Le élite globali hanno scoccato le frecce della migrazione tribale?

Lo scrittore e pensatore italiano Umberto Eco conosceva bene questa professione. Ha scritto nei suoi libri, raccontato nelle sue interviste. Ha riconosciuto una mentalità, ha capito i pericoli che poteva produrre e ci ha consigliato di fuggire dove l’abbiamo vista. Sì, se nella lista delle persone che meglio capiscono come funzionano le teorie del complotto, Eco sarebbe in cima. Aveva appreso tutte le cospirazioni da ieri a oggi passeggiando per i vicoli della storia.

Eco ha capito così bene la matematica di questo mestiere che nella sua magnifica opera “Le Pendule de Foucault”, ha costruito una narrazione a doppio taglio, tagliente come un coltello e per di più piuttosto eccitante, parlando sia dell’interno di questa mentalità sia facendo divertimento di lui. Sì, le teorie del complotto erano eccitanti; potresti anche divertirti a leggere e guardare se non ti interessa.

Umberto Eco – Papa Satan Aleppe, Dalla stupidità alla follia, Traduzione: Feza Özemre, Kırmızı Kedi Publications, 2017

Uno degli esempi più noti è il “Codice Da Vinci”.

Ma è stato Eco a dire:

“Ogni teoria della cospirazione distoglie l’immaginazione sociale dalle minacce reali indirizzandola verso pericoli immaginari”. [Umberto Eco – Papa Satan Aleppe, Budalalıktan Deliliğe, Çeviri: Feza Özemre]

Eco ci ha detto che la cospirazione può farci impazzire perché “risparmia alle persone il peso di affrontare la realtà”. Ha richiamato l’attenzione sulle conseguenze politiche di ciò:

“Il fatto che ci siano così tante persone al mondo che credono nelle cospirazioni potrebbe non significare molto per noi: se qualcuno crede che gli americani non siano andati sulla luna, questo è un loro problema! Ma secondo recenti studi di Daniel Jolly e Keren Douglas, “riduce la volontà delle persone di impegnarsi in politica rispetto all’esposizione a informazioni che supportano la teoria del complotto”. In effetti, cosa succede se si crede che la storia mondiale sia gestita da società segrete che mirano a stabilire un nuovo ordine mondiale e che gli Illuminati siano il Gruppo Bilderberg? Mi arrendo – e mi adatto a questo nuovo ordine.

Mi arrendo… Obbedisco al nuovo ordine… Mi distacco dalle vere minacce…

Qui sta una delle funzioni delle teorie del complotto: porta alla resa.

***

Viviamo in un’epoca in cui tutte le crisi si sovrappongono.

Non è uno scherzo, il cambiamento climatico sta ora travolgendo paesi come Tuvalu, costruiti sulle isole del Pacifico. Anche in Siberia le foreste stanno bruciando. In India le persone non possono uscire a causa del caldo, gli animali muoiono di sete. L ‘”orologio del giorno del giudizio” si avvicina sempre di più alla mezzanotte di ogni anno.

Il cibo che produciamo non è sufficiente per quello che consumiamo.

Le epidemie stanno esplodendo.

C’è chi dice che la terza guerra mondiale sta per iniziare, o è già iniziata.

Ma in questo momento, in tutto il mondo occidentale, ci sono quelli che ascoltano una bizzarra teoria del complotto e quelli che sanguinano il mondo sulla base di queste e di teorie simili.

***

Payton Gendron, 18 anni, è un “suprematista bianco”. In altre parole, crede che la razza bianca sia superiore alle altre razze.

Il “suprematista bianco” Gendron ha ucciso 10 persone e ferito 3 in un attacco a Buffalo, negli Stati Uniti, la scorsa settimana. Undici delle sue vittime erano “nere”. Ha trasmesso in streaming il suo attacco in diretta su Twitch.

