Last minute: dichiarazioni critiche del presidente Erdogan

Dichiarazioni critiche del presidente Erdogan

Il presidente Recep Tayyip Erdoğan e il primo ministro italiano Mario Draghi hanno rilasciato un comunicato stampa congiunto ad Ankara.

I punti salienti sono i seguenti:

“Ringraziamo le autorità italiane per la collaborazione dimostrata dalle autorità italiane dopo l’incidente in elicottero nella regione Toscana del mese scorso in cui 4 dei nostri cittadini hanno perso la vita. Ci siamo concentrati sullo sviluppo delle opportunità di cooperazione Abbiamo scambiato opinioni su Abbiamo firmato nove accordi che rafforzerà l’istituzionalizzazione delle nostre relazioni in molti settori.

Le nostre relazioni economiche e commerciali crescono di giorno in giorno. Il nostro volume di scambi è aumentato del 34% lo scorso anno, superando i 23 miliardi di dollari. Un’altra caratteristica del nostro commercio bilaterale è che è equilibrato. I dati attuali mostrano che quest’anno supereremo facilmente la soglia dei 25 miliardi di dollari.

Siamo d’accordo che sarebbe vantaggioso organizzare il terzo meeting e business forum durante l’anno. Continueremo a incoraggiare le nostre aziende ad aumentare la cooperazione ea fare investimenti reciproci. La nostra cooperazione militare e la nostra cooperazione nel settore della difesa sono di particolare importanza.

“Abbiamo TROVATO UN’UNIVERSITA’ TURCO-ITALIANA”

Anche la cooperazione nella lotta al terrorismo è in cima alla nostra agenda. Ho condiviso le nostre aspettative nei confronti dell’Italia con il mio caro amico durante un incontro bilaterale. Abbiamo discusso con il Presidente del Consiglio della gestione dell’immigrazione e della lotta all’immigrazione clandestina. Vogliamo rafforzarlo attraverso consultazioni e progetti comuni in questo settore.

Abbiamo discusso le misure che possono essere adottate nel campo dell’istruzione e della cultura per consolidare le strette relazioni tra i nostri popoli. Il tentativo di creare l’Università italo-turca è il più importante di questi.

Li abbiamo ringraziati per il supporto dell’Italia nelle relazioni Turchia-UE. In questa fase, è essenziale rafforzare la prospettiva di adesione della Turchia. Credo che il supporto continuerà a crescere. Soprattutto in occasione del vertice, abbiamo discusso in dettaglio della crisi ucraina.

Ci siamo scambiati opinioni sul ritorno di Russia e Ucraina al processo negoziale, il piano delle Nazioni Unite per il grano. Abbiamo scambiato opinioni su altre questioni regionali, inclusa la Libia. L’Italia è un partner importante nel campo dell’energia. Abbiamo discusso di progetti e interessi comuni di sicurezza energetica, inclusa la nostra cooperazione nel giacimento di gas di Sakarya nella regione del Mar Nero”.

ITALIA: VOGLIAMO LAVORARE INSIEME

Intervenendo dopo il presidente Erdogan, il primo ministro italiano Draghi ha utilizzato le seguenti dichiarazioni:

“Paesi amici, paesi alleati, Turchia e Italia, stiamo affrontando grandi sfide. Vogliamo lavorare insieme. Anche Italia e Turchia sostengono Kiev. Stanno cercando una soluzione negoziata. Ogni paese è in una pace che l’Ucraina può accettare.I desidera esprimere il nostro grande apprezzamento per la sua mediazione, soprattutto nel campo dei cereali, un limite che può causare seri problemi nei paesi più poveri del mondo.

La Turchia ha un ruolo centrale qui. Spero che la Russia permetta questa iniziativa e apra i prossimi negoziati di pace. Le relazioni commerciali sono le relazioni che hanno determinato il passato del Mediterraneo.

Penso ai levantini, sono i rappresentanti delle antiche comunità mercantili sopravvissute all’estero. Abbiamo parlato dell’aumento nel 2021. C’è un aumento significativo nel 2022. PMI, sostenibilità; L’avanzamento di tutti questi elementi è l’obiettivo comune tra i nostri governi.

