Izmir News – Il nome che aggiunge valore ad Alaçatı: Yasin Becek

Limon Köyiçi, che è diventato il luogo di intrattenimento numero uno ad Alaçatı con la sua atmosfera calda e amichevole su come è iniziato con il motto di QUALITÀ cibo e musica di qualità, riflette l’atmosfera della costa egea nel suo ambiente elegante. Limon Köyiçi deve questo successo all’operatore di successo Yasin Becek e alla famiglia Limon, che sono i partner del luogo. Limon Köyiçi, per così dire, è giunto fino ad oggi essendo cucito nodo dopo nodo dalle mani dell’imprenditore di successo Bacak. Yasin Becek, che si è incrociato con sua moglie Ceyda Becek, ha aperto le sue ali in una direzione completamente diversa e ha avuto l’opportunità di incontrare aspetti di Çeşme che non aveva mai visto prima. Ora felicemente sposata con 2 figlie, Becek mette la sua firma su bellissime opere d’arte. Naturalmente, non dobbiamo dimenticare l’amore per Çeşme, un allenatore di successo che è anche un accanito fan del Galatasaray. Abbiamo avuto una bella chiacchierata con Yasin Becek, uno dei partner di Limon Köyiçi, dove abbiamo parlato di tutti i dettagli dalla A alla Z.

Il nome che aggiunge valore ad Alaçatı: Yasin Becek

* Prima di tutto, puoi parlarci un po’ di te, chi è Yasin Bacak?

– Sono nato nel 1981 a Istanbul. Sono di Yozgat. Mia madre è una casalinga e mio padre è un barbiere. Mi sono laureato all’Università di Bahçeşehir, Facoltà di Comunicazione. Io sono sposato. Sono il padre di 2 adorabili ragazze. Il mio più grande amore è il Galatasaray. Sono un membro del Congresso.

* Sei uno dei protagonisti della vita notturna… A cosa attribuisci il tuo successo?

– Questo è il mio 19° anno di professione. L’unica spiegazione del concetto relativo che chiamiamo “successo” è il lavoro di squadra, la continuità, l’essere famiglia. Credo che il successo sia un lavoro di squadra. Il mio attuale team lavora con me da almeno 8-9 anni. Il prossimo anno festeggerò i miei 20 anni di professione. Ci sono persone che stanno con me da 19 anni. Ci sono diversi motivi per cui Limon Köyiçi è amato. La sua architettura, il suo calore, la sua cucina, il suo volto sorridente… Tutti insieme a Limon Köyiçi.

* Come è iniziata la tua storia?

– Adoro farmi tatuaggi. Ho avuto il mio ultimo tatuaggio sul braccio. Gli ho fatto scrivere “Ho scritto la mia epopea”, che è una frase persiana che amo così tanto. La mia storia è iniziata al college vendendo biglietti per feste a causa della povertà. L’ho indossato, l’ho sviluppato, l’ho abbellito in ogni organizzazione, poi sono arrivate le proposte commerciali. Conosco i giorni in cui vado a lezione senza dormire.

* In qualità di investitore residente a Istanbul da molti anni, perché hai scelto Çeşme invece di Bodrum?

– Sempre Cesme… Cesme è il mio punto sensibile. Per prima cosa mi ha portato mio zio Murat Kayhan. Abbiamo alloggiato nella guest house di Halkbank. Come famiglia, non conoscevamo la spiaggia o Alaçatı… Andavamo al centro di Çeşme con il minibus da Ilıca. Felice di averli sperimentati. Capisco e conosco così bene il valore di tutto! Poi, quando mia moglie era mia amica, mi ha mostrato un Alaçatı-Çeşme completamente diverso. In realtà è una grande influenza dietro il mio amore per le fontane. Non posso ringraziarlo abbastanza per questo.

* Limon Köyiçi è diventato un marchio ora… È diventato una destinazione frequente per tutte le celebrità… Allora come è iniziata la storia di Limon?

– Sognavo da molti anni di realizzare un progetto del genere ad Alaçatı. Ma si è sviluppato spontaneamente. La nostra storia è iniziata così: io e mia moglie eravamo amici a quel tempo. Mi portava a Çeşme. Amava Cesme. Poi ci siamo innamorati, ci siamo fidanzati, ci siamo sposati. È sempre stato il nostro sogno fare qualcosa qui. Ogni anno cercavamo casa, non ci sarebbe stata fortuna. Cercheremmo un posto, non ci sarebbe fortuna. In un appuntamento in cui sono venuto a vedere un altro posto, i miei amici più cari Halit Madakbaş e İlhami Arslan mi hanno mostrato questo posto. Il proprietario di questo posto era un loro amico. Ho fatto cercare il proprietario direttamente dopo 1 minuto dopo averlo mostrato a me. Ci siamo accordati più tardi. Che Dio abbia pietà di lui, i suoi figli ci hanno aiutato molto in questo senso, ci hanno aperto la strada. Siamo andati al comune per il permesso, ma non c’è ancora il nome. Pensando al nome, il mio sguardo colse l’albero di limoni all’interno. Il più antico albero di limoni del villaggio… Ho detto: ‘Che il suo nome sia Limon’. Sono andato al comune e ho creato un marchio chiamato “Lemon Köyiçi”. Così è iniziata la storia.

* Sei preso come esempio da molte aziende…

Essere un esempio è un concetto relativo. Naturalmente, le persone sono ispirate dallo stile della musica, dal cibo… È importante fare bene il proprio lavoro. Dopo aver svolto bene il tuo lavoro, vieni preso come esempio o imitato. Tutto può succedere. Ma non è un problema nostro! Il nostro obiettivo è migliorarlo mettendolo ogni anno. Lascia che le persone abbiano successo. Siamo felici di ricevere ispirazione da noi.

* Penso che ciò che ti distingue sia la sincerità. Quante persone è la tua squadra?

L’unica cosa che ci distingue è il nostro impegno reciproco. Dal nostro chef Eyüp Gül al nostro DJ Yiğit Özdemir, dal nostro direttore generale Raif Karan al nostro direttore contabile, il nostro CEO Orkun Kuş, attraverso i miei partner Turgay Işık, Hasan Başkaya e Ramaz Burak Telli, siamo un’ottima squadra. Tutte queste ruote sono interconnesse e questa ruota gira costantemente. Funziona bene quindi non scricchiola affatto. L’importante è stare con la famiglia. Per essere in unità, unità e solidarietà! Ci piace molto stare insieme. Ci frequentiamo anche durante il giorno. A volte andiamo al mare durante il giorno, la notte finisce e continuiamo a trascorrere del tempo lì. Al di fuori dell’orario di lavoro, tutti sono fratello e sorella, ma quando inizia il lavoro, tutti sono un gentiluomo o una signora. 64 persone lavorano qui per fornire un buon servizio.

Il nome che aggiunge valore ad Alaçatı: Yasin Becek

* Cosa non puoi mai tollerare?

– L’unica cosa che non sopporto è l’ingratitudine. Tollero tutto il resto. Aiuto le persone in tutto, le faccio correre nei momenti belli e brutti. Ma non sopporto l’ingratitudine.

* Sei uno di quelli che possono divertirsi lavorando?

– Come la famiglia Limon, la risposta è molto chiara: ‘Sì’. Perché divertirci è la nostra più grande caratteristica. Ecco perché vedi una faccia sorridente e un duro lavoro. Non lo vediamo come un lavoro. Come diceva Confucio: “Se fai ciò che ami, non lavori mai un giorno”. Lo vediamo sia come un hobby che come una gioia. Tutti si divertono lì. Oltre a guadagnare denaro, abbiamo una struttura diversa.

* Alaçatı ha attirato l’attenzione soprattutto nel campo della gastronomia negli ultimi anni. Offri i gusti popolari delle cucine del mondo. Cosa ti permette di affermarti in cucina?

– Alaçatı ha fatto una svolta nella gastronomia. Naturalmente, il nostro sindaco Ekrem Oran, che ha un grande sostegno, e le associazioni hanno una grande influenza su questo. Supportano i festival, a loro non importa. Siamo anche molto felici di questo. Per noi, l’unica cosa che distingue la nostra cucina è lo chef Eyüp Gül, che è una delle nostre più grandi fortune. A parte questo, non abbiamo prodotti surgelati. Tutto viene ogni giorno, compresa la carne. Le nostre verdure e frutta sono servite a tavola con la stessa freschezza. Oltre alla magia del nostro capo Gul, anche questa questione è molto importante per noi.

* Sappiamo che uno degli argomenti su cui sei assertivo è la musica. Indipendentemente dal fatto che si adatti al tuo stile o meno, tutti si riuniscono sicuramente a Limon. Come valuti questo?

– Limon è l’unico negozio senza stile in Turchia. Se chiedi dello stile della musica, nessuno può dirlo. Se chiedi dello stile della cucina, nessuno può dirlo. Ci sono frattaglie, c’è anche cucina internazionale, c’è cibo inglese, c’è anche pesce. Il limone non ha stile. Per quanto riguarda lo stile della musica, non ha nemmeno stile. Suoniamo anche halay, aria di mar nero e musica R&B. In effetti, questo è ciò che attrae le persone. Le persone li stanno già ascoltando a casa e in macchina. Siamo un tale paese. Siamo fatti di diversi colori.

* Come sono le tue estati a Çeşme? Anche tua moglie ei tuoi figli sono qui… Anche tu sei una famiglia esemplare… Ebbene; Se chiediamo se è Istanbul o Cesme…

– Abbiamo instillato il nostro amore per le fontane nei nostri figli. Sono anche molto felici di essere qui. Abbiamo amici di famiglia, i bambini hanno amici. 3 giorni a settimana, una delle mie figlie va a basket e l’altra a pallavolo. La nostra cerchia di amici è lì. Mia moglie trascorre del tempo con loro. Ora è il nostro villaggio, la nostra città natale. Dico: “Dio non voglia, se mi succede qualcosa, seppelliscimi ad Alaçatı”. Sono molto felice e in pace di essere qui. Ecco perché costruisco tutti i miei investimenti, progetti nella mia testa, tutto su Alaçatı. Ho una moglie che mi aiuta molto. Questo è il motivo per cui alleviamo i bambini in modo molto sociale. Questo è ciò che volevamo e sognavamo con Ceyda. Ecco perché facciamo tutto insieme. Facciamo i nostri sport insieme, guardiamo i nostri film insieme, cuciniamo i nostri pasti insieme. Vengono tutti con me.

* Hai un nuovo progetto di recente?

– Non abbiamo organizzato un’organizzazione invernale per 2-3 anni a causa della pandemia. Spero che quest’anno stabiliremo un nuovo marchio a Kuruçeşme, Istanbul. Sarà una cucina di ispirazione italiana. Ho creato un concetto molto carino. essere sorpresi. Il suo nome sarà ‘Sale’. Aprirà a fine settembre. Aspettiamo anche tutti gli amanti del limone. Inoltre, siamo nel nostro sesto anno come Limon Köyiçi. Siamo un marchio che aggiunge valore ad Alaçatı. Siamo arrivati ​​a quei giorni, passo dopo passo, grattandoci con le unghie. Il nostro obiettivo è portare il nostro servizio al livello successivo con il nostro menu, che rinnoviamo ogni anno.

Gaetana Capone

"Appassionato di TV. Fanatico del bacon certificato. Esperto di Internet. Appassionato di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.