“Sarò ad Ankara per il vertice bilaterale con la Turchia a inizio luglio”

Primo Ministro d’Italia Mario Draghinella camera alta del parlamento, il senato Guerra ucraina, sviluppi e contatti internazionali parlamentari informati.

Affermando che la guerra in Ucraina è entrata nel suo 85° giorno, Draghi ha affermato che la speranza della Russia di catturare la maggior parte dell’Ucraina in breve tempo ha incontrato la resistenza degli ucraini. Esprimendo che occorre raggiungere al più presto un cessate il fuoco per evitare che la crisi umanitaria si aggravi, Draghi ha affermato: “L’Italia agirà con i suoi partner e alleati europei per qualsiasi mediazione, ma l’Ucraina deciderà come sarà la pace, una pace senza l’Ucraina è inaccettabile.” disse.

ANDRO’ IN TURCHIA

Ricordando che il vertice intergovernativo tra Italia e Turchia non si svolge da 10 anni, Draghi ha detto, “Sarò ad Ankara per il vertice bilaterale con la Turchia di inizio luglio. Durante questo incontro si discuteranno le prospettive diplomatiche e negoziali nel contesto del conflitto e il rafforzamento delle relazioni tra Italia e Turchia”. usato l’espressione.

I RISULTATI DELL’INVASIONE SONO TERRIBILI

Primo Ministro d’Italia, “Le conseguenze dell’occupazione russa sulla vita umana sono disastrose. La scorsa settimana sono state scoperte fosse comuni anche a Kiev. L’Italia ha offerto il suo sostegno per le indagini sui crimini di guerra” disse.

Notando che l’Ucraina e la Russia sono due importanti esportatori di grano nel mondo e che molti paesi dipendono da questi due paesi, “L’indice dei prezzi dei generi alimentari è salito e ha raggiunto un livello record a marzo. Soprattutto in Africa e Medio Oriente, dove il rischio di crisi alimentari è in aumento, c’è una situazione che sta avendo un effetto devastante”. fa il suo commento.

LA DIPENDENZA DA GAS RUSSA SARÀ EVITATA

Esprimendo che non dipenderanno più dal gas russo dalla seconda metà del 2024, secondo le previsioni del governo, il premier Draghi si è detto al massimo livello di determinazione per rimuovere i limiti burocratici sulle fonti di energia rinnovabile e le barriere agli investimenti.

Nel frattempo, Draghi ha affermato che la NATO ha intensificato le sue azioni sul fianco orientale, aggiungendo che invierà 1.000 soldati in più in Ungheria e Bulgaria, oltre alla presenza militare italiana già nella regione, e che prevede di inviare un sistema di difesa aerea in Slovacchia.

Il Primo Ministro italiano ha ribadito il suo sostegno all’adesione di Finlandia e Svezia alla NATO.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.