Il primo ministro italiano Draghi ha dichiarato di non poter raggiungere il presidente ucraino Zelenskiy:

Secondo le notizie dell’Agenzia Anadolu;

ROMA (AA) – Il premier italiano Mario Draghi ha dichiarato di aver accettato di incontrare in mattinata il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy, ma non ha potuto tenere l’incontro con il leader ucraino.

Draghi ha informato l’Assemblea Generale della Camera dei Rappresentanti, la camera bassa del parlamento, dell’intervento militare russo in Ucraina.

Esprimendo la sua solidarietà e sostegno all’Ucraina, il primo ministro Draghi ha dichiarato: “Immagini orribili ci riportano ai giorni più bui della storia europea”. disse.

Draghi ha detto di aver partecipato al Consiglio dell’Ue, tenutosi ieri sera in una riunione straordinaria a Bruxelles, capitale del Belgio, per discutere dell’attacco della Russia all’Ucraina.

“Il momento in cui ieri il presidente Zelensky dell’Ucraina ha partecipato al Consiglio è stato un momento drammatico. Si stava collegando da un luogo segreto a Kiev. Ha detto che il tempo stava finendo, lui e la sua famiglia erano l’obiettivo delle forze di occupazione russe. . È stato un momento drammatico che ha toccato tutti i presenti al Consiglio, lui ha chiamato e abbiamo fissato un appuntamento telefonico alle 9,30, ma non è stato possibile fare una telefonata perché il presidente Zelenskiy non era più disponibile.

– “Questa è una gravissima violazione dei più fondamentali valori europei”

Affermando di aver approvato ieri a Bruxelles una serie di misure severe in merito alle sanzioni contro la Russia, Draghi ha dichiarato: “L’Italia condanna fermamente l’invasione, che riteniamo inaccettabile. Questo attacco è molto importante per la sovranità di uno Stato libero e democratico, gli accordi internazionali ei valori europei più fondamentali. Questa è una grave violazione”, ha fatto la sua valutazione.

Condividendo le informazioni secondo cui 240 soldati italiani stanno partecipando alle missioni Nato in Lettonia e Romania, il Presidente del Consiglio italiano ha dichiarato: “Siamo pronti a fornire circa 1.400 soldati delle forze aeree, marittime e di terra e, se necessario, altri 2.000 soldati sono disponibile.” disse.

Draghi ha ricevuto molti applausi dai parlamentari italiani mentre ha ribadito il suo sostegno e solidarietà a Zelensky e al popolo ucraino.

Disclaimer legale:

Tutti i diritti di notizie pubblicate, rubriche, fotografie, serie di articoli e tutti i tipi di opere appartengono a Mirajans Medya İletişim Reklam Haber ve Proksiyon A.Ş. Anche indicando la fonte, l’intera opera non può essere utilizzata senza un permesso speciale.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.