“L’Italia è campione d’Europa, il Portogallo è una squadra forte. Qualunque sia il risultato…”

Il Brand & Sport Summit continua con 20 sessioni e la partecipazione di oltre 60 relatori. Nell’organizzazione tenutasi per la quinta volta quest’anno, Milliyet Sports Session; Erano presenti Hamit Altıntop, capo della Federcalcio turca, e Stefan Kuntz, direttore tecnico della nazionale A, responsabile della nazionale, della squadra nazionale della speranza e delle squadre nazionali giovanili. Parlando alla “Milliyet Sports Session” ospitata dal direttore sportivo del Milliyet Newspaper Tayfun Bayındır, Stefan Kuntz si è detto orgoglioso di essere al timone della squadra nazionale di calcio di serie A.

Kuntz ha detto: “Qui Hamit Altıntop e la direzione della TFF ti hanno chiesto se desideri intraprendere questo compito. Per me è stato un orgoglio. Avevo bisogno di uscire dalla mia zona di comfort in Germania. Ho dovuto assumermi questo compito. “Questo è il passo giusto”, disse una voce dentro di me. Sento il sostegno della Federazione. La mia squadra è fantastica. La squadra che la Federazione mi ha fornito è composta da persone fantastiche ed esperti nei loro campi. Non è stato troppo difficile entrare in questo business. Per quanto riguarda i giocatori, abbiamo diverse possibilità con loro. Posso parlare tedesco con alcuni e inglese con alcuni. Abbiamo impostato il team di conseguenza in modo che la lingua non sia un problema. Queste sono le basi. La nostra vittoria dell’ultimo minuto in Lettonia. Ha dato molta fiducia in se stessi. Fu una svolta importante. “Perché non fai festa?” Ho chiesto dopo la partita. I tifosi della nazionale turca possono anche dire che abbiamo la squadra nei nostri cuori. Abbiamo dovuto segnare molti gol contro un avversario debole qui. Una volta fatto, qualcosa inizia a succedere. Questo germoglio sta iniziando a crescere. Un passo importante vi aspetta a marzo. Sono molto felice di questa situazione. Puoi dire quanto sei bravo quando giochi con i migliori. Lo sperimenteremo contro Portogallo, Italia e Macedonia del Nord.

“QUAL È IL RISULTATO, QUESTE PARTITE CI FANNO AVANZARE”
Alla domanda sugli accoppiamenti di Portogallo e Italia nel sorteggio degli spareggi di Coppa del Mondo, Kuntz ha detto: “Sono un po’ arrabbiato con Matheus. Scherzi a parte, il nostro team è piuttosto giovane e non vogliamo trascurare l’anno 2024 come traguardo. Ecco perché ci farebbe bene giocare a livello competitivo con le squadre migliori, non a livello di amichevoli. L’Italia è campione d’Europa, il Portogallo è una squadra solida. Qualunque sia la fine, queste partite ci porteranno avanti”, ha detto.

“MEGLIO È L’ALLENAMENTO, MIGLIORE SARÀ LA NAZIONALE”
Alla domanda sui suoi pensieri sulla regola per i giocatori stranieri in Turchia, Kuntz ha detto: “Ho un approccio diverso qui. Migliore è l’allenamento, migliore è la nazionale. Non si tratta di quanti stranieri ci saranno nei club, migliori saranno i giocatori turchi, più ce ne saranno. “Penso che dobbiamo investire nell’istruzione”, ha detto.

