I pugili della nazionale Ayşe Çağrıır, Buse Naz Çakıroğlu, Hatice Akbaş e Busenaz Sürmeneli hanno raggiunto la finale.

Nella nona giornata del campionato svoltosi presso gli impianti sportivi e giovanili di Başakşehir, il pugile nazionale Ayşe Çağrıır ha disputato la semifinale di 48 kg.

Il pugile nazionale, che ha battuto l’uzbeka Marjona Savrieva al primo turno, il francese Rim Bennamaya al secondo turno e il britannico Demie-Jade Resztan ai quarti di finale, ha affrontato in semifinale l’argentina Aldana Florencia Lopez.

Ayşe, che ha iniziato bene la partita, ha vinto il primo turno 5-0 con i suoi pugni netti. L’atleta a mezzaluna ha sfruttato bene i deficit del suo avversario nei suoi attacchi per recuperare il ritardo nel primo turno, ed è stato superiore in questo giro per 4-1.

Ayşe Çağırır, che si è comportata bene con il supporto del pubblico negli ultimi momenti di pressione dell’avversario, ha vinto la partita 4-1 anche se ha perso l’ultimo round 4-1 e si è qualificata per la finale.

Ayşe Çağrıır: Voglio vincere una medaglia d’oro e cantare il nostro inno nazionale il 19 maggio, Giornata della Gioventù e dello Sport

Parlando con Anadolu Agency (AA), la pugile nazionale Ayşe Çağrıır ha detto di aver avuto una partita tranquilla e ha detto: “Ero molto concentrata. Il mio obiettivo è rappresentare la nostra bandiera con la mezzaluna e la stella, non Ayşe Çağrıır sul ring. Lo farei Voglio ringraziare tutti coloro che hanno amato, sostenuto, pregato e sono venuti qui”. Voglio che il nostro inno nazionale venga cantato il 19 maggio, Giornata della Gioventù e dello Sport vincendo una medaglia d’oro nella mia partita di domani e alzando la mia bandiera”, ha detto.

Ricordando che è stata la prima a salire sul ring a causa del suo peso, Ayşe ha detto: “C’era pressione perché sono salito sul ring per la prima volta. La mia vittoria nella partita motiva tutti. i miei compagni di squadra. Oggi faremo 7 su 7. Mostreremo il potere della Turchia e delle donne turche sul ring”. espresso un parere.

Uno degli allenatori della nazionale, İsa Daştan, ha dichiarato che oggi 7 atleti della nazionale hanno partecipato alle semifinali e ha dichiarato: “Abbiamo vinto la nostra prima semifinale. Ayşe Çağrıır ha aperto la strada alle nostre altre squadre nazionali e ha fornito motivazione. I speriamo che gli altri nostri atleti nazionali vivano la stessa gioia”. Egli ha detto.

Notando che Ayşe era già stata eliminata nei quarti di finale, Daştan ha detto: “Ayşe si è appena ritrovata. Ci sono stati momenti in cui è arrivata ai quarti per anni e ha perso. Ora la sua strada è sgombra da ora in poi. Il nostro obiettivo è il campionato. Il nostro obiettivo sono i Giochi Olimpici di Parigi nel 2024”, ha espresso un’opinione.

Il buse Naz Çakıroğlu raggiunge la finale

Al Campionato mondiale di boxe femminile, organizzato in Turchia dall’International Boxing Association (IBA), il pugile nazionale Buse Naz Çakıroğlu ha raggiunto la finale battendo la spagnola Laura Fuertes Fernandez.

Nella nona giornata del campionato organizzato nelle strutture per la gioventù e lo sport di Başakşehir, il vicecampione olimpico Buse Naz ha disputato le semifinali nei 50 kg.

Eliminando il mongolo Mungunsaran Balsan al primo turno, l’algerino Roumaysa Boualam al secondo turno e la filippina Aira Cordero Villegas nei quarti di finale, Buse Naz ha affrontato in semifinale lo spagnolo Fernandez.

Buse Naz Çakıroğlu, che ha iniziato bene la partita, ha perso 1-0 per rigore assegnato dall’arbitro, mentre era in vantaggio per 4-1 al primo turno. Il 25enne pugile della nazionale, che era molto dietro al suo avversario al secondo turno e che ha colpito con precisione, ha preso questa partita nettamente 5-0.

Proseguendo la sua bella prestazione con il supporto del pubblico, Buse Naz ha vinto la gara di andata 5-0 e la partita 4-0.

Buse Naz è diventato il secondo pugile nazionale a vincere la finale di questo campionato, dopo Ayşe Çağrıır, che ha raggiunto la finale in 48 kg.

Il pugile europeo, olimpico e vicecampione del mondo affronterà la colombiana Ingrit Lorena Valencia Victoria nella finale di venerdì 20 maggio.

Çakıroğlu: Spero che indosseremo la medaglia d’oro il 20 maggio

Nella nona giornata del campionato svoltosi negli impianti per la gioventù e lo sport di Başakşehir, il vicecampione olimpico Buse Naz, che ha affrontato in semifinale la spagnola Laura Fuertes Fernandez e ha vinto 4-0, ha rilasciato una dichiarazione alla stampa dopo la partita.

Esprimendo il suo obiettivo è il campionato, il pugile della nazionale ha detto: “Ho fatto il conto alla rovescia da 5 fin dall’inizio. Dopo aver detto 5, 4, 3, 2, oggi manca 1 partita. Vogliamo la medaglia d’oro. È presto per gioire, ma ho battuto un avversario molto importante. C’è eccitazione nell’atmosfera. “C’è un’altra eccitazione perché stiamo combattendo nel nostro Paese. Stiamo procedendo molto bene in questo momento. Spero che il 20 maggio indosseremo la medaglia d’oro al collo. Egli ha detto.

