Non c’è niente di più prezioso della comunicazione faccia a faccia | CIP Marine

class=”medianet-inline-adv”>

Anche nei giorni più critici della pandemia, come me, poco è cambiato rispetto al passato per chi va al giornale e lavora.
Perché uno dei settori che ha avuto maggior successo nella trasformazione digitale è il settore dei media.
Già da molto tempo; Eravamo un settore che implementava il modello di lavoro a distanza quando necessario.
In altre parole, avevamo un’infrastruttura in atto che poteva entrare nei nostri sistemi da qualsiasi luogo, scrivere le nostre notizie, le nostre colonne e partecipare a trasmissioni in diretta.
In quanto settore che testava questi dettagli, lo sapevamo.
Certo, era possibile lavorare da remoto, ma produttività e relazioni sociali erano sempre un punto interrogativo.
Per me, c’erano grandi differenze tra lavorare fianco a fianco e lavorare guardando dallo schermo.
Poi c’è stata la pandemia.
E ci siamo trovati davvero in una vita molto diversa.
Molte aziende hanno incoraggiato, o meglio obbligato, a lavorare da casa.
Fortunatamente, la tecnologia odierna ha contribuito a consentire un rapido adattamento.
Ora tutti fanno commenti come “Non sarà più come prima”.
Anche se non sono contrario al lavoro flessibile, dico che lavorare da casa non è molto possibile nel normale corso della vita.
E io dico; Non c’è niente di più prezioso della comunicazione faccia a faccia.

class=”medianet-inline-adv”>

Passaggio rapido al modello ibrido

L’ho letto su EURONEWS.
Pascale Davies ne ha scritto…
Molte aziende in tutto il mondo stanno cercando di riportare i propri dipendenti in ufficio prima della pandemia o almeno su base part-time.
Ad esempio, il capo di Tesla Elon Musk vuole che i suoi dipendenti tornino in ufficio per almeno 40 ore a settimana.
Apple richiede che gli uffici lavorino almeno tre giorni alla settimana.
C’è un commento nell’articolo: “Il problema è che la maggior parte del personale non vuole tornare in ufficio, almeno non a tempo pieno, creando polemiche tese con alcuni capi. Secondo uno studio globale pubblicato il 7 settembre, a quasi un quarto dei lavoratori in tutto il mondo è stato chiesto di tornare al proprio posto di lavoro cinque giorni alla settimana; Dice che lascerà il suo lavoro e inizierà a cercare un altro lavoro.
Il sondaggio mostra anche che i dipendenti approveranno alcuni tagli salariali a condizione che rimangano a casa.
Certo, c’è chi sostiene il lavoro ibrido.
“Con il modello ibrido, la salute mentale dei dipendenti è migliorata e la produttività è aumentata del 16%”, afferma Emilie Sidiqian, responsabile di Salesforce France.
Naturalmente Sidiqian pone anche alcune condizioni…
La prima è che questo rapporto deve essere basato sulla fiducia.
Il secondo è che il personale chiave che dovrebbe essere in ufficio deve lavorare insieme…
Accettare…
La tecnologia si sta evolvendo, cambiando, per rendere il lavoro a distanza più inclusivo.
Ma sono sempre della stessa opinione, lo sono in primo luogo.
Niente può ostacolare una cultura collaborativa.
Il personale istituzionale chiave, in particolare, deve lavorare fianco a fianco, fianco a fianco.

class=”medianet-inline-adv”>

Continuerò con il vecchio modello.

Capisco anche che alle PERSONE mancano le folle. Noi giornalisti lavoriamo molto. Stiamo già correndo dietro le notizie 24 ore su 24. E quando diciamo eventi, meeting, organizzazioni, i giorni e le settimane si riempiono.
Quando la pandemia si è placata, è iniziato un traffico tale che…
Credimi, il calendario si riempie all’inizio del mese.
Le aziende e le istituzioni sono quasi entrate in una corsa per parlare e consegnare messaggi che non sono stati in grado di consegnare durante la pandemia.
Certo che è anche bello…
Abbiamo perso la folla.
Vieni a partecipare a questi eventi…
E come verrà condotto questo traffico relazionale lavorando da casa.
Pertanto, anche se non sono contrario ai modelli ibridi, continuerò a lavorare con il vecchio modello classico.

class=”medianet-inline-adv”>

La questione del visto

Ho amici i cui figli studiano all’estero. Non posso dirti lo stress che hanno subito. I giovani hanno già studiato in Francia, Germania e Italia per diversi anni.
Hanno precedenti, le loro scuole sono chiare…
Ma non possono estendere il visto.
È possibile?
I giovani sono stressati, le famiglie non sanno cosa fare.
Nessuna risposta, nessuna risposta…
Davvero difficile da capire…

Scappa di nuovo settembre, ottobre

Lo è sempre, vero?
Alla fine dell’estate si dice che “l’estate migliore è settembre, ottobre” e si fanno i programmi.
Ma con il ritorno in città inizia la corsa e non si arriva da nessuna parte.
Altri giorni simili…
Almeno per me…
Mentre si lavora con un’agenda e un ritmo fitti; Settembre e ottobre scappano di nuovo.
Certo, voglio prenderlo da qualche parte…

Cajetan Longo

"Tipico nerd dei social media. Giocatore. Appassionato guru di Internet. Generale piantagrane. Studioso del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.