Particolare della Turchia nel furto di 5 milioni di euro alle Poste Italiane

Le persone che sono entrate nel sistema postale italiano (Poste Italiane) hanno trasferito all’estero 5 milioni e 90mila euro. Tracce di circa 2,5 milioni di euro del denaro sono state trovate in Turchia.

sottoscrivi

Google News

Durante la rapina avvenuta alle Poste Italiane dal 3 al 5 aprile 2017, sono stati effettuati trasferimenti di denaro non autorizzati accedendo al sistema postale dell’istituto. Si è scoperto che durante il volo ci sono stati deflussi di denaro verso molti paesi.

Quando il profitto all’interno dell’organizzazione, di cui un totale di 5 milioni e 90mila euro di denaro prelevato senza autorizzazione, è stato trasferito a unità autorizzate, si è capito che la scia di denaro si estendeva alla Turchia.

Secondo le informazioni del quotidiano Sabah, quando le autorità italiane hanno denunciato la situazione alle autorità turche, la Procura di Istanbul ha aperto un’indagine. Il Financial Crimes Investigation Board (MASAK) Cyber ​​Crimes, che stava tracciando il denaro, ha indagato sui conti sospetti.

2 MILIONI 427 MIGLIAIA DI EURO SONO STATI SPEDITI SUI CONTI

MASAK, Armin Commercio Estero Tur. operante in Turchia. Ha stabilito che 164.000, 176.000 e 148.000 euro erano stati trasferiti sui conti di SARL Şti in date diverse, 154, 173, 162, 163, 145 e 182.000 euro sui conti di Natel Turizm Tekstil e 960.000 euro su Hayrallah N. . Ali H., Hayrullah N. e İhsan N., che avevano rimosso queste monete, furono arrestati.

HA DETTO CHE VUOLE ACQUISTARE ORO PER FINI DI INVESTIMENTO

Nella sua dichiarazione, İhsan N. ha affermato che nel marzo 2017 3 persone sono andate da lui e volevano acquistare oro a scopo di investimento, ed è per questo che aveva soldi nel suo conto. Spiegando di aver ricevuto 980.000 euro sul suo conto allo scopo di acquistare oro, İhsan N. ha affermato che poiché volevano fare una transazione simile, 960.000 euro sono arrivati ​​​​sul conto di suo fratello e che ha ricevuto una commissione del 3% su questa transazione. .

Nella sua dichiarazione, il sospetto Ali H. ha affermato che Armin e Hayrullah N. appartenevano a Natel e che hanno ricevuto una commissione acquistando oro con il denaro ricevuto e dandolo ai clienti. La procura ha stabilito che la riscossione di una commissione di 90.000 euro da parte di Hayrullah N. non era idonea al normale corso della vita e che le attività delle società ai fini della costituzione non erano idonee ai loro conti, sebbene le persone in questione erano a reddito medio.

Al termine delle indagini, ha sporto denuncia contro i tre sospetti, affermando che i fratelli Hayrullah N. e İhsan N., pur essendo un’azienda operante nel campo del tessile e del turismo, erano commercianti d’oro, e che erano i solo dipendenti dell’azienda, che era controcorrente.

Tre sospetti, per i quali sono necessari fino a 10 anni di reclusione in relazione al reato di “furto mediante sistemi informatici”, compariranno nei prossimi giorni davanti al giudice del tribunale penale di primo grado di Istanbul.

Il nostro canale YouTube per le notizie video sottoscrivi

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.