Il Financial Times ha parlato della distopia della “città specchio” da 500 miliardi di dollari dei sauditi

T24 Vita

Le prime immagini di design di Neom, la città che l’Arabia Saudita costruirà nel deserto pubblicato. Viene creato un canale brillante, specchiato, da trilioni di dollari che attraversa il deserto di Tabuk. Secondo il suo sito web, la città, la cui lunghezza supera i 170 chilometri, dovrebbe ospitare più di 9 milioni di persone.

Diario dell’ossigenoSecondo le notizie di Il Financial Timesscrittore di architettura di Edwin Heathcoteha descritto la “Neom smart city” lunga 170 chilometri che l’Arabia Saudita costruirà con un budget di almeno 500 miliardi di dollari: È difficile trovare un simbolo che descriva meglio i tempi in cui viviamo.

Il resto dell’articolo di Heatchote è il seguente:

“Nel 1969 un gruppo radicale di architetti in Italia propose un piano urbanistico con struttura permanente. Aveva la forma di un muro bianco a griglia che tagliava il deserto dell’Arizona, e ogni linea del progetto della città autosufficiente era larga un miglio. Le somiglianze sono evidenti. Anche se il design di Superstudio era una provocazione, non una vera offerta. Ha deriso la disconnessione del modernismo dal contesto con la satira architettonica. Tuttavia, proprio come Stanley KubrickInterni nel 2001: Star Trek Adventure e Andrej TarkovskijCome l’enigmatica, aliena natura creata dall’uomo di Solaris, il design era così visivamente accattivante che è entrato nella nostra memoria culturale e si è trasformato da un design distopico in un feticcio utopico.

Neom è la manifestazione più estrema e contemporanea di questo fenomeno. È una città costruita nel mezzo di un deserto inabitabile, disegnata come un muro, sigillata e resa abitabile solo dalla tecnologia. Le sue pareti a specchio sono chiuse verso l’esterno, inespressivi e inquietanti, come gli occhiali da sole a specchio dei poliziotti autostradali. Sostiene di riflettere la bellezza del paesaggio. L’apice dell’inganno architettonico. È una specie di negligenza al dovere da parte dei designer che non vogliono assumersi la responsabilità dell’estetica mega-urbana.

La Nuova Babilonia

L’interno è ovviamente presentato come un’idilliaca tecno-utopia. Nuova Babilonia con la sua valle di alberi e foglie. Una grande istantanea del design contemporaneo. Non importa la dimensione dell’edificio o la cattiva etica, è possibile coprire tutto con un po’ di verde.

Puoi presumere che il nostro futuro sarà così. Stiamo cercando di rendere inabitabile il nostro pianeta e i mega ricchi stanno già sognando colonie spaziali. Può essere visto come una sorta di formazione per rendere l’ambiente estremo sicuro per le persone.

Per quanto irrazionale possa sembrare, ci sono alcune cose interessanti. C’è un aneddoto che amo: quando un viaggiatore si perde vagando per la campagna, chiede al contadino che ha incontrato come arrivare in città. Dopo un momento di pausa, il contadino disse: “Non puoi andare da qui a lì. Da un punto di vista planetario, anche Neom lo è. Per costruire la città di domani non si parte dal deserto.

Tuttavia, ha il suo valore se considerato come una tentata soluzione per un mondo devastato, per non parlare dell’enorme impronta di carbonio della sua costruzione.

niente auto

Alcuni elementi sono davvero radicali. Secondo il piano, sarà una città senza auto e le persone saranno trasportate da un’estremità all’altra in treno. Ma i ricchi sauditi lasciano davvero le loro auto e si siedono sul treno fianco a fianco con i lavoratori migranti che fanno il lavoro della città? Ovviamente no. Sono previsti giocattoli tecnologici come elicotteri da utilizzare come aerotaxi, droni per le consegne e servi robotici.

La città specchio lunga 170 km si estende nel Mar Rosso.

La dimensione di Neom è difficile da capire. Le mura sono alte 500 metri, quindi è fondamentalmente una città arrotolata verticalmente. Finora c’è una negligenza attraente nel filmato; I progetti, che si ritiene siano di proprietà di Morphosis, con sede a Los Angeles, un tempo sembravano radicali con la loro architettura futuristica, ora sembrano centri commerciali di lusso nelle città cinesi di terzo livello. Con il suo immaginario distopico simile a una Morte Nera, l’architettura dell’apartheid tipica delle città sicure post-apocalittiche e un quartiere finanziario e commerciale stravagante e irrealistico volto a depredare investitori ventosi, Neom può essere visto come un abbagliante salto dall’ottimismo tecno.

Sebbene pretenda di essere una soluzione alle crisi ambientali, utilizza l’inesauribile energia gratuita fornita dal petrolio saudita e ne ignora le conseguenze. Ma la domanda più grande rimane: per chi? Chi vuole una città così?

muro di briscola

Ci sono molti totem non realizzati del periodo tardo moderno: per esempio Donald TrumpIl muro che ha detto che avrebbe costruito al confine con il Messico, Buckminster Fuller’cupola di vetro per coprire i progetti distopici di Manhattan e Superstudio. Neom potrebbe essere uno di loro; o almeno in parte. Una città di specchi lunghi e sottili che si sono trasformati in sabbia, droni a energia solare programmati per pulire i vetri, in bilico su rovine che nessuno ha visitato da molto tempo. È difficile trovare un simbolo che descriva meglio i tempi in cui viviamo”.

Cajetan Longo

"Tipico nerd dei social media. Giocatore. Appassionato guru di Internet. Generale piantagrane. Studioso del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.