Il tribunale italiano sospende la decisione di estradare in Spagna il politico catalano Puigdemont

La corte d’appello della Sardegna ha sospeso la decisione sull’estradizione del politico separatista catalano Carles Puigdemont.

La giustizia italiana ha annunciato di aver deciso di attendere che Puigdemont, che è un membro del Parlamento europeo, riaffermi la sua immunità dinanzi ai tribunali europei e di attendere che le cause relative ad altri procedimenti giudiziari siano finalizzate.

Puigdemont, ex capo del governo autonomo della Catalogna e deputato del PE dal 2019, è stato estromesso da un voto del PE a marzo.

A quel punto, Puigdemont ha presentato ricorso alla Corte di giustizia europea contro la revoca della sua immunità e il tribunale non aveva ancora finalizzato la richiesta contro la sospensione temporanea della decisione di revoca dell’immunità.

La Corte Suprema spagnola, che chiede l’estradizione di Puigdemont, accusa il politico catalano di “ostacolo alla legge”, “disobbedienza alle istituzioni statali” e “abuso di proprietà pubblica” per il referendum illegale sull’indipendenza organizzato in Catalogna il 1 ottobre 2017.

Puigdemont, che vive in Belgio dall’ottobre 2017, è stato arrestato dalla polizia di frontiera italiana all’aeroporto dell’isola di Sardegna, dove si è recato il 23 settembre per partecipare a un incontro.

I tribunali belga e tedesca avevano precedentemente respinto le richieste di estradizione della Spagna.

Si dice che il politico potrebbe rischiare fino a 25 anni di carcere se estradato in Spagna.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.