Una spiegazione del sistema dal tecnico della nazionale Stefan Kuntz prima della partita contro l’Italia! tripla difesa



La nostra nazionale di calcio affronterà l’Italia in amichevole martedì 29 marzo a Konya. Prima della dura lotta, l’allenatore della nazionale Stefan Kuntz e il calciatore della nazionale Hakan Çalhanoğlu hanno rilasciato dichiarazioni durante la conferenza stampa.


STEFAN KUNTZ: GIOCHIAMO NOI


Non spiegherò la tattica prima della partita. Tuttavia, è vero quello che ha detto Hakan Çalhanoğlu, giocheremo tre. Ho visitato molti dei miei giocatori e l’argomento del sistema è emerso nelle chat.


a Merih, Italia; Çağlar sta già giocando con questo sistema in Inghilterra. Ozan a volte gioca anche in tre e talvolta in quattro. Quindi i miei 3 difensori più importanti sono soggetti a questo sistema. Ho già discusso di questo sistema con i miei giocatori. Piace anche a loro.


La mia critica è stata che la squadra non credeva nella vittoria della partita contro il Portogallo e non ha mostrato abbastanza coraggio. Ho chiesto loro se volevano giocare con il vecchio sistema. Ma mi hanno detto che l’unica domanda era il coraggio.


Salih Özcan ha telefonato dopo che sono diventato l’allenatore della nazionale e gli ho chiesto della sua situazione. Voglio anche ringraziare Salih. Ha preso la sua decisione in fretta. La sua famiglia è stata di grande aiuto. Anche gli amministratori del TFF hanno effettuato transazioni molto rapidamente.


Se chiamassi Soner Dikmen dal Konyaspor, chi taglierei nel mezzo? Berkan Kutlu è famoso? Ha più esperienza nelle coppe europee ed è mancino. Questo è un criterio importante per noi. Sono l’allenatore della nazionale. Sto lottando per prendere la decisione migliore.


Abbiamo dovuto scegliere tra Deniz Undav e Umut Bozok. Abbiamo preferito Umut, ma a Deniz la nostra porta è sempre aperta.


HAKAN CALHANOĞLU: VOGLIO CHE GIOCIAMO CON IL SISTEMA DI DIFESA 3


Sono consapevole di questa responsabilità, spero di portarla con orgoglio. Dopo il fratello Burak, io sono il capitano. Indosso questa maglia da anni dal 2013. Ricordo i tempi che ho passato con i fratelli Arda ed Emre in questi anni. Ora il fratello maggiore Burak se n’è andato.


Penso che l’Italia andrà bene. Entrambe le squadre non sono riuscite a qualificarsi per la Coppa del Mondo e sono sconvolte. La partita di domani è importante per noi. La gente di Konya è sempre stata gentile con noi. Speriamo di vedere una bella partita domani.


Sono contento della tripla difesa, è quello che gioco all’Inter. Ora voglio che giochiamo anche in questo sistema. È così che giocano tutti nelle qualificazioni europee. A volte potresti incontrare difficoltà. Abbiamo avuto difficoltà contro il Portogallo, ma abbiamo trovato occasioni anche nel secondo tempo.


Quando siamo entrati negli spogliatoi dopo la partita, eravamo molto sereni. Eravamo così dispiaciuti. Nessuno può sentire la tristezza del fratello Burak. Ha lavorato tanto per la nazionale. Abbiamo provato a prenderlo. Si è sempre preso cura di noi. Grazie ancora qui.


Non abbiamo avuto una conversazione con il professore sulla tripla difesa. È la decisione del docente e del comitato tecnico. Ho solo espresso la mia opinione. Io gioco con questo sistema all’Inter, per esempio, e Merih all’Atalanta.




Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.