Ieri sera dell’Eurovision Song Contest: Favorite, Kalush Orchestra of Ukraine

La band ucraina Kalush Orchestra è tra le favorite per l’Eurovision Song Contest, che si concluderà questa sera a Torino, in Italia.

I bookmaker stimano che il gruppo che mescola ritmi, costumi e danze tradizionali ucraini con l’hip hop contemporaneo abbia una probabilità del 60% di vincere.

La loro canzone, “Stefania”, è stata scritta come tributo alla madre della cantante, ma dall’invasione della Russia il 24 febbraio, il testo ha assunto un nuovo significato. Oleh Psiuk, che canterà la canzone che è diventata l’inno nazionale del paese, ha dichiarato: “Anche se tutte le strade vengono distrutte, troverò sempre la strada del ritorno”.

Hanno lasciato il paese con un permesso speciale per la competizione.

Il gruppo di 6 membri, tutto maschile, ha ricevuto un permesso speciale per lasciare il paese per rappresentare l’Ucraina e la sua cultura nel concorso musicale. Uno dei membri è rimasto a combattere, gli altri hanno intenzione di tornare non appena il combattimento sarà finito.

Sempre secondo le scommesse, il britannico Sam Ryder e la svedese Cornelia Jakobs hanno ciascuno una probabilità del 10%, mentre il duo italiano Mahmood & Blanco ha una probabilità del 6% di vincere.

L’Italia ospita l’evento dopo che la rock band italiana Maneskin ha vinto a Rotterdam lo scorso anno.

Venti gruppi sono stati selezionati nelle due semifinali di questa settimana. Germania, Regno Unito, Francia, Italia e Spagna, che sono chiamati i “Big Five” e forniscono le maggiori risorse finanziarie per la competizione, vanno direttamente alla finale senza qualificarsi.

La Russia è stata espulsa dalla competizione di quest’anno dopo aver invaso l’Ucraina. Gli organizzatori hanno annunciato che “il concorso, che promuove la diversità e l’amicizia tra le nazioni, esclude la politica”.

In passato, le voci della politica e della guerra hanno oscurato la concorrenza.

La competizione, iniziata nel 1956 con solo sette paesi, era stata prima oscurata dalla politica e dai conflitti. Dopo l’operazione di pace a Cipro nel 1974, la Grecia ha boicottato il concorso.

Il candidato, che rappresenterà l’Ucraina nel 2019, si è ritirato dalla competizione, affermando che il governo di Kiev ha rifiutato di essere uno strumento di propaganda politica. Il candidato ha annunciato di aver costretto il suo Paese a firmare un contratto che gli vietava di tenere concerti in Russia, e ha motivato la sua decisione con le parole “Sono un musicista, non uno strumento per la politica”.

Durante il concorso indetto lo scorso anno, il candidato bielorusso, bersaglio delle sanzioni dell’Unione Europea, è stato bandito dal concorso a causa delle sue parole.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.