La stella del calcio italiano Antonio Cassano

Melih Ergün ha scritto la carriera del calciatore italiano Antonio Cassano, la cui vita sensazionale non ha potuto soddisfare le sue aspettative nella misura delle sue capacità.

Antonio Cassano, la stella sbiadita dell’Italia

Come ha detto un tifoso italiano, “un talento sprecato”. Antonio Cassano è nato il 12 luglio 1982 a Bari, in Italia. Per fortuna è anche il giorno dopo che l’Italia ha vinto il Mondiale. Il ragazzo italiano ha iniziato a giocare a pallone per strada in tenera età, quando Cassano e sua madre vivevano insieme, prima di cadere nel radar degli osservatori baresi. Come la maggior parte delle storie di calcio di questo periodo, Cassano è povero. Ha firmato per il Bari a 15 anni.

In due anni Cassano, che ha iniziato a giocare in Serie A, impressiona tutti. Cassano segna il suo primo gol contro l’Inter e vince la partita per il Bari. Non sarà il suo primo, ma il suo ultimo gol. Molte caratteristiche come le capacità di posizionamento e l’agilità rendono il diciassettenne diverso e attirano l’attenzione delle persone. A Cassano adesso, “FantaAntonio” o “El Pibe De Bari” (Figlio di Bari) chiamano. Come ogni piccolo e bravo calciatore, Cassano è paragonato a Maradona. Ha segnato sei gol in due stagioni. È uno dei giocatori indispensabili per la squadra italiana nelle categorie di età inferiore.

Cassano vince la corsa alla Roma per 31 milioni di euro. È un premio così grande per l’attaccante italiano che detiene il record di giovane giocatore più pagato. Dopo Cassano, quel record è stato battuto per il Wayne Rooney che tutti conosciamo. Cassano contribuisce con 17 punti in 43 partite a Roma. Continua a migliorare. Ma il giocatore italiano è molto aggressivo. Non può controllare la sua aggressività in una partita e riceve un cartellino rosso. Cassano si arrabbia molto e fa la cosiddetta “mozione clacson” all’arbitro (questa mozione è un grave insulto nella cultura italiana). Espulso dall’allenamento, entra anche nella rosa dell’Italia 2004. Cassano, che ha avuto una chance in questo torneo grazie allo spettacolare cartellino rosso di Totti, ha segnato due gol e un assist. Ancora una volta, vince il premio come giocatore della partita. L’Italia viene eliminata nella fase a gironi, ma Cassano supera la classe nel suo primo torneo importante.

Nella stagione 2004-2005, per motivi economici, il tecnico Fabio Capello si trasferisce alla Juventus e le campane di Cassano iniziano a suonare alla Roma. Le durate di Cassano si riducono, ma lui continua a dare il suo contributo giocando. Fanta Antonio litiga in un modo o nell’altro con tutti i membri della squadra. Ha anche creato un problema con lo stipendio che Totti stava ricevendo.

Cassano ha cambiato squadra nell’estate del 2006. La sua nuova squadra era il Real Madrid. I Blancos pagano circa 5 milioni di euro per Cassano. La perdita di 25 milioni è enorme per la Roma. Una perdita di 25 milioni è inaccettabile per un giocatore che ha giocato solo cinque anni. Passano i mesi, ma Cassano passa costantemente il suo tempo alle feste invece di migliorare. Sta ingrassando e manca di rispetto al team tecnico. Non può essere inserito nella rosa 2006 della Nazionale italiana. Marcelo Lippi, all’epoca allenatore del calciatore italiano, era scontento di ciò che il giocatore aveva fatto durante la stagione.

Fabio Capello rileva il Real Madrid. Cassano acquista fiducia in lui. Ma non è a suo agio. Contribuisce anche alle due partite prima dell’evento, ma si arrabbia per il cambio di una partita di Champions League e litiga con il suo allenatore nello spogliatoio. Il club annuncia a ottobre la sua condanna per Cassano. Cassano è stato eliminato dalla squadra. La Nutella era lo sponsor del Real Madrid in quel momento e l’italiano ha guadagnato circa 13 chili di conseguenza. Il nuovo soprannome del giocatore è ovvio: “El Gordito” (Piccolo grasso).