Il giovane arrestato e imprigionato ha anche lasciato un manifesto di 180 pagine. In questo manifesto ha parlato di un punto di vista che ha occupato negli ultimi anni i movimenti di estrema destra in Occidente, in particolare negli Stati Uniti. Cambiamento demografico…

Secondo Gendron, l’esistenza della razza bianca negli Stati Uniti e in Europa è minacciata a causa delle migrazioni di massa e della bassa fertilità dei bianchi e, pertanto, è necessaria un’azione urgente.

In memoria di coloro che hanno perso la vita nell’attacco di Payton Gendron

Anche Gendron è intervenuto, uccidendo le persone che hanno minacciato la sua razza facendo irruzione in un supermercato.

L’aggressore, che nel 2019 ha ucciso 23 persone a El Paso, negli Stati Uniti, ha agito con lo stesso motivo.

Sempre nel 2019, l’aggressore che ha attaccato una moschea a Christchurch, in Nuova Zelanda, uccidendo 51 persone…

L’aggressore che ha ucciso 11 persone nell’attacco alla sinagoga di Pittsburgh del 2018…

Questa opinione non è l’opinione di questi stessi attaccanti. Queste le parole pubblicate mattina e sera dai media occidentali. Fondamentalmente ruotano attorno a un unico “concetto”.

“Ottima sostituzione” o “Ottima sostituzione”…

Non esiste ancora un equivalente esatto in turco. Può essere tradotto come “Grande spostamento della popolazione”, “Grande spostamento della popolazione” o “Grande trasferimento”.

Secondo l’idea basata su questo concetto, la civiltà occidentale è minacciata. La minaccia è identificata con i musulmani in Europa. Negli Stati Uniti ci sono anche neri e ispanici. In effetti, l’elemento che cospira ulteriormente con questa idea di mentalità cospirativa è la convinzione che questo movimento, cioè questa minaccia, sia stato attuato da élite globali e collaboratori locali che agiscono di concerto con queste élite.

Quelli con questa mentalità credono di essere sacrificati dall’élite, che il loro tempo è scaduto e che qualcosa deve essere fatto. Era uno degli slogan della marcia di estrema destra di estrema destra negli Stati Uniti nel 2017 durante questa sinistra marcia di estrema destra a Charlottesville: “Non ci sostituirai.

Lo stesso schema è ovunque. Negli USA. in Germania. nei Paesi Bassi. in Danimarca. in Svezia. Sono sempre le stesse parole. Ottimo sostituto… Ottimo sostituto…

E un nome: Renaud Camus.

***

Renaud Camus e il suo castello dove scrisse le sue opere

Il pensatore francese Montaigne scrisse i suoi Saggi da una torre di campagna. Un altro scrittore francese, Alphonse Daudet, pubblicò ciò che scrisse in provincia con il titolo “Lettres de mon moulin”, ispirandosi a un mulino a vento, sebbene non vi abitasse lui stesso.

Oggi, un altro scrittore francese siede nel suo castello in campagna, che ha lo status di monumento storico, e scrive idee che influenzano profondamente il mondo. Si crede che sia così efficace che attacchi a migliaia di miglia da questo castello sono attribuiti alle sue idee.

Il suo nome è Renaud Camus. Nato nel 1946, è un eccentrico francese. Non ha niente a che fare con Albert Camus. Sebbene in passato abbia dato opere letterarie, ciò che ha raccontato negli ultimi anni non ha nulla a che fare con la letteratura.

È un’altra finzione.

Il suo è un ottimo sostituto…

***

È allo stesso tempo difficile e non difficile comprendere le idee di Renaud Camus modellate attorno al concetto di “Grande Sostituzione”.

Non è difficile, perché queste sono parole che si ripetono più e più volte sotto mentite spoglie per decenni. Camus continua a dire che se non si fa nulla, la civiltà occidentale come la conosciamo crollerà. Dice che “estranei” prenderanno il suo posto.

