MSB ha annunciato! Incontro critico tra il ministro Akar ei suoi omologhi italiani e britannici

Nel comunicato di Msb, “è iniziato l’incontro trilaterale tra il ministro della Difesa nazionale Hulusi Akar, il ministro della Difesa italiano Lorenzo Guerini e il ministro della Difesa britannico Ben Wallace”. sono state usate espressioni Il ministro della Difesa nazionale Hulusi Akar, il ministro della Difesa italiano Lorenzo Guerini e il ministro della Difesa britannico Ben Wallace hanno tenuto una conferenza stampa congiunta dopo la riunione tripartita di Istanbul.

“NEI NOSTRI INCONTRI ABBIAMO DETERMINATO LA NECESSITÀ DI UNA Tregua”

Il Ministro Akar ha iniziato il suo intervento esprimendo il piacere di accogliere in Turchia i Ministri della Difesa inglesi e italiani. Notando che gli sviluppi nel contesto dell’Ucraina sono stati discussi durante le riunioni, Akar ha dichiarato:

“Abbiamo confermato ancora una volta di essere d’accordo sulla sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale dell’Ucraina. Continuiamo a esprimere apertamente il nostro sostegno alla sovranità, all’indipendenza e all’integrità territoriale del territorio dell’Ucraina. Stiamo anche monitorando da vicino la situazione attuale. Come parte degli ultimi sviluppi, abbiamo anche rivelato che è necessario un cessate il fuoco il prima possibile per evitare ulteriori perdite di vite umane. , per evitare vittime civili e prevenire il peggioramento della situazione umanitaria. “Abbiamo sostenuto che con il cessate il fuoco, il la via della diplomazia sarà aperta nei prossimi periodi e che il lavoro diplomatico possa essere svolto”.

GUERINI: IMMAGINI DRAMMATICE E PERDITA CIVILE

Il ministro della Difesa italiano Lorenzo Guerini ha detto di aver fatto un incontro importante. Riferendosi agli sviluppi in Ucraina, Guerini ha dichiarato: “Oggi credo sia impossibile passare senza citare Kramatorsk. Ci sono immagini drammatiche e vittime civili. A mio parere, questo è un crimine contro l’umanità. una grande preoccupazione per tutti noi. Comunità internazionale, Russia “La nostra risposta all’aggressione è stata una condanna rapida, determinata e unanime. Dobbiamo continuare a sostenere la resistenza dell’Ucraina. Perché non possiamo lasciare una sola nazione vittima di una così grande sofferenza. Dobbiamo mantenere il nostro sostegno all’interno della quadro del diritto internazionale per proteggere l’integrità territoriale dell’Ucraina.”

WALLACE: IL PROTETTORE DEL MAR NERO, TURCHIA

Il segretario alla Difesa del Regno Unito, Ben Wallace, ha anche affermato di aver tenuto un incontro di solidarietà oggi come tre paesi membri della NATO. Esprimendo il loro pieno sostegno alla posizione della NATO sull’Ucraina, Wallace ha dichiarato: “Siamo d’accordo sulla protezione e il rispetto della sovranità, della libertà e dell’integrità territoriale dell’Ucraina.”.
Affermando di essere uniti nel condannare gli attacchi ai civili e alle infrastrutture, compresi i crimini di guerra, in Ucraina, Wallace ha dichiarato: “Garantendo l’attuazione di Montreux, il Mar Nero è un luogo sicuro e libero per tutti i paesi, non solo per il paese confinante, la Turchia è il protettore del Mar Nero. Siamo consapevoli del ruolo di .

INTERVISTE BILATERALI

Prima dell’incontro, il Ministro Akar ha incontrato prima separatamente il Ministro della Difesa italiano Guerini e poi con il Ministro della Difesa britannico Wallace. (UAV/AA/DHA)

CLICCA PER TORNARE ALLA HOME PAGE
Le decisioni presidenziali sono state pubblicate nella Gazzetta Ufficiale.Le decisioni presidenziali sono state pubblicate nella Gazzetta Ufficiale.
Viene utilizzato per la prima volta in Ucraina!  Viene utilizzato per la prima volta in Ucraina! “Terminator” è atterrato a terra
Il video condiviso da Ümit Özdağ ha creato l'agenda!Il video condiviso da Ümit Özdağ ha creato l’agenda!

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.