Segreti di leadership – Melih Asik

Perché Ataturk era un grande leader? Quali erano i suoi segreti di leadership?

Un giornalista americano chiede:

– Come fai il tuo lavoro?

Risposta:

“Non penso a come avere successo in un lavoro. Penso a cosa potrebbe impedirmi di fare questo lavoro. Una volta rimossi gli ostacoli, il lavoro si farà da solo.

Come comportarsi in una situazione difficile?

Mazhar Müfit ha detto a Kansu: “Il mio lavoro di fronte a qualsiasi difficoltà è determinare a fondo la situazione e quindi decidere quale azione intraprendere in risposta a quella situazione. Dopo aver preso questa decisione una volta, attua la decisione senza esitazione se farlo o meno. Credo che riuscirò e mi eserciterò.

Celal Bayar spiega: “Non c’è spazio per le emozioni nella metodologia di Atatürk; Così come uno scienziato che entra nel laboratorio non fa distinzione tra ossigeno e idrogeno nel tubo, e non ne vede uno più vicino a sé, uno statista che entra nel laboratorio delle scienze sociali deve liberarsi di tutte le sue emozioni per giungere alla giusta conclusione. Atatürk è stato in grado di fare proprio questo.

Yakup Kadri Karaosmanoğlu dichiara di avere la capacità di giudizio profondo, visione precisa e decisione audace e dice:

“Deve l’80% delle sue qualifiche alla professione militare”.

Agire in modo pianificato e organizzato e ascoltare la scienza fanno parte dei principi guida di Ata.

Giovani, Pr. Puoi trovare molte informazioni al riguardo nel libro di Hikmet Özdemir “I segreti della leadership di Atatürk”.

MOMENTI DIFFICILI

Lo scrittore Yakup Kadri Karaosman-oğlu, uno dei nomi vicini ad Atatürk, un giorno gli chiede del periodo in cui si è sentito più solo e impotente. Né la sua infanzia, né le guerre… Atatürk descrive i giorni in cui “va di porta in porta nella Istanbul occupata e cerca di persuadere le persone a unirsi alla Lotta Nazionale” come il suo periodo più difficile. Nella Istanbul occupata, ci sono così poche persone pronte a ribellarsi per sbarazzarsi della prigionia…

Alev Coşkun racconta in questi giorni nel suo libro “L’ignoto 6 mesi prima di Samsun”.

L’eroe di una delle storie sorprendenti del libro è l’autore Refi Cevad Ulunay. Il pro-sultano Ulunay è il primo membro della stampa a visitare Mustafa Kemal Pasha nella sua casa di Şişli. Quando Ulunay torna al diario dalla sua intervista del 4 febbraio 1919, i suoi amici chiedono di cosa stessero parlando.

“Attualmente, se ci trasferiamo in Anatolia, lì si stabilisce un’organizzazione e si mobilita la resistenza nazionale, i francesi, gli inglesi e gli italiani sarebbero espulsi dal Paese, il Paese riacquisterebbe la sua indipendenza e la nazione sarebbe liberata dalla prigionia. Capite? Quest’uomo non è pazzo, era pazzo “, dice di Atatürk.

Anni dopo, a Ulunay viene chiesto se si rammarica di aver commesso un errore.

La risposta di Ulunay:

– No, avevo ragione, tutti la pensavano come me. Era l’unico uomo in quel momento a pensarla così.

NORD

Il generale di brigata in pensione Eslen commenta l’ultima situazione nella guerra russo-ucraina:

“L’esercito russo non è riuscito a catturare Kiev, la città più grande dell’Ucraina, e si è ritirato. Non riuscì nemmeno a catturare la sua seconda città più grande, Kharkov, e si ritirò. L’esercito russo perse molti dei suoi generali sul campo di battaglia e la prestigiosa nave da guerra della marina, la Moskva, subì una grave perdita di prestigio. La guerra ucraina ha dimostrato che l’esercito russo non era forte come si pensava. In questo caso? Se l’esercito russo non è così forte come pensiamo, perché abbiamo bisogno di una NATO più forte e allargata? Questa è la vera domanda che dobbiamo porci. »

Il generale Eslen afferma che l’obiettivo degli Stati Uniti, che hanno convinto Finlandia e Svezia ad aderire alla NATO, è ottenere il controllo sia del Mar Baltico che della rotta commerciale artica a nord. Il controllo della rotta commerciale artica influisce sul commercio europeo con la Cina.

BESIKTAS

Sullo schermo si discute da dove viene il nome del distretto di Beşiktaş. Ognuno dice quello che pensa.

Troviamo una convincente spiegazione del nome Beşiktaş nel libro intitolato “Dizionari Galatat”.

Prima della conquista, il nome di Beşiktaş era “Kona Petro”… Significa “Culla di pietra”… Un sacerdote della chiesa portò una barca di marmo da Gerusalemme a Istanbul e la collocò nella ‘chiesa.

La culla di pietra divenne gradualmente Beşiktaş. Si dice che questa pietra sia stata trasportata dalla chiesa a Santa Sofia.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.