Ultime notizie: il primo ministro italiano Draghi ha valutato il suo incontro con Putin e la guerra russo-ucraina

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha detto ieri che il presidente russo Vladimir Putin gli ha detto nelle telefonate che c’erano progressi nei negoziati e che le parti si stavano avvicinando l’una all’altra.

Il presidente del Consiglio Draghi ha risposto alle domande dei giornalisti all’ordine del giorno durante la conferenza stampa presieduta dalla giornalista turca Esma Çakır, responsabile dell’Associazione, presso l’Associazione della stampa estera a Roma, dove è rappresentata anche l’Agenzia Anadolu (AA).

Draghi, che ha aperto l’incontro valutando il colloquio telefonico che ha avuto ieri con Putin, ha detto al leader russo: “Ho detto che volevo parlare di pace. Ha approvato anche quello. Gli ho detto che dimostrare che la pace esiste è attraverso un cessate il fuoco. Anche se per poco tempo, con un cessate il fuoco. Putin mi ha detto: “Le condizioni non sono mature per questo”, ha risposto. Ma poi a Mariupol si è aperto il corridoio umanitario”. menzionato.

Draghi ha detto: “Ho espresso che forse dovrebbero incontrare (il presidente ucraino Vladimir) Zelenskiy per sciogliere alcuni nodi. Zelenskiy stesso ha espresso questo desiderio dall’inizio della guerra. Putin ha detto che le condizioni non sono mature neanche per questo. Negoziatori dovrebbe continuare i colloqui. Putin ha detto. “Uno dei punti su cui ha insistito è stato che ha detto che ci sono stati piccoli passi avanti nei negoziati e che le due parti si stavano avvicinando un po’. Vedete, sono cauto perché c’è ancora molto scetticismo.” ha usato la frase.

Mario Draghi ha osservato che l’Italia è stata richiesta da Russia e Ucraina come Paese “garante” per l’attuazione degli articoli negoziali.

Il primo ministro Draghi ha anche affermato che è difficile capire dal discorso di 40 minuti se la posizione di Putin sia cambiata dall’inizio della guerra.

Sottolineando che difendere l’Ucraina significa difendere il “multilateralismo”, il Primo Ministro ha sottolineato che l’Europa è una su questo tema.

Draghi ha detto che costruire una difesa europea è essenziale per l’unità politica.

Riferendosi al vertice UE-Cina e al ruolo che la Cina può svolgere per la pace nella guerra russo-ucraina, Draghi ha affermato: “Ho aspettative positive sul ruolo della Cina. Dobbiamo vedere se le aspettative sono confermate dal comportamento della Cina. ” menzionato.

“I contratti in essere restano in vigore”

Sottolineando che il gas naturale acquistato dalla Russia non può essere pagato in rubli, Draghi ha affermato: “I contratti esistenti restano in vigore. Le aziende europee continueranno a pagare in euro o dollari per il gas naturale. I paesi occidentali affermano che la richiesta di pagamento in rubli è inaccettabile e “Penso che la questione del rublo sia il processo interno della Russia. La Russia non può vendere gas a nessun altro cliente senza l’Europa”. menzionato.

Draghi ha osservato che le forniture di gas dalla Russia all’Italia e ad altri paesi dell’UE “non sono in pericolo al momento”, ma che dovrebbero diversificare le proprie fonti energetiche e puntare su fonti di energia rinnovabile.

Alla domanda se la Turchia sarà inclusa nel progetto del gasdotto ‘Eastmed’, da tempo all’ordine del giorno nel Mediterraneo orientale, Draghi ha detto: “Non so se la Turchia sia coinvolta o meno. Quel che è certo è che la Commissione Europea continua a lavorare sulla fattibilità di questo progetto, ma qui è economica e “va valutata in termini di sostenibilità in campo energetico. Gli eventi degli ultimi due mesi cambiano fortemente i giudizi in merito all’applicabilità.” ha dato la risposta.

Esprimendo che la spesa per la difesa dell’Italia è equivalente all’1,4% del PIL, Draghi ha affermato che il suo paese ha un livello di spesa inferiore a Germania, Francia e Regno Unito e che dovrebbero raggiungere l’obiettivo di aumentarlo al 2% con “continuità e realismo ”. .

Nella stessa conferenza stampa è stato chiesto al premier Draghi come il corrispondente di AA valutasse il ruolo della Turchia tra le parti della guerra russo-ucraina. Tutti i paesi qui sono pronti a collaborare con la Turchia in questa direzione. ha dato la risposta.

L’ultima notizia

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.