Ultimo minuto: Metin Gürcan è stato arrestato

Metin Gürcan è stato arrestato

Gurcan; Nell’ambito dell’indagine aperta dalla Procura generale di Ankara; È stato seguito tecnicamente e fisicamente dalle squadre antiterrorismo. Dopo più di 1 anno di follow-up tecnico e fisico, il pulsante operativo è stato premuto. Gürcan è stato arrestato a Istanbul la scorsa settimana e portato alla Direzione del ramo antiterrorismo di Ankara. Qui gli sono state poste domande dettagliate. Habertürk ha raggiunto la dichiarazione della polizia di Gürcan.

Nella sua dichiarazione, Gürcan ha menzionato la storia delle forze armate turche e ha affermato di fornire servizi di consulenza a individui e istituzioni che ne hanno fatto richiesta dal 2019. In particolare, questi servizi di consulenza; Ha detto di aver fornito informazioni su paesi come Turchia, Siria, Iraq, Iran, Ucraina, Afghanistan e Libia. Queste informazioni sono accessibili al pubblico; Ha affermato di averlo compilato dalle fonti, ha affermato di non condurre attività di spionaggio, di non condividere documenti e informazioni riservate.

Metin Gürcan, membro fondatore del Partito Democrazia e Atılım (DEVA), arrestato nell’ambito delle indagini della Procura generale di Ankara, è stato arrestato in serata per “spionaggio politico e militare”.

A seguito dell’interrogatorio, la magistratura ha deciso di arrestare Gürcan per lo stesso reato.

IMMAGINI RICHIESTE

Gürcan è stato anche interrogato sulle immagini ottenute durante il follow-up tecnico. In queste immagini; Gürcan stava incontrando i capi delle missioni estere in un hotel e nel parcheggio di un centro commerciale ad Ankara. Inoltre, ci sono stati momenti in cui ha ricevuto buste dalle persone con cui stava parlando.

$ 400 IN UNA BUSTA

Durante l’interrogatorio, a Gürcan è stato chiesto di queste immagini. “Chi è la persona con cui stai parlando? Qual era lo scopo di fornire a questa persona informazioni sulle attività militari e diplomatiche del vostro paese? Cosa c’era nella busta? è stato detto. Gürcan ha dato la seguente risposta a questa domanda:

“La persona… è il gentiluomo… che è il diplomatico responsabile dell’ambasciata. Per lui presento i grafici e le analisi che ho preparato da fonti aperte, compresi gli sviluppi settimanali non solo in Turchia ma anche in paesi come Iraq, Iran, Siria, Afghanistan, Libia, Grecia e Ucraina di volta in volta. Nella busta che mi ha dato c’era una nota informativa sulle carte e 400 dollari che regolarmente consegnava a mano.

“NON PRENDO L’ATTEGGIAMENTO INTELLIGENTE”

Gürcan è stato interrogato non solo sulle immagini, ma anche sulle richieste ottenute durante il follow-up tecnico. Gürcan ha usato costantemente la parola “sede centrale (HQ)” in questi discorsi.

Riguardo a questa situazione, Gürcan ha affermato: “Nelle ricerche, il termine HQ è usato per le agenzie di intelligence e le istituzioni militari, e il termine ministero è usato per i ministeri degli affari esteri. Da questo punto di vista, si capisce che lei sa che il suo interlocutore è un ufficiale dei servizi segreti. Perché hai continuato le tue conversazioni con qualcuno che conosci essere un ufficiale degli affari esteri e dei servizi segreti? è stata posta la domanda. Gürcan ha dichiarato: “Lo conosco come rappresentante della missione diplomatica presso (…) l’ambasciata. “Non ho mai dedotto l’atteggiamento di un ufficiale dei servizi segreti dal suo comportamento”, ha detto.

ANCHE STRISCE RICHIESTE

Durante il suo incontro con i suddetti diplomatici, è emerso che Gürcan aveva effettuato anche valutazioni approfondite su paesi come Siria, Nagorno-Karabakh e Libia, dove la Turchia svolge attività operative o educative. Il contenuto di queste riunioni è stato chiesto anche a Gürcan come domanda. Alcuni di questi dialoghi che sono entrati nel fascicolo dell’indagine sono:

Diplomatico: qual è la situazione con la Russia? E l’Osservatorio congiunto sul trattato di pace?

Gurcan: Nel Karabakh. Non hanno funzione operativa, quindi non potremo vedere le truppe turche a terra. Non ci sono soldati turchi che pattugliano la zona.

Diplomatico: Solo ufficiali?

Gürcan: Sì, solo gli ufficiali seduti al centro.

Diplomatico: Bene.

Gürcan: I russi non vogliono che i soldati turchi pattugliano, ne sono sicuro al 100%. Un mio amico mi ha detto che i droni turchi dovrebbero essere usati per monitorare gli atti terroristici di Ankara.

Diplomatico: Droni?

Gürcan: Ankara ha affermato di voler utilizzare i propri droni nella regione per ottenere informazioni. I russi non lo volevano.

Diplomatico: I russi raccoglieranno informazioni e intelligence, la Turchia starà solo a guardare?

Gürcan: Sì, guarderà solo.

Diplomatico: Come possiamo vedere, Erdogan ha finalmente trovato un modo per entrare nel Caucaso.




Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.