La Guerra dei Cento Giorni in Ucraina ha lasciato 5,2 milioni di bambini bisognosi di aiuti umanitari.

NEW YORK/GINEVRA/Kiev, 1 giugno 2022 – L’UNICEF ha annunciato oggi che la guerra in Ucraina, durata quasi 100 giorni, segna la fine della seconda guerra mondiale per i bambini. Ha avuto risultati devastanti su una scala e a una velocità mai vista dalla seconda guerra mondiale. Tre milioni di bambini in Ucraina e più di 2,2 milioni di bambini nei paesi che ospitano rifugiati hanno attualmente bisogno di assistenza umanitaria. Quasi due bambini su tre sono stati sfollati a causa del conflitto.

Secondo le informazioni verificate dall’OHCHR, più di due bambini vengono uccisi e più di quattro vengono feriti in media ogni giorno in attacchi con armi esplosive, principalmente in aree densamente popolate dell’Ucraina. Le infrastrutture civili da cui dipendono i bambini continuano a essere danneggiate o distrutte. Questi includono finora almeno 256 strutture sanitarie nell’est del paese e una delle sei “scuole sicure” supportate dall’UNICEF. Anche centinaia di altre scuole in tutto il paese sono state danneggiate. La situazione dei bambini nell’Ucraina orientale e meridionale, dove il conflitto si sta intensificando, sta diventando sempre più disperata.

Catherine Russell, Direttore Esecutivo dell’UNICEF, ha dichiarato: “Il 1 giugno è la Giornata universale dei bambini in Ucraina e in tutta la regione. Invece di celebrare questo evento, ci avviciniamo al 3 giugno con pessimismo, il centesimo giorno di guerra che ha sconvolto la vita di milioni di bambini. Un cessate il fuoco urgente e negoziato Senza pace, i bambini continueranno a soffrire e le ripercussioni della guerra colpiranno i bambini vulnerabili di tutto il mondo.

L’UNICEF avverte anche che la guerra sta causando una grave crisi di protezione dei bambini. I bambini che fuggono dalla violenza sono ad alto rischio di separazione, violenza, abusi, sfruttamento sessuale e traffico di esseri umani. Molti hanno subito profondi eventi traumatici. Questi bambini, in particolare quelli non accompagnati o separati dalle loro famiglie, hanno urgente bisogno di sicurezza, stabilità, servizi di protezione dell’infanzia e sostegno psicosociale. Ma più di ogni altra cosa, hanno bisogno di pace.

Anche la guerra e lo sfollamento di massa stanno devastando i mezzi di sussistenza e le opportunità economiche. Questa crisi priva molte famiglie di un reddito sufficiente per soddisfare i loro bisogni primari e le famiglie non sono in grado di fornire un sostegno adeguato ai propri figli.

L’UNICEF continua a chiedere un cessate il fuoco urgente in Ucraina ea proteggere tutti i bambini dai danni. Questi includono la fine dell’uso di armi esplosive nelle aree densamente popolate e gli attacchi alle infrastrutture civili. L’UNICEF chiede il pieno accesso umanitario per raggiungere in modo rapido e sicuro i bambini bisognosi, ovunque si trovino.

L’UNICEF ei suoi partner continuano a lavorare sul campo in Ucraina e nei paesi limitrofi. Si sforza di fornire tutte le forme di assistenza umanitaria ai bambini e alle loro famiglie, compresa la protezione dei bambini, l’acqua e i servizi igienico-sanitari, la salute, la nutrizione e i servizi educativi.

In Ucraina, l’UNICEF e i suoi partner hanno distribuito forniture sanitarie e mediche salvavita a quasi 2,1 milioni di persone nelle aree colpite dalla guerra; fornito accesso all’acqua potabile a oltre 2,1 milioni di persone che vivono in aree in cui le reti sono state danneggiate o distrutte; ha raggiunto oltre 610.000 bambini e operatori sanitari con supporto per la salute mentale e psicosociale e ha fornito materiale educativo a circa 290.000 bambini. Quasi 300.000 famiglie vulnerabili si sono iscritte al programma di assistenza umanitaria in denaro gestito dall’UNICEF e dal Ministero delle Politiche Sociali.

L’UNICEF sostiene i sistemi municipali, nazionali e locali nei paesi che ospitano i rifugiati che forniscono servizi di base e protezione, in particolare ai bambini più vulnerabili. Questa; Comprende la formazione contro la tratta per le guardie di frontiera, l’ampliamento delle opportunità di apprendimento e l’integrazione dei bambini rifugiati nelle scuole, la fornitura di vaccini e forniture mediche e la creazione di centri di gioco e intrattenimento che diano ai bambini piccoli un senso di normalità tanto necessario. Sono stati istituiti venticinque Blue Point UNICEF-UNHCR, centri di accoglienza unici che offrono supporto e servizi alle famiglie in movimento lungo le principali vie di transito in Moldova, Romania, Polonia, Italia, Bulgaria e Slovacchia. In Moldova, più di 52.000 rifugiati che vivono principalmente in famiglie con capofamiglia donne hanno beneficiato del programma polivalente di assistenza in denaro dell’UNICEF e dell’UNHCR.

L’UNICEF ha chiesto 624,2 milioni di dollari per sostenere la risposta umanitaria in Ucraina e 324,7 milioni di dollari per la risposta nei paesi che ospitano i rifugiati.

#####

Note per i redattori:

Puoi trovare materiale multimediale qui: https://weshare.unicef.org/Package/2AM4080ZGVFH

Puoi saperne di più sul lavoro dell’UNICEF in Ucraina qui: www.unicef.org/ukraineconflict

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.