“O un ritorno alla globalizzazione o una strategia indipendente”

Magra Hazal

PARETE – Nella conferenza stampa, traduco questa settimana almeno la parte introduttiva dell’articolo pubblicato dallo stesso centro da Aleksey Podberezkin, direttore del Center for Military-Strategic Studies dell’Università delle Relazioni Internazionali del Ministero degli Affari Esteri russo. Le importanti previsioni di Podberezkin sulle dinamiche dei conflitti dovranno essere menzionate in modo più dettagliato in futuro.

Parlando con Svobodnaya Pressa, il ricercatore del Centro per gli studi europei V. Olenchenko vede i capi di importanti organismi dell’UE, come von der Leyen e Borrell, come la lobby degli Stati Uniti. Olelchenko afferma anche che concedere lo status di candidato all’Ucraina sarebbe un insulto alla Turchia.

Vicino alle forze patriottiche di sinistra, Zavtra torna sulla questione del percorso del capitalismo in Russia, sottolineando che il dibattito sul “capitalismo di stato o capitalismo liberale” è oggi molto più importante.

V. Avatkov, uno dei più importanti turkologi russi, valuta la situazione nel Caucaso meridionale indipendentemente dalla decisione della Turchia di non partecipare alle sanzioni anti-russe.

“O UN RITORNO ALLA GLOBALIZZAZIONE O UNA STRATEGIA COMPLETAMENTE INDIPENDENTE”

Dall’inizio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina, si sono verificati cambiamenti drastici e persino drastici nella situazione politico-militare sia nel mondo che nella politica russa. Uno di questi è il futuro della situazione politico-militare nel mondo e la sua immagine futura nel contesto dell’“addio” della Russia alla globalizzazione e dell’Occidente in questa situazione politico-militare; il secondo è la crescente tendenza all’autarchia politica ed economica. St. Questa differenza di approccio è stata particolarmente rafforzata durante il Forum economico di San Pietroburgo; Tra i motivi c’era la visita dei leader di Germania, Francia, Italia e Romania a Kiev. Questi paesi supportano ufficialmente il regime nazista, ma (secondo alcuni in Germania e, per qualche ragione, molti in Russia) stanno cercando di spingere Kiev a un compromesso non ufficiale.

Lavrov ha descritto il primo approccio come “l’orientamento occidentale che vuole dare agli Stati Uniti la leadership eterna non solo in Europa ma anche nella regione Asia-Pacifico (è in fase di creazione AUKUS, QUAD), per tenere sotto controllo la Cina e isolare la Russia”.

Naturalmente, “l’addio della Russia all’Occidente” significa anche rafforzare la tendenza a formare nuovi centri di potere sulla base dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai. I membri di questa organizzazione (Cina, Russia, India, Brasile) si allontanarono dall’Occidente e iniziarono a perseguire una politica estera più indipendente.

In altre parole, l’Occidente e la sua coalizione politico-militare sono diventati la potenza più potente del mondo nel 2022, ma non è l’unica; il suo predominio in finanza ed economia non è così grande a causa della sua dipendenza dalle risorse naturali.

La visione futura delle élite in Russia potrebbe essere un “ritorno alla globalizzazione”, o forse accettare la necessità che la Russia persegua una strategia indipendente senza chiudere tutte le sue finestre sull’Occidente e l’emergere di una nuova situazione politico-militare.

Il percorso che la Russia intraprenderà fino all’inizio del 2022 è inevitabile se si vuole operare un “ritorno alla globalizzazione”: economia delle materie prime, flusso di valute all’estero, integrazione nel sistema di valori occidentale (principalmente mercantile), ignorando gli interessi nazionali e istituzioni. A mio avviso, dopo l’avvio dell’operazione speciale, una simile inversione di tendenza non era più possibile. Inoltre, principalmente per motivi di politica interna.

La seconda opzione strategica è quella corretta, nonostante le difficoltà nel superare la forza dell’inerzia e la resistenza dei liberali e dei compradores all’interno dell’élite dominante. Questo percorso si basa sullo sviluppo del capitale umano nazionale e delle istituzioni nazionali. Il ruolo più importante in questo modo è svolto dagli organi siloviki dello stato e della società, in questo contesto, l’esercito e le forze dell’ordine, l’intellettuale, in particolare le forze armate e il complesso militare-industriale.

Pertanto, il futuro delle forze armate e del complesso militare-industriale, la loro pianificazione e il futuro dell’intera area dipendono dalla strategia scelta.

La decisione di Putin su un’operazione militare è stata a mio avviso un po’ tardiva; perché molto probabilmente la Russia non era pronta militarmente, tecnologicamente o politicamente. (A. Podberezkin/Istituto statale russo per le relazioni internazionali, Centro per gli studi di politica militare, 17 giugno)

“L’ACCESSO DI UN CANDIDATO IN UCRAINA È UN INCONVENIENTE PER LA TURCHIA”

La Commissione europea si offrirà di concedere all’Ucraina un’offerta di adesione all’UE, secondo fonti di Politico vicine ai colloqui tra i commissari dell’UE tenutisi il 13 giugno. Almeno tre paesi si oppongono per il momento, scrive il quotidiano.

Ciò ha causato malcontento a Tbilisi. Il primo ministro georgiano I. Garibashvili ritiene che il suo Paese meriti l’adesione, con “trent’anni di lotta per la democrazia” e le riforme che il governo porta avanti da nove anni. Secondo il Primo Ministro, la Georgia è dieci volte più avanti di Ucraina e Moldova e sta cercando lo status che merita.

La reazione di Tbilisi non ha soddisfatto Kiev; Il consigliere presidenziale di Zelensky, Podolyak, ha condannato il rifiuto di Tbilisi di partecipare alle sanzioni anti-russe.

