Tuğbu Kuzu “La maggior parte dei pazienti europei viene in Turchia”

La Turchia è di nuovo all’attacco del turismo sanitario. L’effetto calante della pandemia ha fatto risplendere la star turca nel campo del turismo sanitario.

Dopo la revoca delle misure contro il coronavirus, in particolare i divieti di volo, i pazienti di tutto il mondo hanno iniziato ad affluire in Turchia.

Coordinatore del centro di trapianto di capelli Tuğba Kuzu, “La maggior parte dei pazienti europei viene in Turchia. Il 65% dei visitatori proviene dall’Europa, il 35% dal Medio Oriente e da altri paesi”, ha affermato.

Secondo le informazioni fornite da Kuzu, il volume del turismo sanitario prima della pandemia era di 3 miliardi di dollari. L’epidemia globale ha colpito profondamente il turismo sanitario. Kuzu ha dichiarato: “Tuttavia, il 2022 è stato l’anno della guarigione, come prima della pandemia, i pazienti hanno iniziato a fluire in Turchia. Le nostre entrate del turismo sanitario hanno nuovamente raggiunto il livello di $ 2 miliardi. Prevediamo che la crescita continuerà in modo esponenziale nel prossimo anno.

Vengono più pazienti europei che arabi

La Turchia è una destinazione frequente per gli europei nei settori delle cure dentistiche, dell’estetica, del trapianto di capelli, dell’ortopedia, dell’oncologia e dei trattamenti di fecondazione in vitro. Sottolineando che 642.444 persone vengono in Turchia ogni anno per turismo sanitario, Tuğba Kuzu ha anche chiarito da dove proviene la maggior parte dei pazienti.

Kuzu ha affermato che la percezione generale è che gli arabi vengano principalmente per il trapianto di capelli, ma questa informazione non è vera e ha continuato: “All’inizio degli anni 2010, gli arabi erano molto impegnati per il trapianto di capelli, ma ora la situazione è cambiata. Il 65% dei visitatori sono europei.Provengono principalmente da paesi come Italia, Spagna, Paesi Bassi, Austria, Francia, Svezia, Norvegia, Finlandia. Riceviamo anche pazienti dalla Romania e dalla Bulgaria.Pazienti da paesi come Canada, Austria, USA, Corea del Sud, Cina , Giappone e India sono venuti a conoscenza della Turchia e hanno iniziato a venire. Il numero dei nostri pazienti arabi è molto indietro rispetto a quello dei pazienti europei. Il tasso di pazienti al di fuori dell’Europa è di circa il 35%”

Tuğba Kuzu ha affermato che la maggior parte del crescente interesse per il turismo sanitario verso la Turchia è un sistema sanitario ben consolidato e il successo dei medici, e ha affermato: “La bellezza del nostro Paese e soprattutto il fatto che Istanbul sia un centro di attrazione è efficace anche nell’attrarre i pazienti.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.