La Juventus è diventata partner nella corsa al vertice – TRT Spor

credi nei miracoli? Ad esempio, nella vetta di un campionato di serie A, i risultati a sorpresa sono stati così tanti che la Juventus, caduta a un certo punto a 14 punti dalla capolista, ha chiuso il gap a 7. Allora, come pensi sia possibile bianchi e neri per vincere il campionato? Se in te c’è un raggio di speranza, purtroppo, significa che non sei dalla parte di Massimiliano Allegri. Perché l’allenatore 54enne, che è uno dei monumenti dell’esperienza calcistica italiana, non affronta questa possibilità con un approccio ottimista e afferma chiaramente di essersi prefissato obiettivi realistici come top four.

Dopo le semifinali di Coppa Italia, il nome esperto ha risposto alla domanda sulla lotta per la vetta: “La scala del campionato sarà 84-85 punti. Avremmo dovuto vincere tutte le partite rimanenti, il che è molto difficile. Penso che almeno una delle prossime tre squadre possa raggiungere 84 punti. Chiedi loro di quanti punti hanno bisogno per il campionato, non a me! Nonostante l’approccio cauto di Allegri, la teoria che si può dedurre dai fatti apparenti mostra che non è impossibile.

In Champions League, né Napoli né Milan sono stati in grado di produrre risultati soddisfacenti, con l’Inter che ha generosamente terminato il suo vantaggio interminabile di punti con partite difficili circondate da partite di Liverpool. Anche se la Juventus non è riuscita a firmare sotto il record di vittorie, è riuscita a sfruttare al meglio quelle negative. La partita dello Spezia in mezzo a tanto caos e alla vittoria di un gol portata dal gioco pragmatico ha assunto molto più valore.


L’artefice del gol, arrivato con un tiro netto di Morata, è stato ancora una volta il clamoroso attaccante Dusan Vlahovic. La presenza dell’attaccante serbo, che ha costantemente minacciato le difese avversarie durante tutto il suo tempo in campo, così come i suoi 3 gol con le Zebre, consentono ora alla Juventus di avere una migliore garanzia di segnare. Se fosse successo nei primi giorni della stagione, lasciamo alla vostra immaginazione vedere come prenderebbe forma ora la vetta.

Nonostante la Juventus abbia avuto un momento difficile in attacco dall’inizio della stagione, il problema principale per la squadra di Allegri sono stati gli infortuni. Infine, Weston McKennie ha chiuso la stagione ai Bianconeri, che erano privi di numerosi giocatori infortunati a lungo termine in quasi tutte le posizioni. Nonostante questo Arthur, che si ritrova a centrocampo, e l’armonia di Manuel Locatelli danno ad Allegri una boccata d’aria fresca in questo serrato ciclo di avvicendamento. Il fatto che il centrocampista italiano abbia dimostrato fino all’ultima lettera i criteri del centrocampista moderno con le sue prestazioni in ogni partita ha portato grande conforto anche ad Arthur, che non riusciva a trovare le aree che cercava.

Nonostante il brasiliano impieghi un po’ di tempo per abituarsi al calcio italiano, dà alla Juventus un grande vantaggio con la sua tecnica e spinta. Le speranze possono diventare più reali se i bianconeri vinceranno tutte le partite in vista del derby dell’Inter. Ma in qualche modo, sembra aver ricordato alla squadra di Allegri le loro identità che stavano per dimenticare in modo sorprendente. La scena che avrebbe potuto trasformarsi in imbarazzo per la Juventus nei primi mesi di stagione si è ora trasformata nel sogno di vincere doppi trofei.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.