Meloni enies tra gli ebrei italiani | Il diario di Alom

Il successo della Fratellanza italiana sotto il ministero di Giorgia Meloni alle elezioni nazionali tenutesi in Italia la scorsa settimana ha portato nel Paese la seconda guerra mondiale, quando l’Italia era il più fedele alleato di Hitler in Europa. Dimostra che è pronto ad avere il governo più ironico dalla seconda guerra mondiale.

Mentre alcuni dei suoi leader sembrano adottare un approccio attendista alla leadership di Meloni e si astengono dal rendere pubblici i risultati, questa prospettiva ha intimidito molti ebrei italiani.

David Fiorentini, ministro del Jewish Youth Group in Italia, ha detto all’Agenzia Telegrafica Ebraica che “la maggioranza degli ebrei italiani è preoccupata per la possibilità di un padre ideologicamente attaccato a un partito erede del movimento sociale italiano”.

Meloni entrò in politica nell’ala giovanile del Movimento Sociale Italiano, un partito neofascista noto come MSI, fondato nel 1946 dal leader fascista italiano Benito Mussolini e da coloro che lavorarono con Hitler dal 1922 al 1943. Strettamente affiliato al gruppo, la sede dei Fratelli d’Italia (FdI) si trova nell’edificio in cui opera MSI, e il partito utilizza lo stesso logo della fiamma tricolore del gruppo.

Fiorentini ha citato “l’esagerazione del partito” come motivo di preoccupazione, insieme a “sfortunati eventi a livello locale” e le rivelazioni dell’anno scorso che i dirigenti del partito erano strettamente legati a un fascista condannato e ai suoi sostenitori.

“A meno che il partito non prenda le distanze da questi elementi, è naturale che molti ebrei non si sentano rappresentati”, ha detto Fiorentini.

Il partito ha sostenitori e membri ebrei. Una delle neoelette parlamentari del partito, Ester Mieli, ex portavoce della comunità ebraica romana e nipote di un sopravvissuto all’Olocausto, è coautrice di un libro sulla sua sopravvivenza ad Auschwitz. Mieli ha detto che “ogni candidato rappresenta se stesso, non l’azienda a cui appartiene”.

Il Partito dei Fratelli d’Italia ha aumentato i voti dal 4% di quattro anni fa al 26%. La forte ascesa di Meloni riflette uno spostamento a destra in gran parte dell’Europa negli ultimi anni, con i partiti di destra più popolari che stanno guadagnando popolarità. Esempi degni di nota sono il Partito del diritto e della giustizia della Polonia e l’Alleanza civile ungherese dell’Ungheria. Anche in Svezia, un partito debole sembra destinato a guidare una coalizione di governo dopo la sua forte performance alle elezioni di questo mese.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *