prima strada

Mardin è una delle poche città dell’Anatolia che ha conservato in larga misura la sua vecchia struttura urbana o architettonica. In questo senso, Mardin è una città poco colpita dalla distruzione in un ambiente in cui la modernizzazione sta trasformando le città molto rapidamente. È molto fortunato che né il periodo ottomano né quello repubblicano abbiano avuto una svolta moderna molto seria nell’area di insediamento che chiamiamo Old Mardin. Sebbene il primo piano di sviluppo su larga scala di Mardin sia stato elaborato da Eyüp Kömürcüoğlu nel 1944, non è stato attuato. Pertanto, Mardin si è confrontato meno con gli interventi spaziali moderni che erano comuni ad Ankara, Istanbul e in varie città dell’Anatolia in quel momento.

Quando osserviamo la storia architettonica di Mardin, vediamo che la prima seria articolazione o intervento sull’architettura della città fu fatta dai missionari occidentali dopo la seconda metà dell’Ottocento. Edifici come scuole, ospedali e chiese costruiti da missionari italiani, francesi e americani sono i primi tocchi dell’architettura tradizionale della città. Un’altra svolta seria all’architettura tradizionale è stata data a Mardin First Street. Con la proclamazione della Repubblica, questa via fu denominata “Cumhuriyet Caddesi”, in quanto era la via più trafficata e più grande di Mardin, come in molte altre città dell’Anatolia. La prima strada, che si estende da Diyarbakır Kapı all’ex edificio degli uffici governativi (ora Facoltà di Architettura dell’Università Mardin Artuklu) e Savur Kapı, era una strada tradizionale aperta al traffico umano e animale solo prima di subire i primi interventi moderni. Nonostante ciò, questa strada era ancora in una posizione centrale a Mardin.

Il problema della ristrettezza della First Street sorse per la prima volta con l’arrivo dei tedeschi a Mardin nei primi anni della prima guerra mondiale. Quando i tedeschi, alleati all’epoca dell’Impero ottomano, costruirono la ferrovia dell’Hejaz nel 1914-15, revisionarono e ampliarono la stretta e superflua First Street, che divideva la città a metà in direzione est.-ovest, in ordine di passaggio di veicoli, secondo le moderne condizioni dell’epoca. Pertanto, la città aveva una strada che poteva essere utilizzata solo da esseri umani e animali e un’autostrada dove potevano passare anche le auto. Con l’ingresso dei veicoli a motore nelle strade, sono apparse nuove possibilità di trasporto e la mobilità in città si è diffusa e accelerata. Di conseguenza, anche il settore dei trasporti e del trasporto passeggeri in città è cresciuto nel tempo. Con l’apertura della strada, i sotterranei delle case sulla strada furono trasformati in negozi, così questo luogo divenne anche il centro di commerci.

Benché i documenti storici a disposizione confermino definitivamente quanto sopra accennato, il “15. Secondo la pubblicazione “Mardin l’anno della Repubblica”, la “via ampia e ordinata” si formò nel 1915 “sul mecenatismo e gli ordini costruttivi e creativi ” da Mustafa Kemal Pasha. Secondo questo, Mustafa Kemal Pasha è arrivato a Mardin in auto da Ras al-Ayn a Diyarbakir. A proposito, questa macchina sarà la prima macchina che Mardin abbia mai visto. Nei resoconti successivi, questa macchina viene riferita come la “macchina felice”. Non è stato possibile per Mustafa Kemal guidare fino al luogo in cui sarebbe alloggiato nella Città Vecchia, e ha dovuto camminare per le strade poco igieniche in quel momento, fino al Mardin Rüştiyesi (l’attuale Istituto di maturazione di Mardin) dove sarebbe andato a pernottare. Allora il pascià diede ordine e ordinò che la strada fosse allargata e migliorata. Le affermazioni nella suddetta pubblicazione sono le seguenti nt:

