L’università, che ha cancellato il convegno di Dostoevskij in Italia, ha fatto un passo indietro dopo le reazioni

Getty Images

L’Università degli studi di Milano-Bicocca in Italia è stata oggetto di una grande ondata di critiche quando ha deciso di rimuovere dal programma la lezione di Dostoevskij a causa dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. L’università ha dovuto fare un passo indietro rispetto al contraccolpo e ha annunciato che il corso si sarebbe svolto come previsto.

L’autore Paolo Nori, che avrebbe dovuto tenere la lezione di Dostoevskij, ha annunciato che la lezione era stata annullata con un video pubblicato ieri sui social media. Nori, che scrive libri sulla Russia e sulla letteratura russa, ha annunciato di avere in programma di tenere un corso di quattro corsi su Dostoevskij all’Università degli studi di Milano-Bicocca, ma ieri l’amministrazione universitaria ha “aggiornato” il corso.

Nella mail che Nori ha ricevuto ieri dall’amministrazione universitaria, “Caro professore, questa mattina il vicerettore e il rettore hanno annunciato la loro decisione di posticipare il corso di Dostoevskij, l’obiettivo è di non provocare polemiche, soprattutto all’interno dell’università, in questo periodo di tensione che stiamo attraversando.‘ lui mi ha detto.

Paolo Nori ha descritto questa come “censura” nel video in cui ogni tanto parlava con le lacrime e ha continuato come segue:

Quello che è successo in Ucraina è terribile, piango quando ci penso. Quello che è successo in Italia a seguito di ciò è ridicolo. Non posso credere che un’università italiana abbia vietato un corso su Dostoevskij.

LA CULTURA È L’ANTIDOSE PIÙ FORTE CONTRO LA GUERRAR’

Dopo la dichiarazione dell’autore, il contraccolpo per l’amministrazione universitaria e il sostegno a Nori si sono riversati sui social, oltre che nel mondo accademico e politico.

I tag Dostoevskij, Paolo Nori e Bicocca sono diventati uno degli argomenti più discussi su Twitter poche ore dopo che il video è diventato virale.

L’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi ha dichiarato:L’Università degli studi di Milano Bicocca ha sospeso i corsi Dostoevskij di Paolo Nori. Bandire il lavoro di Dostoevskij per opporsi a Putin è sciocco. In un tale periodo si deve studiare di più, non di meno. Le università hanno bisogno di insegnanti, non di burocrati incompetenti“, ha reagito alla decisione.

Nicola Fratoianni, leader del Partito della Sinistra Italiana, ha dichiarato:Il miglior antidoto alla guerra e alla violenza è la cultura. Fermare la coltivazione è una scelta stupida e violenta” menzionato.

Tra gli accademici che hanno sostenuto Nori c’era Michela Cella, docente che lavora anche all’Università della Bicocca.

Cella ha condiviso la foto del libro “The Brothers Karamazov”Non sono d’accordo con la decisione del mio Ateneo ed esprimo la mia solidarietà a Paolo Nori” scrisse.

Si è anche notato che questa decisione, presa con la motivazione di “non suscitare polemiche” in migliaia di commenti fatti sui social network, ha portato a polemiche.

L’amministrazione universitaria è stata accusata di “incitare all’ignoranza”, “reagire in modo infantile” e “promuovere sentimenti anti-russi in risposta alla guerra”.

Alcuni internauti hanno anche invitato Paolo Nori a tenere il suo convegno online, aperto a tutti.

Dopo intense reazioni, stamattina l’Università degli studi di Milano-Bicocca ha fatto un passo indietro. Nel comunicato dell’Ateneo si afferma che “L’Università degli studi di Milano-Bicocca è un istituto di istruzione superiore aperto al dialogo e all’ascolto” e si annuncia che la lezione di Paolo Nori si svolgerà come previsto.

Mentre il ritiro del college è stato generalmente accolto favorevolmente, ci sono state anche reazioni alla mancanza di scuse.

RICHIESTA DI DISTRUGGERE LA STATUA A FIRENZE

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, che ha partecipato alla discussione sui social, ha invece annunciato di aver ricevuto anche una richiesta per l’abbattimento della statua di Dostoevskij in città.

https://twitter.com/DarioNardella/status/1498968463582367750?s=20&t=Z_vsznjs5t371ee-uFE1Ug

In onore del 200° compleanno di Dostoevskij, lo scorso dicembre a Firenze è stata inaugurata una statua di Dostoevskij, con il finanziamento dell’Ambasciata russa in Italia.

Il sindaco Nardella non ha spiegato chi ha chiesto la demolizione della statua, ma ha detto: “Questa è una guerra folle di un dittatore e del suo governo, non una guerra di un popolo contro un altro. Invece di disfare secoli di cultura russa, concentriamoci fermare Putin il prima possibile”.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.