Capello e la sua stella non si sono riconciliati. Una volta Ronaldo (El Fenomeno) e Cassano sono invitati al riscaldamento, ma questo riscaldamento durerà sei mesi e nessuno dei due entrerà in gioco, con l’allenatore le corde sono strette. Cassano ha giocato solo sette partite nella stagione di campionato 2006-2007 e ha detto alla radio della Roma che avrebbe potuto tornare in squadra se glielo avessero permesso.

Nella stagione 2007-2008 è stato ceduto in prestito alla Sampdoria. Ottiene il numero 99. Il motivo è che Ronaldo (El Fenomeno) indossava contemporaneamente lo stesso numero di maglia a Milano. Cassano non tiene sul posto e lancia la sua maglia all’arbitro in una partita dove viene proiettato. Ecco perché prende cinque partite e una pesante multa. La Samp acquista la testimonianza di Cassano e lo promuove a tenente. Pazzini e Cassano stanno lavorando per spingere in avanti la Samp, ma il risultato non è buono. Anche nella finale di Coppa Italia Cassano sbaglia il primo rigore e la Lazio arriva al trofeo con un gol. La stagione successiva Samp e Cassano hanno la possibilità di esibirsi in Champions League per la prima volta nella storia del club, conquistando il quarto posto. Tuttavia, questa situazione è durata per un breve periodo e hanno perso contro il Brema nelle qualificazioni e stavano andando al trofeo. Dopo tre anni produttivi, l’attaccante italiano è fuori dai convocati. Sebbene sia stato richiamato in seguito, ha litigato con il proprietario del club.

Cassano viene ceduto al Milan per tre milioni di euro. Fanta Antonio si è presentata con una grande possibilità di competizione. Insieme a Robinho, Ibra e Pato, formano la linea offensiva. L’attaccante italiano ha capito a fine stagione la scelta giusta che aveva fatto. Raggiungono il campionato di Serie A e anche la loro squadra, la Samp, è retrocessa quell’anno. Dopo una vittoria a Roma, Cassano è goffamente incapace di parlare e si sente a disagio sull’autobus. Poi la situazione Cassano “attacco ischemico” la diagnosi è fatta. A causa della sua malattia, ha subito un intervento chirurgico ed è rimasto lontano dai campi verdi per sei mesi. Lo stile di vita di Cassano cambia dopo l’intervento chirurgico. Ora è ancora in forma e pronto. Entra nella squadra di Euro 2012 direttamente al polso. La nazionale italiana si qualifica per la finale di questo torneo, ma si trasferisce in Spagna.

Il Milan fa una mossa che tocca la storia del calcio e manda Ibrahimovic e Thiago Silva al PSG. Anche Cassano vuole partire. Di conseguenza, il presidente manda Cassano all’Inter. La stagione non va bene e l’attaccante italiano viene ceduto al club del Parma. Qui Fanta Antonio fa del suo meglio. Lavora sodo, si prende cura di se stesso e resta sempre in forma. Cassano segna il suo 100esimo gol in Serie A in questa stagione e porta la sua squadra al sesto posto, il miglior posto in 10 anni. Il Parma incontra difficoltà finanziarie e rescinde il contratto dell’attaccante italiano. Cassano va per un anno alla Samp, dove viene mandato per non essere nei piani del club.

Cassano è un uomo a pieno titolo. L’Hellas firma un contratto con il Verona e annuncia il ritiro dopo alcune amichevoli. La sua ragione è che non vuole stare lontano dalla sua famiglia.

Il suo aumento di peso, la mancanza di cura di sé e la vita notturna, combinati con l’aggressività di Antonio Cassano, lo hanno reso incapace di finire la sua carriera dove voleva o poteva. Antonio Cassano ha lasciato il calcio all’età di 36 anni, una giovane età nel calcio moderno.

Scritto da: Melih Ergun

Editore: Doga Productdul

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.