Siamo pronti per essere il garante della neutralità dell’Ucraina

Il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Mayo ha detto che l’Italia sta lavorando per fermare la guerra in Ucraina, “Il governo italiano è pronto a contribuire al processo di pace e ad essere garante della neutralità dell’Ucraina”. menzionato.

Il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Mayo ha detto che il suo Paese è pronto a garantire la neutralità dell’Ucraina. In una dichiarazione dopo l’incontro con il suo omologo azero, Ceyhun Bayramov, a Baku oggi, il ministro degli Esteri italiano ha dichiarato: “L’Italia lavora instancabilmente per porre fine a questo conflitto attraverso sanzioni e non rinuncia mai a una soluzione diplomatica. Le trattative in corso tra le parti e un cessate il fuoco umanitario sono prioritarie. Prendiamo atto dei progressi compiuti in Turchia dall’incontro tra le due delegazioni. Il governo italiano è pronto contribuire al processo di pace e fungere da garante della neutralità dell’Ucraina. ha notato.

GARANZIA DI SICUREZZA PER L’UCRAINA

Il tentativo di invasione della Russia del 24 febbraio e gli attacchi all’Ucraina sono entrati nel loro secondo mese. A seguito degli sforzi diplomatici della Turchia, questa volta le delegazioni ucraina e russa si sono incontrate a Istanbul per negoziare. Dopo i negoziati, la parte ucraina ha rilasciato dichiarazioni in merito alle garanzie di sicurezza offerte. Parlando a nome della delegazione, il funzionario ucraino David Arahamiya ha affermato di voler vedere un certo numero di paesi, tra cui la Turchia, come garanti. Nella dichiarazione, “Vogliamo vedere molti paesi, tra cui la Turchia, come garanti. Non siamo riusciti ad accordarci sulle garanzie di sicurezza. Tuttavia, se verranno fornite garanzie di sicurezza, passeremo allo stato neutrale” è stato detto.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.