“Definirlo documentario è un insulto al documento”

Il documentario “TERİM”, sulla vita del leggendario nome del Galatasaray, Fatih Terim, è stato pubblicato su Netflix, la piattaforma di serie e film online con sede negli Stati Uniti. Mentre il documentario ha attirato grande attenzione da parte dei tifosi turchi sin dal giorno della sua messa in onda, l’ex allenatore della squadra giallorossa ha criticato il documentario con parole dure.

Il documentario “TERİM”, sulla vita del leggendario nome del Galatasaray, Fatih Terim, è stato distribuito su Netflix, la piattaforma di serie e film online con sede negli Stati Uniti, venerdì mattina. Il documentario, che ha attirato grande attenzione da parte dei tifosi turchi, in particolare dei tifosi giallorossi, è stato tra i più discussi sui social.

Il documentario di Fatih Terim ha raggiunto il pubblico su Netflix venerdì. Concentrandosi sulla carriera e sulla vita privata dell’allenatore, che è una delle leggende della storia del calcio turco, la produzione ha catturato l’attenzione dei tifosi. Il documentario storico, che racconta la storia della vita del leggendario tecnico iniziata ad Adana, ha raccontato anche le giornate delle rappresentative italiane in Fiorentina e Milan.

Nel documentario in quattro parti, sono state presentate anche star di fama mondiale come i leggendari nomi delle squadre giallorosse Gheorghe Hagi, Gheorghe Popescu, Cláudio Taffarel, Felipe Melo, Fernando Muslera e i grandi del calcio portoghese Nuno Gomes e Rui Costa.

DURA CRITICA DELL’EX MANAGER

La scrittrice di HaberTürk Fatih Altaylı, che ha servito come secondo presidente del Galatasaray Sports Club sotto Mehmet Cansun tra il 2001 e il 2002, ha criticato il documentario sulla vita di Fatih Terim con parole dure. Affermando di aver visto il documentario con i suoi amici che conoscevano da vicino Fatih Terim, Fatih Altaylı ha definito il documentario “l’elogio di Fatih Terim” e ha usato le seguenti espressioni:

“Ho visto il documentario Fatih Terim, che è stato mandato in onda da Netflix con una grande campagna promozionale, dopo la partita del Galatasaray ieri sera, con alcuni dei miei amici, che conoscevano da vicino Terim ed erano amici.

NESSUNO PUÒ GUARDARE QUESTA “COSA” COME UN DOCUMENTARIO

Senza offesa, ma non è un documentario. Netflix non dovrebbe cercare di far passare questa “cosa” come un documentario e nessuno dovrebbe guardare questa “cosa” come un documentario.

Un cosiddetto DOCUMENTARIO

Non è un documentario. Ci sono film del genere, ma non sono documentari. Si chiama “omaggio”, non “documentario”. Non si raccontano i fatti, ma gli aspetti piacevoli dei fatti. Ciò che è stato fatto è una completa “lode di Fatih Terim”. Nel documentario tutto ciò che è positivo, negativo e controverso è raccontato in modo realistico, con testimonianze corrette e necessarie. Non così in questo cosiddetto documentario. Non ci sono veri testimoni. Alcuni degli eroi degli eventi sono stati cancellati dalla storia, ignorati. Le persone coinvolte non hanno testimonianze. Non ci sono eventi in momenti critici. Non c’è nessuno a dirglielo. Non si sa come Terim abbia lasciato il Galatasaray. Un resoconto superficiale, tante lusinghe e tanti elogi. Termine di benedizione. I risultati di Terim sono fuori discussione, ovviamente, ma i suoi fallimenti e le ragioni dietro di essi non vengono mai spiegati.

CHIAMARLO DOCUMENTARIO È UN’INFLUENZA SUL DOCUMENTO E SUL SEME

Non c’è niente contro i trasferimenti di giocatori importantissimi, i pessimi trasferimenti, le testimonianze di calciatori e allenatori nelle loro giornate in Italia. Non è nemmeno chiaro cosa sia successo all’incontro casalingo dove ha lasciato il Galatasaray e si è recato in Italia. Blowout è un documentario. Inoltre, è una sceneggiatura terribile, una narrazione disastrosa. È una finzione vergognosa. È impossibile capire come Netflix abbia accettato un lavoro così terribile. Guarda il documentario Last Dance, che è stato trasmesso sulla stessa piattaforma e su Michael Jordan, e questo. Oppure guarda il documentario The Figo Case, sul trasferimento di Luis Figo dal Barcellona al Real Madrid. Questa è una vera storia di “Buono per l’Oriente”. Definirlo documentario è un insulto sia al documento che al diluvio”.

Gaetana Capone

"Appassionato di TV. Fanatico del bacon certificato. Esperto di Internet. Appassionato di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.