Il destino di 100mila

Ho chiesto il destino di 100.000 alloggi sociali economici, che sono stati messi in vendita nel 2019 e i cui beneficiari sono stati determinati.

E ho scritto la situazione che ho visto io stesso.

Ovviamente non abbiamo avuto risposta.

Ma ho ricevuto molte lettere dalle vittime.

Leggiamone uno insieme:

“Mio caro fratello Fatih;

Come accennato in estate, verso la fine del 2019, siamo tra i vincitori del progetto presidenziale di 100.000 alloggi sociali. Mio padre ha vinto la lotteria Ankara Çubuk 500 Social Housing and Workplace con la sua quota di pensione.

Abbiamo pagato la quota di iscrizione e il giorno del sorteggio tutta la famiglia ha seguito il live streaming del sorteggio su Youtube e siamo stati molto felici quando abbiamo visto il nome di mio padre.

Fratello Fatih, le date di richiesta del progetto erano dal 16 dicembre 2019 al 15 gennaio 2020, e il sorteggio è stato subito dopo, e dal primo mese del 2020, quando ne avevamo il diritto, non c’era nessun colpo telefonico, né informazioni, né un bando di gara per la costruzione.

Abbiamo chiamato TOKİ diverse volte e volevamo informazioni.

Non abbiamo ricevuto risposta.

Volevamo scrivere più volte a Cimer e informarci sulla sua sorte. Abbiamo sempre sentito la stessa frase. “In attesa di gara”.

Nei primi mesi del 2020 la casa che affittiamo e chiediamo 220mila lire senza contrattare ora è di 1 milione e 100mila lire. L’unica cosa che ci ha impedito di acquistare questa casa è stata la casa che avevamo vinto grazie a TOKİ. Mio padre, un pensionato di 64 anni, non poteva possedere una casa in vita sua, e l’incontrarsi subito in una situazione del genere lo ha messo molto sotto stress. Inoltre, ea causa della crisi economica, mio ​​padre ha seri problemi di salute, tanto da aver subito due operazioni negli ultimi due mesi.

Nonostante tutto, ti ringrazio a nome di tutta la mia famiglia per aver messo questo problema all’ordine del giorno, fratello Fatih, con il mio amore infinito di giovane turco il cui unico progetto per il futuro è la lotteria della carta verde e che ora sta anche lottando respirare.

Io, che da 13 anni non mi perdo nessuno dei tuoi articoli e programmi, mi è venuta voglia di aprire un attimo il mio cuore.

Capisci perché ho messo all’ordine del giorno la questione delle 100.000 case annunciate nel 2019?

Ancora una volta, qualcuno ha collegato la questione a un luogo insignificante.

Il documentario di ieri su Terim non era un documentario, era una produzione che ricorda i successi di Terim e loda Terim. Ho detto che non sarebbe stato un documentario, sono stato immediatamente dichiarato dai troll di Terim come “il nemico di Terim, qualcuno che cerca di impedire a Terim di tornare al Galatasaray, che cerca di impedire a Terim di ‘essere presidente del Galatasaray’.

Forza ragazzi.

La mia amicizia, conoscenza e conoscenza con Terim risale a prima della nascita di molti di voi, anche prima che nascessero alcuni dei vostri parenti.

Nessuno di voi conosce Terim quanto me, e quindi nessuno di voi può apprezzare Terim quanto me.

Terim è l’allenatore turco di maggior successo di tutti i tempi.

Il fatto che 8 dei 22 campionati del Galatasaray si siano svolti ai suoi tempi lo rende una vera leggenda del Galatasaray.

È uno dei pochi nostri concittadini ad avere una così grande differenza tra il suo punto di partenza e la sua salita. Inoltre, è uno dei due cittadini turchi che conosco che possono farlo non con l’educazione ricevuta, ma con le sue caratteristiche personali.

Sono anche la prima persona a dirgli: “Se è così, vieni al Galatasaray e diventa presidente”.

Ma ciò non cambia il fatto che quello che viene trasmesso non è un documentario.

Cosa è successo a Süren quando Terim ha lasciato il Galatasaray?

Cosa ha detto Mehmet Cansun?

Cosa è successo a Cecici Gori quando ha lasciato la Fiorentina? Ha litigato con il presidente della Fiorentina?

Cosa è successo a Milano con il presidente del Consiglio italiano e il titolare della squadra?

