I partiti vogliono vincere le elezioni, ma gli elettori?

Il raduno di sei partiti di opposizione attorno a un tavolo ha fatto scalpore nell’agenda pre-elettorale. Rispetto alle coalizioni post-elettorali, le alleanze di partito formate prima delle elezioni hanno sia vantaggi che svantaggi. Le alleanze pre-elettorali o le politiche di blocco rafforzano la lotta dell’opposizione contro il governo e la rendono visibile; tuttavia, d’altra parte, può anche indurre elettori con impegni ideologici più evidenti a rivolgersi al secondo bene. Un altro problema è che queste coalizioni non sono viste come permanenti e durature dagli elettori, il che può dare l’impressione che non possano creare cambiamento. Per questo motivo, il successo delle coalizioni pre-elettorali dipende da molti fattori esterni, oltre che dal fatto che l’alleanza sia permanente e credibile. Per comprendere meglio la situazione, può essere utile iniziare esaminando i tre esempi di alleanze emerse nella geografia limitrofa e sottoporre la tavola in sei ad un’analisi comparativa.

LA FURIA DELLA SPAGNA E PODEMOS

Podemos è emerso come risultato dell’incontro di gruppi di sinistra e intellettuali dopo il movimento Indignados, emerso in risposta alla corruzione nella politica spagnola nel 2011. Ha condotto la politica come un movimento di massa populista di sinistra piuttosto che come una classe e movimento socialista contro l’attuale struttura politica, peggioramento della crisi economica e politiche di austerità statale. In tal modo, ha abbracciato strategicamente le assemblee popolari, le pratiche democratiche dirette e l’organizzazione orizzontale. Ha ricevuto soprattutto il sostegno dei giovani che sono stati danneggiati dagli effetti delle politiche economiche neoliberiste e hanno dovuto affrontare il problema della disoccupazione. Nel suo primo anno, Podemos è diventata la seconda organizzazione politica più grande e ha ottenuto l’8% dei voti alle elezioni del Parlamento europeo del 2014. Poiché l’aggravarsi della crisi economica nel paese ha distrutto la stabilità politica, Podemos è diventato il terzo partito più grande alle elezioni del 2015. In alle elezioni anticipate del 2016, anche se Unidos Podemos, un’ampia alleanza di sinistra, ha partecipato alle elezioni, il tasso di voto è rimasto al livello del 21,2%. Si può dire che tre fattori principali emergono nel fallimento di Podemos nel raggiungere l’ascensione permanente. Il fatto che non abbia preso una posizione chiara nel referendum per l’indipendenza della Catalogna, che si è tenuto per la prima volta nel 2017, e che abbia chiesto il consenso, ha evidenziato un’incertezza sulla sua posizione politica. In secondo luogo, ha suscitato reazioni l’acquisto di una casa per 600mila euro da parte di Pablo Iglesias come figura di spicco del movimento. L’acquisto di una casa del genere da parte di un leader di sinistra in un paese che soffre di corruzione è stato criticato dalle masse. In terzo luogo, le divergenze di opinione all’interno del movimento, il cambio di leader e l’enfasi sul successo elettorale piuttosto che su politiche concrete di fronte ai problemi del paese hanno reso difficile considerare Podemos come un’alternativa politica.

L’ASCESA E LA CADUTA DI SYRIZA IN GRECIA

Syriza è emerso nel 2004 come movimento politico dalla fusione di vari gruppi di sinistra in Grecia sotto la coalizione di sinistra Synaspismos. Rispetto a Podemos, la sinistra non era populista, ma una combinazione di vari movimenti di sinistra e ambientalisti. Simile a Podemos, ha sfidato l’attuale struttura politica del Paese, i partiti affermati che sono stati decisivi in ​​politica e il governo, che non è riuscito a gestire la crisi economica ed è stato sottoposto alle pressioni dell’UE. Un’altra somiglianza era che, proprio come nel caso del Furious in Spagna, il Furious in Grecia (aganaktisenoi) creò la base per il movimento Syriza per connettersi con la base. Alle prime elezioni del 2004 ha ottenuto oltre il 3% dei voti ed è entrato in parlamento con sei deputati. Sebbene il fatto che Synaspismos fosse un partner importante in questa alleanza abbia causato problemi, il tasso di voto alle elezioni del 2007 è salito al 5% e il numero dei deputati in parlamento è salito a 14. Nel 2008, Alexis Tsipras, 33 anni, è stato eletto alla guida il movimento, e Tsipras, il cui tasso di voto è costantemente aumentato, ha ottenuto il 36% dei voti alle elezioni del 2015 ed è salito al potere con il sostegno del partito conservatore ANEL. . Rispetto a Podemos, l’ascesa al potere di Syriza, la posizione di Yannis Varoufakis come ministro delle finanze e la sua capacità di proporre ricette alternative alla crisi economica e alle politiche di austerità suggeriscono che c’è più spazio di manovra, tuttavia, le pressioni dell’Unione Europea e il processo negoziale legò le mani di Syriza. Improvvisamente, l’affermazione politica di Syriza, come Podemos, è rapidamente svanita.