“Il Gran Capo è venuto a Mardin in macchina da Resul’ayn diretto a Diyarbakir e ha trascorso la notte nell’attuale edificio della scuola secondaria. La prima macchina che Mardin vide fu questa macchina felice che riportò da lui il Grande Salvatore. Mardin stava nuotando in rovina in quel momento. Non era possibile che due persone, non automobili, si incrociassero una accanto all’altra sulle loro strade. Tuttavia, molti camion di trasporto hanno dovuto seguire. Il Grande Leader ha convocato il sindaco, il signor Hıdır Kümeli. Tuttavia, non è stato possibile portare a termine questo compito con le entrate del comune, che consistevano in 120.000 kuruş. L’incomparabile Mustafa Kemal ha trovato il sindaco vendicato nella sua esposizione e ha dato una compagnia di fortificazione di 200 uomini all’ordine del sindaco di aprire le strade e svolgere rapidamente altri lavori di costruzione. Qui, 23 anni fa, si formò l’odierno viale ampio e ordinato, sotto il patrocinio e gli ordini costruttivi e creativi del Grande Salvatore. … Non c’era strada in città che potesse essere chiamata strada. Come miglior esempio di ciò, possiamo mostrare che quando il nostro Grande Antenato si recò a Mardin per attraversare Diyarbakir, le sue auto non potevano andare avanti. Quando la strada principale è in questo stato, non è difficile intuire quanto siano patetiche le altre strade e strade. A quel tempo non c’era un ordine intermedio nemmeno su 2-3 metri da nessuna strada. All’inizio di ogni tappa si incontrano buche che non scendono al di sotto dei dieci centimetri; Queste strade avevano una vista indistinguibile di fango in inverno e polvere in estate.

Secondo le conclusioni di H. İbrahim Regular, del cui lavoro sull’argomento abbiamo beneficiato, queste informazioni attribuite a Mustafa Kemal Pasha non riflettono la verità. Perché Mustafa Kemal Pasha era nella Guerra dei Dardanelli nel 1919. Quando fu nominato nel Fronte Orientale nel 1916, venne a Mardin per la prima e l’ultima volta. Tuttavia, l’espansione di First Street è stata effettuata dai tedeschi durante questi anni. I fedeli e leali funzionari del centro comunitario di Mardin probabilmente non riuscirono a trovare nessun altro argomento per lodare Pasha in questo momento, poiché non vedevano alcun male nell’affermare questa domanda documentata in questo modo.

Oltre a queste opere dei tedeschi, First Street fu ampliata due volte nel 1923 e nel 1927 con opere più piccole. Oggi, la First Avenue si rinnova nuovamente nel 2013-2014. Quello che è interessante è che solo un secolo dopo i tedeschi questa strada subì una trasformazione radicale.

***

Veniamo alla situazione attuale… “Dov’è il cuore di Mardin? Alla domanda, la prima risposta che quasi tutti daranno senza pensare sarà “First Street”. La prima strada, di cui una parte significativa è inserita in un’area protetta, ha recentemente tentato di ripristinare la sua struttura originaria con progetti di contenuto di “trasformazione storica”, alcuni dei quali provenienti dall’estero, ed è stata riportata alla sua vera struttura storica con varie disposizioni architettoniche. In questo contesto vengono migliorate le facciate degli edifici e vengono applicati anche lungo la strada i sistemi standard di segnaletica, persiane e persiane. Con la demolizione degli edifici in cemento armato, continua il restauro delle dimore storiche.

Dio esiste! Nessuno di questi sforzi va invano, grandi servizi sono resi per proteggere la città. Con questi progetti, che danno anche un grande contributo al turismo di Mardin, entrano in città occupazione, vitalità e ricchezza. Tuttavia, c’è un grande “ma” qui, come in tutto il resto. Al primo ingresso della vecchia Mardin, all’imbocco della prima via, le costruzioni su entrambi i lati arrecano gravi danni al tessuto storico e turistico. Non si sa chi abbia autorizzato queste costruzioni per quale scopo. Sebbene il ministro dell’Ambiente e dell’Urbanistica, che ha visitato Mardin qualche tempo fa, abbia ordinato l’interruzione dei lavori perché danneggiava lo skyline della città, la costruzione di queste costruzioni è continuata. Dopo gli edifici giganteschi e insignificanti che hanno trafitto il cuore di Yenişehir come pugnali, questi pugnali avranno anche trafitto il cuore di First Street. E sfortunatamente, cercando di salvare Mardin da una parte, perdi dall’altra.

Gaetana Capone

"Appassionato di TV. Fanatico del bacon certificato. Esperto di Internet. Appassionato di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.