Ma Camus è anche difficile da capire. Perché dice tante cose in una volta. Dice che sostituire tutto con qualcos’altro è il motto del mondo di oggi e che le potenze mondiali ci stanno preparando per questo. Secondo lui, il consumatore prende il posto del produttore; Il locale viene sostituito dal globale, l’umano sostituito dalla macchina… Non è un razzista, non è un cospiratore, dice. Ci sono anche idee che possono essere chiamate la sinistra progressista nel suo mondo. C’è anche opposizione al sistema. È un mix. Fa ascoltare a più persone.

Camus dice anche che non è violento e non gli piace essere associato agli aggressori. Secondo lui, nessuno degli aggressori l’ha letto, compresi quelli che hanno usato l’espressione “Grande sfollamento”. Pensa che nemmeno i giornalisti che scrivono di lui lo leggono. Probabilmente ha ragione.

Ma per quanto sofisticata sia, la narrativa di fondo delle loro opinioni è sufficiente per tutti: siamo minacciati. C’è chi vuole prendere il nostro posto. Alcune forze organizzano questo. Anche noi dobbiamo agire.

E naturalmente il fascino di questo nome: Big. Sostituzione.

***

Qualcosa sta succedendo. Molte persone vogliono credere che qualcosa stia accadendo. Molte persone vogliono opporsi.

La Turchia non è esente. Anche in un contesto diverso, c’è chi sostiene che alcune potenze mondiali stiano cercando di “spostare” e “sostituire la popolazione” anche nel nostro Paese.

Qualcosa sta succedendo.

Persone come Camus non credono che questo possa essere risolto votando. Non crede alle elezioni. Perché pensa che le idee delle persone siano castrate dal sistema educativo, dai media.

Secondo lui, questi non sono problemi che possono essere risolti rimanendo nel sistema. Non c’è bisogno di credere nella politica. Votare è inutile.

Umberto Eco

Ricordi cosa ha detto Eco? “Le teorie del complotto riducono il desiderio di impegnarsi in politica”, ha detto. Disse che se non ci fosse stato niente da fare, si sarebbe adattato al nuovo ordine. Ripetiamo:

“Ogni teoria della cospirazione distoglie l’immaginazione sociale dalle minacce reali indirizzandola verso pericoli immaginari”.

Ad esempio, può aiutare a uscire dalla crisi economica.

Questo può scoraggiare la corruzione dal fare appello a cattive amministrazioni.

Inoltre, se lo guardiamo dal punto di vista di tutta l’umanità, può farci dimenticare la “fine” che si avvicina.

***

Eco ha ragione. Le cospirazioni ci impediscono di vedere minacce reali. Inoltre, mentre vive nel seno delle minacce.

I negazionisti del clima pensavano che il cambiamento climatico fosse una teoria del complotto. Ci sono ancora persone che la pensano così. Non crederebbero a coloro che dicevano: “Sta succedendo qualcosa” e, inoltre, a coloro che hanno dimostrato ciò che era accaduto con le loro testimonianze.

Ma c’è davvero qualcosa da fare.

Ricordi le frecce sugli atlanti di storia nell’istruzione secondaria? Frecce della migrazione dei popoli.

Come è stata vissuta la migrazione delle tribù? La storia lo scrive, l’abbiamo letto tutti. Nessuno ha iniziato a camminare spontaneamente. Mentre le “tribù” vivevano felici nelle loro città natale, una forza le ha spostate. Questo potere era carestia o siccità. A volte le guerre…

Poi tutto ha davvero sostituito tutto. Tale è la storia.

Ma la migrazione delle tribù non è descritta nei libri di storia di oggi come “le élite globali hanno mobilitato gli Unni in Europa”, “cinque famiglie hanno poi governato i Visigoti”. Perché non sono accaduti.

Cose del genere non saranno scritte nei libri di storia futuri. Il cambiamento climatico lo farà. Le guerre saranno scritte. Ci sarà siccità, carestia.

Certo, se c’è qualcuno rimasto a scriverli.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.