Buse Naz, che è arrivato secondo alle Olimpiadi di Tokyo nel 2020, ha parlato della differenza di apparire davanti al pubblico a Istanbul, dicendo: “Come persona che ha respirato l’atmosfera olimpica, sono stato più eccitato qui oggi. Il fattore pubblico è “Questo è molto importante. Ringrazio tutti. Anche se cerchiamo di non essere influenzati, ci impressiona. Spero per la medaglia d’oro. Quando lo avremo, festeggeremo insieme.” ha usato le espressioni.

Il pugile europeo, olimpico e vicecampione del mondo affronterà la colombiana Ingrit Lorena Valencia Victoria nella finale di venerdì 20 maggio.

Il pugile nazionale Hatice Akbaş ha raggiunto la finale

La pugile nazionale Hatice Akbaş, che ha gareggiato nei 54 kg al Campionato mondiale di boxe femminile, ha sconfitto la thailandese Preedakamon Tintabthai e ha raggiunto la finale.

Nella nona giornata del campionato svoltosi presso gli impianti sportivi e giovanili di Başakşehir, Hatice Akbaş ha gareggiato nella semifinale in 54 chilogrammi.

Hatice, che è rimasta senza una partita al primo turno, ha eliminato la tedesca Zeina Nassar al secondo turno, l’armena Ekaterina Sycheva al terzo turno e la bulgara Stanimira Petrova ai quarti di finale, ha combattuto contro la thailandese Tintabthai in semifinale.

Hatice, che ha iniziato bene la partita e ha mostrato un gioco superiore, ha vinto i primi 2 set 5-0. Il pugile della nazionale, che ha sfruttato bene il suo vantaggio e non ha permesso all’avversario di rientrare, ha vinto il terzo turno 5-0 e la partita con lo stesso punteggio e si è qualificato per la finale.

Hatice è diventato il terzo pugile nazionale a raggiungere la finale dopo Ayşe Çağrıır nei 48 kg e Buse Naz Çakıroğlu nei 50 kg.

Hatice Akbaş cercherà una medaglia d’oro contro il rumeno Lacramioara Perijoc nella partita finale che si terrà venerdì 20 maggio.

Hatice Akbaş: Il mio obiettivo è la medaglia d’oro


Hatice, che è venuta sul ring la nona giornata del campionato svoltosi presso gli impianti sportivi e giovanili di Başakşehir, ha rilasciato una dichiarazione al corrispondente di AA dopo la partita in cui ha sconfitto in semifinale la thailandese Preedakamon Tintabthai.

Notando di essersi comportato bene in semifinale, il pugile della nazionale ha dichiarato: “Ho giocato una buona partita. Sono arrivato in finale. Per me è andata bene. Il mio obiettivo è la medaglia d’oro. Ringrazio tutti coloro che hanno ha sostenuto me, mio ​​padre e allenatore Kerem Akbaş, che mi ha sempre sostenuto. La nazionale che è sempre stata al mio fianco. “Ringrazio anche i miei allenatori”, ha detto.

Gli allenatori della nazionale İsa Daştan, Ayşe Çağrıır e Buse Naz Çakıroğlu hanno detto che anche Hatice è arrivato in finale, aggiungendo: “Hatice ci ha fatto assistere a una partita leggendaria. Ci siamo divertiti molto. Le nostre ragazze si sono molto emozionate. ben preparate. Hatice è diventata europea campione in Croazia sotto i 22 anni. Ci abbiamo messo molto impegno e stiamo vedendo i risultati”. espressioni usate.

Busenaz Sürmeneli in finale

La pugile nazionale Busenaz Sürmeneli, che ha combattuto a 66 kg nel campionato mondiale di boxe femminile, ha sconfitto la thailandese Janjaem Suwannapheng e ha raggiunto la finale.

Nella nona giornata del campionato, che si è svolto negli impianti per la gioventù e lo sport di Başakşehir, il campione olimpico e mondiale Busenaz Sürmeneli ha disputato le semifinali nei 66 kg.

L’ultimo pugile campione del mondo nazionale Busenaz, che lo scorso anno ha vinto la medaglia d’oro nella categoria 69 kg ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020, ha eliminato l’italiana Angela Carini, l’americana Arika Melek Skoog e l’uzbeka Navbakhor Khamidova in questo campionato.

Il 23enne pugile nazionale, che ha affrontato Thai Suwannapheng in semifinale, ha vinto il primo turno 3-2. Busenaz, che ha mostrato una prestazione più efficace al secondo turno, ha fatto contare l’arbitro del suo avversario e ha concluso questo giro 5-0.

Busenaz Sürmeneli, che ha vinto l’ultimo turno 5-0, ha vinto la partita 5-0 e ha lasciato il segno in finale.

Busenaz è diventato il quarto pugile nazionale a raggiungere la finale dopo Ayşe Çağrıır nei 48 kg, Buse Naz Çakıroğlu nei 50 kg e Hatice Akbaş nei 54 kg.

Busenaz, che è stato il campione del mondo dei 69 kg in Russia nel 2019, disputerà la seconda medaglia d’oro consecutiva contro il canadese Charlie Cavanagh venerdì 20 maggio nella finale dei 66 kg.

Sul sito web dell’Agenzia Anadolu, le notizie presentate agli abbonati attraverso il News Flow System (HAS) dell’AA sono pubblicate in sintesi. Si prega di contattare per l’iscrizione.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.