il Paese nordafricano aumenterà la quantità di gas che esporta in Italia ogni anno da 9 a 10 miliardi di metri cubi. L’Italia ha importato 29 miliardi di metri cubi di gas dalla Russia nel 2021, mentre ha importato 21 miliardi di metri cubi dall’Algeria.

L’accordo dovrebbe essere firmato nel corso di un evento alla presenza del primo ministro italiano Mario Draghi, che visiterà oggi l’Algeria, insieme al presidente algerino Abdelmadjid Tebboune. L’accordo include l’aumento delle importazioni di gas dall’Algeria e investimenti congiunti nelle energie rinnovabili.

LA DIPENDENZA DA GAS RUSSA SI RIDURRÀ

L’Italia, che dipende dal gas russo per il 40% del suo consumo di gas, ha cercato forniture alternative mentre i leader dell’Unione Europea hanno cercato di prendere una posizione più dura contro l’invasione russa dell’Ucraina. Il paese aveva annunciato che avrebbe sostenuto questa decisione se l’UE avesse preso la decisione di vietare il gas russo.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.