La siccità in Italia continua a mettere a dura prova il settore agricolo

La siccità, iniziata in Italia quest’anno con scarse precipitazioni e un caldo estivo efficace da metà maggio, continua a essere il principale punto all’ordine del giorno del Paese.

La situazione è allarmante in Lombardia, nel nord del Paese, dove la siccità ha colpito più duramente.

Il basso livello delle acque del fiume più grande e lungo del Paese, il Po, ha iniziato a mostrare i suoi effetti sulla produzione agricola.

Secondo le stime dell’Associazione Italiana Agricoltori (Coldiretti), la siccità del fiume Po comporterà perdite di produzione agricola per 3 miliardi di euro. Uno dei più colpiti da questa situazione sono gli addetti alla produzione agricola della regione.

L’agricoltore Gigi Tacchini ha detto all’Agenzia Anadolu (AA) che i suoi campi a Santa Cristina e Bissone, 50 chilometri a sud di Milano, soffrono per la carenza d’acqua.

Tacchini, evidenziando i problemi della sua piantagione di soia, ha dichiarato: “Questi semi di soia dovrebbero essere più alti ed è necessario irrigare, ma oggi non abbiamo acqua, quindi siamo di fronte a un quadro doloroso. L’irrigazione è necessaria. ” ha usato l’espressione.

Tacchini ha detto che una situazione simile si è verificata nel mais: “Siamo stati in grado di irrigare questo posto solo una volta. Normalmente queste pannocchie di mais avrebbero dovuto raggiungere da 3 a 4 metri di lunghezza, ma erano lunghe circa 1-1,5 metri. Perché può essere irrigato una volta, si formano delle crepe nel terreno. Normalmente si annaffia almeno 3-4 volte.” Egli ha detto.

Tacchini ha sottolineato che anche la situazione nelle risaie non è diversa. Sarà meno. Anche la produzione è diminuita a causa dell’irrigazione. ha usato le sue affermazioni.

“Il caldo e la mancanza di precipitazioni continueranno fino alla prima metà di luglio e agosto”

Stefano Cecchin, responsabile dell’orzo, l’agenzia per la protezione ambientale della Regione Lombardia, ha anche affermato che, secondo le sue previsioni, la situazione è ben lungi dall’essere cambiata a causa delle alte temperature e delle scarse precipitazioni.

Fornendo informazioni sui livelli delle risorse idriche nella loro zona, Cecchin ha affermato: “Il livello dell’acqua nel Lago Maggiore è di circa il 30-40%. Il Lago di Garda è al livello del 48%. Po. Sfortunatamente, il livello è compreso tra il 5 e il 10 percento”.

Sottolineando che non hanno grandi aspettative per luglio, Cecchin ha detto che la settimana in cui si trovano sarà una delle settimane più calde e meno piovose.

“Questo caldo e la mancanza di precipitazioni dureranno per tutto luglio e la prima metà di agosto. Secondo le stime a noi fornite da tutti i dati statistici, ci sarà un leggero miglioramento nella seconda metà di agosto, con temperature più basse e più precipitazioni”, ha detto Cecchin.

Le notizie presentate agli abbonati attraverso il News Flow System (HAS) dell’AA sono pubblicate in forma sintetica sul sito web dell’Agenzia Anadolu. Si prega di contattare per l’iscrizione.

Cajetan Longo

"Tipico nerd dei social media. Giocatore. Appassionato guru di Internet. Generale piantagrane. Studioso del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.