V. Olenchenko, membro senior del Centro per gli studi europei presso l’Istituto di economia mondiale e relazioni internazionali affiliato all’Accademia delle scienze russa, ritiene che la questione dell’adesione dell’Ucraina stia dividendo i membri dell’UE: “Paesi leader come la Germania, Francia e Italia costituiscono la base economica dell’UE. Sotto l’attuale amministrazione della Commissione europea, l’UE è diventata la tromba di una politica aggressiva e unilaterale.

Olelchenko dice:

“L’opinione che U. von der Leyen e J. Borrell abbiano preso una posizione filoamericana è molto comune in Europa; alcuni addirittura li chiamano la lobby filoamericana dell’UE. La candidatura dell’Ucraina non ha basi economiche o politiche; ma rende molto eccitata l’attuale amministrazione degli Stati Uniti. In effetti, hanno anche dato l’adesione agli Stati baltici e alla Polonia, che sono diventati i sostenitori della politica statunitense nell’UE e l’hanno divisa.

“Ricordate che lo stesso von der Leyen suggerì a Zelensky di candidarsi per l’adesione. Ma non l’ha offerto a Georgia e Moldova. Tuttavia, la proposta della Commissione europea di concedere all’Ucraina lo status di candidato non sarà il problema più grande che dovrà affrontare l’UE. Il problema più grande sarà la Turchia, che da più di 10 anni attende lo status di candidato. Questo sarebbe ovviamente un insulto alla Turchia; perché con il suo sviluppo economico, il suo status politico nel mondo e la sua importanza per l’UE, la Turchia è molto più alta, intelligente e potente dell’attuale amministrazione ucraina. La Turchia non lo accetterà obbedientemente. Basta guardare come i paesi occidentali hanno reagito bruscamente e inaspettatamente all’intenzione di Finlandia e Svezia di aderire alla NATO. (I. Guseva / Svobodnaya Pressa, 17 giugno)

“CAITALISMO DI STATO O CAPITALISMO LIBERALE?

Sono passati più di tre mesi da quando l’Occidente collettivo ha iniziato apertamente a condurre una guerra economica contro Russia e Bielorussia. Intanto GKO in Russia [1941’de Alman saldırısıyla birlikte örgütlenen en yüksek devlet organı olan Devlet Savunma Komitesi – H.Y.] niente del genere è venuto.

Possiamo incolpare chiunque, il governo, che può prendere una decisione a questo livello. Ma mi sembra che noi, come società, non esigiamo che il governo cominci a prepararsi per la controffensiva.

Dopo il disastro del 1991, la Russia si è definita un Paese con un’economia in transizione, rientrando cioè nella categoria dei Paesi in via di sviluppo. Dopo il 1991, l’esportazione di risorse energetiche ha cominciato a costituire la voce principale del bilancio dello Stato; come nei paesi OPEC. Ma in tutti questi paesi senza eccezioni, tutto ciò che riguarda i settori dei combustibili fossili è controllato dallo stato nel modo più spietato. Saudi Aramco è una compagnia di stato, Sonatrach è una compagnia di stato in Algeria, la National Iranian Oil Company è evidente dal suo nome. Nessuno al mondo è arrabbiato per l’assenza di liberalismo o altre sciocchezze.

La Russia, invece, ha deciso di diventare un cadavere: Rosneft è ora sotto il controllo statale ea volte no; Gazprom Neft opera separatamente, ci sono anche Lukoil, Surgutneftegaz, Tatneft, Irkutsk Oil Company, Nezavisimaya Neftegazovaya Kompaniya e altre cinquanta. Dopo l’affare YUKOS nel 2004, la nazionalizzazione del settore petrolifero sarebbe potuta arrivare fino in fondo, ma guarda cosa è successo.

Tuttavia, ci sono esempi completamente opposti in Russia. Non possiamo immaginare che Rosatom e il nostro complesso militare-industriale si applicheranno al di fuori di se stessi per nuovi progetti di missili, carri armati e centrali nucleari.

Dal 1991 si sono aperti dibattiti su cosa sarà il capitalismo in Russia: capitalismo di stato o capitalismo liberale? Le persone adorabili, chiamate il blocco economico e finanziario del governo, sono come chiodi e chiodi con gli ideologi del capitalismo liberale. (B.Martsinkevic / Zavtra, 14 giugno)

‘NON PUOI MORSARE LA MANO CHE TI NUTRE’

Vladimir Avatkov, uno dei più importanti turkologi della Russia, ha scritto durante la sua visita in Armenia, dove ha incontrato esperti locali e diplomatici russi:

“I turchi sanno che se non hai la fonte, devi trovare le persone con la fonte e condividere gentilmente quelle fonti con te. Qui bisogna stare attenti ed evitare gli errori del West: non morderai la mano che ti nutre. Questa è la risposta alla domanda sul perché Ankara non sostiene le sanzioni anti-russe. Se lo facesse, cosa accadrebbe agli S-400 e alla centrale nucleare di Akkuyu, che è in costruzione? Che ne sarà del turismo, da dove arriveranno le risorse?

In un’intervista con i giornalisti dopo una serie di incontri a Yerevan, Avatkov ha anche affermato che nessun attore straniero nel Caucaso meridionale vuole la pace tanto quanto la Russia:

“A questo proposito, si osserva che tutte le parti sono stanche dell’ambiente di conflitto. C’è il desiderio di trovare un modo per superare questo; La Russia ha sempre contribuito a questo e continuerà a contribuire alla pace e alla sicurezza. Ciò può essere ottenuto attraverso progetti infrastrutturali, negoziati, demarcazione. Quest’ultimo processo è già iniziato ed è abbastanza difficile fermarlo, anche se molti vogliono disperderlo. (EDily, 16 giugno)

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.