“VOGLIO CHE I MIEI GIOCATORI LASCIANO IL RELATIVO ARBITRO”
Affermando di aver chiesto ai suoi giocatori di lasciare in pace gli arbitri della partita, Kuntz ha detto: “Non mi conosci ancora molto bene. Non sono una persona che afferma di dire tutto alla perfezione. Quello che ci aspettiamo dai nostri giocatori è di lasciare in pace l’arbitro. Durante la discussione perdono la concentrazione. Posso dire questo del mio campo. Molte cose sono nelle mani dei giocatori. Alcuni giocatori usano il loro talento per essere buoni giocatori. Al momento sono soddisfatto con me, c’è chi pensa che mi possa lamentare di non andare ad allenarmi per fare jogging. È qui che inizia il fallimento. Qui è necessario andare oltre. Prendiamo Ronaldo come esempio. Finora ho visto 35 partite in diretta. Abbiamo visto molto su nastro. Conosciamo tutti i giocatori. Nessuno ha bisogno di presentarsi a noi sui social media. .Quando l’arbitro fischia, deve presentarsi. L’insegnante dovrebbe d Ire che io sono un tale giocatore”, ha detto.

“POI FARTI MOSTRARE NELLA SQUADRA U-21”
Esprimendo che il suo assistente Kenan Koçak è in contatto con lo staff tecnico in Turchia, Kuntz ha dichiarato: “Hamit, Kenan ed io stiamo parlando con i tecnici. Ricevo anche supporto. Ho anche chiesto uno per uno agli allenatori: “Chi può venire dalla tua squadra? Abbiamo aggiunto Yusuf Sarı alla squadra. Domani andremo ad Antalya. Alcuni dei nostri giocatori under 21 giocano. Abbiamo reclutato Barış più tardi. Ha funzionato bene. Ha ottenuto buoni risultati con la sua stessa squadra nelle partite europee. Puoi anche mostrarti nella squadra di cavalli di 21 anni. A fine gennaio c’è una settimana senza partite. Voglio visitare i club che usano questa settimana. Pochi club in Turchia danno un buon peso all’accademia. Ad esempio, un giocatore è andato a Bielefeld in Germania. Quando ci vai per la prima volta, non conosci la cultura o la lingua. Questi ti rendono più forte. Coloro che superano questo ostacolo diventano giocatori migliori. Potresti essere in vantaggio 4-0, 5-0, ma allora sto correndo? Se lo faccio, alzo il mio livello. Ti alzi agli standard europei. “Riguarda il giocatore”, ha detto.

“IL RISPETTO DEVE ESSERE RISPETTATO”
Esprimendo che gli arbitri dovrebbero essere rispettati, Kuntz ha detto: “In altri paesi, di fronte a grandi organizzazioni, il rappresentante dell’arbitro visita tutte le squadre. Non è solo in Germania. Spiega tutte le regole. Si comincia con il doping, mostrando la pianta del piede, in quale posizione cartellino giallo, in quale cartellino rosso. Quando entriamo nella nuova stagione, i cambiamenti devono essere spiegati. In Germania, l’arbitro ha deciso lui stesso. Dopo la partita Dortmund-Bayern. Di tanto in tanto, ci possono essere situazioni che gli arbitri spiegheranno. Ma in generale, gli arbitri internazionali parlano molto chiaramente durante la partita. Invece di aumentare la tensione, si sgonfia. Gli arbitri devono essere rispettati. Andrà bene per il calcio.

“L’INTEGRITÀ NEL CALCIO TURCO DEVE ACCADERE”
Affermando che ci dovrebbe essere unità nel calcio turco, Kuntz ha detto: “Sono consapevole che la Turchia gode di un prestigio molto alto all’interno di UEFA e FIFA. Non credo ci sarà motivo di preoccupazione quando diventerà il rappresentante della nazionale turca. Abbiamo estratto alcune statistiche minori. Voglio mostrarli al presidente e ad Hamit. Vinciamo la palla ancora un po’. Negli ultimi 3 siamo in campo con più avversari. Abbiamo 6 nuovi giocatori. Era la sua prima partita internazionale. 5 di loro sono nati nel 98 o più tardi. Abbiamo richiamato 3 giocatori. Possiamo anche parlare di giocatori che sono stati ben allenati dai loro allenatori nei club. Voglio essere in contatto con gli allenatori. Se il calcio turco diventa un’unità, possiamo arrivare al punto in cui possiamo vedere tutto.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.