Perché i milanisti hanno vinto contro di lui? Cosa pensano Maldini e altri di Terim? Perché non lo volevano!

Dopo la partenza del Milan, l’offerta del Galatasaray e il rifiuto di Terim.

Il fallimento e il licenziamento del periodo Canaydın.

Le sue esperienze con Ünal Aysal. Chiamandolo dipendente.

La famosa lotta che gli è costata il trasferimento in nazionale.

Le sue esperienze con Mustafa Cengiz.

L’accusa di aver insultato Cengiz al telefono.

E altro ancora.

Quando dici documentario, succede anche questo.

Anche se non può essere spiegato, viene ricordato.

Senza di loro, non ci sarebbe il documentario.

Dire queste cose non significa “Terim è stato un pessimo allenatore”.

Dire che significa “Questo non è un documentario”.

Non so se l’abbia fatto per quello scopo, ma per me è la “lettera d’addio” di Terim.

Quando possiamo capire che il progresso è un processo, non un risultato.

Il problema dei visti della Turchia con i paesi Schengen, il Regno Unito e gli Stati Uniti sta peggiorando.

Anche i nostri giovani che studiano in questi paesi hanno iniziato ad avere difficoltà ad ottenere i visti ea rinnovarli.

Leggiamo, ascoltiamo.

Per non parlare del viaggio turistico, anche i nostri uomini d’affari, esportatori e persino importatori hanno problemi di visto.

Le lunghe attese e i successivi rifiuti sono fastidiosi. Tuttavia, fino a qualche tempo fa, il governo del Partito AK ci diceva che “i viaggi senza visto con i paesi dell’UE inizieranno molto presto”.

Qui dico: “Sei di nuovo ingannato. Come ho detto, “Non accadrà”, sono stato costantemente accusato di essere corrotto, dissenziente e maligno.

Tuttavia, ho affrontato questa accusa con gli avvertimenti che emettevo ogni volta che il partito dell’AKP veniva ingannato.

Il governo del partito AKP ha firmato un accordo di riammissione con l’UE in cambio dell’esenzione dal visto per i cittadini turchi nell’UE.

Non permetteremmo agli immigrati di origine orientale, soprattutto siriani, che sono venuti in Turchia di attraversare l’Europa, li terremmo in Turchia e accetteremmo di far tornare in Turchia coloro che in un modo o nell’altro hanno attraversato.

L’Europa aprirebbe le porte dell’Europa ai nostri cittadini senza visto.

Abbiamo rispettato la nostra parte dell’accordo e lo stiamo facendo.

Portiamo anche in Turchia gli immigrati che la Grecia ha respinto in modo disumano nel Mar Egeo.

Ma l’Europa non sta adempiendo alla sua parte dell’accordo usando varie scuse.

E ancor meno aprendo le porte ai turchi senza visto, non rilasciano nemmeno i visti.

Allora cosa sta facendo il nostro governo di fronte a questa situazione vergognosa?

Certo, lo ha sempre fatto.

Quando le critiche su questo tema hanno cominciato a crescere, il ministro degli Esteri Çavuşoğlu ha immediatamente rilasciato una dichiarazione furiosa e violenta.

Grida e chiama attraverso la stampa locale e nazionale. Dice che questa situazione è inaccettabile.

Siamo anche felici di avere un enorme Ministero degli Affari Esteri.

D’altra parte, i cittadini dei paesi europei non possono venire in Turchia senza visto o passaporto.

Anche se non possiamo nemmeno andare in Bulgaria senza visto, i cittadini bulgari vengono in Turchia, per non parlare dei loro passaporti, fanno acquisti e se ne vanno.

Se ci fosse solo la Bulgaria, diciamo “vicinato” e chiudiamo l’argomento.

Ma guarda, i cittadini di Germania, Belgio, Francia, Paesi Bassi, Spagna, Svizzera, Italia, Malta, Portogallo, Grecia, Polonia e Lussemburgo possono entrare in Turchia anche senza passaporto, agitando le braccia.

Non possiamo nemmeno ottenere un visto per andare in quei paesi.

E sappiamo tutti perché l’hai fatto.

È questa la posizione della politica estera!

È la posizione locale e nazionale!

Cipriana Fallaci

"Amico piantagrane. Appassionato di viaggi da sempre. Pensatore. Fanatico del Web. Esploratore. Fanatico della musica pluripremiato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.