“ABBIAMO CONSIGLIATO LA ‘CONVENZIONE DI ISTANBUL’ AL SIG. ERDOĞAN”

Ho dato incoraggiamento e suggerimenti al signor Erdogan su come aderire alla Convenzione di Istanbul sui diritti umani. Quando diciamo Mediterraneo, parliamo di un ecosistema secolare. È un ecosistema fragile. Dobbiamo trattare le persone e l’ambiente con rispetto a tutti gli effetti. Dobbiamo anche gestire bene gli immigrati. Idem per l’ambiente, il clima, la biodiversità.

La stabilità in Libia è estremamente importante per la Turchia e l’Italia. Abbiamo discusso l’argomento e discusso cosa deve essere fatto in Libia per garantire pace e stabilità. Le prospettive e gli obiettivi dei due paesi sono il più vicini possibile. Sarà così in futuro. Così abbiamo deciso di continuare il nostro lavoro.

Molti corridoi devono essere aperti. Il corridoio di sicurezza deve essere aperto. La Turchia gioca un ruolo centrale qui, sotto l’egida dell’ONU. Queste navi non dovrebbero essere attaccate dai russi. Ucraina-Turchia e Russia sono pronte al riguardo. Si aspettano il coinvolgimento diretto del Cremlino”.

“IL CORRIDOIO DEL MAR NERO È MOLTO IMPORTANTE”

Dopo aver parlato di nuovo, Erdogan ha detto:

“Il corridoio del Mar Nero è di grande importanza. Gli approcci del signor Putin e del signor Zelensky sono importanti per quanto riguarda la questione. Stiamo continuando le nostre discussioni. Questo grano era il grano, ma l’orzo, l’olio di girasole e il loro trasporto nel mondo sono in domanda.

Al momento non abbiamo problemi in queste aree, ma c’è un problema nel mondo, soprattutto in Africa. Vogliamo continuare a fungere da intermediario per i due leader incontrando Mr. Gutterres sotto l’egida dell’ONU. Intensificheremo i nostri negoziati entro 1 settimana e 10 giorni e cercheremo di raggiungere un risultato.

SAMP-T è davvero importante per noi tra tre paesi, Italia, Francia e Turchia. All’ultimo vertice della NATO, abbiamo discusso la questione in dettaglio con Macron. Hanno detto che avrebbero parlato con il signor Draghi di questa questione. Abbiamo discusso di nuovo la questione durante il nostro incontro bilaterale di oggi. Lo hanno preso anche i nostri ministri della Difesa. Vogliamo arrivare alla fase di firma su SAMP-T il prima possibile. Questo è di grande importanza nei nostri sistemi di difesa. Siamo già pienamente d’accordo con il Presidente del Consiglio su questo tema. Allo stesso modo, abbiamo un accordo con Macron.

Soprattutto nei suoi sforzi (per respingere i profughi nell’Egeo e nel Mediterraneo), purtroppo la Grecia è ormai fuori dall’Europa, cioè la Grecia ha iniziato a rappresentare un pericolo per l’Italia. Dove cercano rifugio questi deportati e migranti irregolari? Cerca di rifugiarsi in Italia. Stiamo facendo del nostro meglio per recuperare queste persone dai mari e cercare di salvarle. Lo stesso problema esiste in Italia. Mi piacerebbe sentire i pensieri del signor Draghi su questo”.

DUE LEADER HANNO GUARDATO INSIEME IL CONCERTO

Il Presidente Recep Tayyip Erdoğan e il Primo Ministro italiano Mario Draghi hanno partecipato al concerto speciale organizzato dalla Presidential Symphony Orchestra (CSO) a nome del Vertice dell’Amicizia Italo-Turca.

CSO ha organizzato un concerto speciale presso il Presidential Complex per conto del Vertice dell’Amicizia Italo-Turca.

Anche il presidente Erdoğan e il primo ministro italiano Draghi hanno assistito al concerto.

In ricordo del concerto, il presidente Erdoğan ha presentato a Draghi le note della Marcia Mecidiye, composta da Donizetti Pasha per Sultan Abdülmecid e usata come March-ı Sultani tra il 1839 e il 1861.

Mustafa Şentop, presidente della Grande Assemblea nazionale turca (TBMM), il vicepresidente Fuat Oktay e il presidente della Corte costituzionale Zühtü Arslan erano tra gli ospiti del concerto.




Noemi Bonucci

"Specialista di Twitter. Tipico imprenditore. Introverso malvagio. Secchione impenitente della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.