L”infotainment’ della tv italiana crea confusione sulla guerra in Ucraina

Come nella maggior parte dei paesi europei, i talk show televisivi italiani si concentrano molto sulla guerra in Ucraina, ma invece di dedicare tempo a politici ed esperti, raramente invitano veri esperti in materia.

Chiedono invece le connessioni di eminenti commentatori, filosofi, scrittori, direttori di giornali e spesso personalità di spicco che conoscono poco la situazione in Ucraina e hanno una conoscenza limitata della Russia, della storia ucraina o internazionale, che si specializzano nel calcio o nella politica italiana. .

E invitano sempre almeno un ospite che sia filo-russo o il presidente russo Vladimir Putin e il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy incolpano anche Mosca e Kiev del conflitto.

“Negli anni ’90, [the Italian scholar] Umberto Eco ha usato il termine ‘infotainment’ per riferirsi al fatto che la televisione produce sempre più informazioni sotto forma di intrattenimento”, ha affermato Anna Maria Lorusso, professore associato di semiotica all’Università di Bologna.

“Le notizie e l’intrattenimento si sovrappongono molto in questi giorni e penso che sia particolarmente vero per la guerra in Ucraina”.

Anche negli anni ’90 lo storico Nicola Tranfaglia ha notato la tendenza del “sensazionalismo televisivo”, che “sosteneva qualsiasi opinione che provocasse scandalo, qualsiasi tesi che provocasse polemica.

Nel 2022 la situazione non sembra migliore: più i commentatori sono sensazionalizzati, più spesso sono invitati ai talk show – e la cultura dei media influenza l’opinione pubblica.

EUobserver ha parlato con i pensionati fuori da un supermercato a Padova, una fiorente città nel nord-est del Paese. Alla domanda su chi fosse il responsabile della guerra in Ucraina, i due hanno risposto “Putin” e “Russia”, e il terzo “NATO”.

Quando gli è stato chiesto perché avesse incolpato la NATO, ha risposto: “Questo è ciò che dice la TV”.

In Italia, come in molte parti d’Europa, si leggono sempre meno libri e giornali. Molti italiani, soprattutto anziani e operai, si tengono informati attraverso talk show e notiziari che spesso ripetono i momenti salienti dei talk show.

Anche i social media sono fortemente influenzati (e quindi influenzati) da ciò che viene detto nei talk show.

Yaryna Grusha Possamai, scrittrice di origine ucraina e docente di Lingua e letteratura ucraina all’Università Statale di Milano, ha dichiarato: “La televisione italiana non c’è più. I talk show continuano ad invitare propagandisti russi che creano solo confusione. A volte inventano le cose”, dice.

In un caso recente, diversi media italiani hanno riferito che il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg aveva rifiutato l’offerta di Zelensky di cedere la Crimea alla Russia – in effetti, Zelensky non ha fatto tale offerta e Stoltenberg non ha detto nulla al riguardo.

Un’altra caratteristica degli italiani legata alla guerra è la lunga intervista con pochi tagli o domande.

Mentre una notizia andata in onda da un canale privato italiano con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov il 1 maggio ha suscitato rabbia, molte notizie filo-russe sui social media hanno già attirato seguaci.

Questi elettori sono prevalentemente di estrema destra, disprezzano il primo ministro italiano Mario Draghi, sognano l’uscita dell’Italia dall’UE e citano spesso talk show per sostenere le loro opinioni.

Grusha Possamai ha dichiarato: “Penso che i talk show italiani diano troppo spazio ai propagandisti russi e ai commentatori filo-Mosca, perché attirano sempre l’attenzione del pubblico, quindi cercano sempre di fare rumore, creare scandalo”. Disse.

Concorda Fabio Giglietto, professore associato di studi su internet presso l’Università Carlo Bo di Urbino.

“I nostri talk show politici hanno le loro caratteristiche”, dice. “Ce ne sono molti, quindi c’è una forte concorrenza per il pubblico. Ma tutti usano la logica della messa in scena, l’opposizione polarizzata tra le due fazioni, come elemento di sensazione.

Secondo Fabio de Nardis, professore di sociologia politica all’Università del Salento, c’è una tendenza alla polarizzazione più ampia in Italia, e non solo per la guerra in Ucraina. I media accolgono e incoraggiano questo tipo di polarizzazione perché provoca il dibattito e attira un pubblico.

Anche i social media hanno qualcosa a che fare con questo: “Dato che i media hanno bisogno di un pubblico, basano le loro priorità sulle discussioni che si sviluppano sui social network e che spesso non si basano su informazioni precise”, spiega de Nardis.

Anche il rischio di una guerra nucleare è menzionato con una buona dose di isteria in molti talk show. Questo spaventa il pubblico, in particolare gli anziani che non hanno dimenticato le tensioni della Guerra Fredda e hanno votato per i partiti anti-NATO come il PCI comunista o il neofascista MSI quasi 40 anni fa.

Il rallentamento economico dell’Italia, che sta colpendo i lavoratori ei disoccupati (spesso categorie votate da partiti populisti come la Lega di estrema destra), sta contribuendo anche ad aumentare la posizione critica nei confronti di Kiev e della NATO.

Ad esempio, il 20 maggio alcuni sindacati hanno indetto scioperi “contro la guerra, contro l’economia di guerra” e contro quello che hanno chiamato “il governo di guerra”.

Secondo un recente sondaggio pubblicato sul quotidiano La Stampa, il 24,5% dei leghisti trova pericolose le sanzioni contro la Russia e il 30,4% inutili. Circa il 73% degli elettori leghisti era contrario alle consegne di armi agli ucraini.

Nella stessa bruciante cultura mediatica, più di un italiano su tre teme che il mondo sia sull’orlo di una terza guerra mondiale e che il cibo, soprattutto pasta e pane, possa finire nei mesi a venire a causa del conflitto. è una prospettiva da incubo. Una nazione che vuole sempre un buon piatto di spaghetti.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.