Primo Ministro italiano Draghi: non sono riuscito a raggiungere Zelenskiy

Primo Ministro italiano Draghi: non sono riuscito a raggiungere Zelenskiy

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha dichiarato di aver accettato di incontrare il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy in mattinata, ma non ha potuto tenere l’incontro con il leader ucraino.

Draghi ha informato l’Assemblea Generale della Camera dei Rappresentanti, la camera bassa del parlamento, dell’intervento militare russo in Ucraina.

Esprimendo la sua solidarietà e sostegno all’Ucraina, il primo ministro Draghi ha dichiarato: “Immagini orribili ci riportano ai giorni più bui della storia europea”. disse.

Draghi ha detto di aver partecipato al Consiglio dell’Ue, tenutosi ieri sera in una riunione straordinaria a Bruxelles, capitale del Belgio, per discutere dell’attacco della Russia all’Ucraina.

“Il momento in cui il presidente Zelensky dell’Ucraina ha partecipato ieri al Consiglio è stato un momento drammatico. Si stava collegando da un luogo segreto a Kiev. Ha detto che il tempo stava finendo, lui e la sua famiglia erano l’obiettivo delle forze di occupazione russe. . Era un momento drammatico che ha toccato tutti i presenti al Concilio: lui ha chiamato e abbiamo fissato un appuntamento telefonico alle 9:30, ma non è stato possibile fare una telefonata perché il presidente Zelenskiy non era più disponibile.

“GRAVE VIOLAZIONE DEI VALORI FONDAMENTALI EUROPEI”

Affermando di aver approvato ieri a Bruxelles una serie di misure severe in merito alle sanzioni contro la Russia, Draghi ha dichiarato: “L’Italia condanna fermamente l’invasione, che riteniamo inaccettabile. Questo attacco è molto importante per la sovranità di uno Stato libero e democratico, gli accordi internazionali ei valori europei più fondamentali. Questa è una grave violazione”, ha fatto la sua valutazione.

Condividendo le informazioni secondo cui 240 soldati italiani stanno partecipando alle missioni Nato in Lettonia e Romania, il Presidente del Consiglio italiano ha dichiarato: “Siamo pronti a fornire circa 1.400 soldati delle forze aeree, marittime e di terra e, se necessario, altri 2.000 soldati sono disponibile.” disse.

Draghi ha ricevuto molti applausi dai parlamentari italiani mentre ha ribadito il suo sostegno e solidarietà a Zelensky e al popolo ucraino.

LA REAZIONE DI ZELENSKY

Zelensky ha risposto ai commenti di Draghi “Non potevo raggiungere Zelenskiy” su Twitter. Alle 10:30 di questa mattina ci sono stati violenti scontri a Chernihiv, Hostomel e Melitopol. Le persone sono morte. La prossima volta fisserò il programma della battaglia a un’ora più specifica per parlare con Draghi. Nel frattempo, l’Ucraina continua a combattere per il suo popolo”, ha affermato.




Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.