IL VOLTO RINNOVATO DELLA POLITICA ITALIANA: IL MOVIMENTO A CINQUE STELLE

Podemos e Syriza sono esempi di alleanze politiche dell’asse di sinistra, mentre il Movimento 5 Stelle italiano si differenzia da questi due esempi sia per la sua posizione ideologica che per la sua forma organizzativa. Tuttavia, è stato incluso in questo quadro perché ha sviluppato un’alternativa alla struttura politica, i suoi sforzi per implementare la democrazia diretta e la democrazia digitale e i suoi tentativi di rinnovare la struttura politica in generale. Posizionandosi oltre la tradizionale divisione destra/sinistra e fondato nel 2009 da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, il movimento, come i due esempi precedenti, si discosta nettamente dalla struttura politica e dallo spettro ideologico dominanti in Italia. È arrivato secondo con il 21,1% dei voti alle elezioni del Parlamento europeo del 2014. Mentre tre alleanze separate hanno partecipato alle elezioni nelle elezioni del 2018, sebbene il Movimento Cinque Stelle fosse il primo partito con il 32,7%, questo aumento non è continuato e, da un lato, la caduta delle elezioni, dall’altro, i conflitti e le divisioni intra-organizzative hanno impedito al movimento di avere una presenza politica permanente. Non è stato quindi sufficiente che il movimento rompesse con le linee ideologiche tradizionali, mettesse all’ordine del giorno questioni politiche attuali, rinnovasse le sue strategie politiche, trasformasse la vecchia struttura.

POLITICA DI ALLEANZA IN TURCHIA: OPPORTUNITÀ E MINACCE

Facendo una valutazione generale di quanto detto finora, è possibile presentare un quadro comparativo per le politiche di alleanza in Turchia. Sebbene questi tre movimenti siano radicati in alcune tradizioni politiche e movimenti di base, sono emersi dopo gli anni 2000 in reazione all’inadeguatezza dello stato-nazione di fronte alle politiche neoliberiste, al cambiamento delle posizioni ideologiche nello spettro politico e alla crisi del liberalismo democrazia. Contiene elementi innovativi, sia in termini di componenti che di programmi. Reagendo alla disuguaglianza globale e alla dipendenza causate dal capitalismo, il loro abbraccio al reddito di cittadinanza di base, i diritti dei lavoratori e altre lotte basate sui diritti contro le politiche di austerità statali, la loro sensibilità a questioni come la sostenibilità, l’ambiente e l’ecologia e le questioni che i giovani sono più suscettibili alle posizioni ideologiche stereotipate della politica tradizionale, che mostra che si stanno muovendo verso il centro della politica. I loro approcci politici contengono molte innovazioni a livello strategico; L’enfasi sulla democrazia diretta, il legame organico stabilito con i movimenti sociali, l’apertura della democrazia digitale stanno abbattendo i muri della politica tradizionale e avvicinando la politica alla strada, alla base, agli indignati, agli emarginati e agli esclusi. Il problema principale per tutti e tre i movimenti è la loro incapacità di bilanciare il loro obiettivo a breve termine di vincere le elezioni con i loro obiettivi a lungo termine di creare una trasformazione politica. In conclusione, il motivo per cui oggi consideriamo queste iniziative politiche è che oltre a sfidare le strutture politiche convenzionali, creano un processo di apprendimento con nuovi temi all’ordine del giorno e nuove strategie, politiche e costituiscono un tentativo sperimentale, se non a lungo termine.

Ora, cosa offre la tabella dei sei alla Turchia in questo contesto? Sebbene mostrino una partnership per cambiare l’attuale sistema politico e concentrarsi sul potere, non è possibile dire che questi sei partiti abbiano formato un’alleanza permanente. Il problema non è solo che questa alleanza è ideologicamente di destra, ma è tutt’altro che cooperativa nel plasmare la politica per questioni che necessitano di soluzioni urgenti. Questa alleanza è un partner nella corsa presidenziale, ma come mostra l’annuncio del partito DEVA di partecipare alle elezioni con il proprio nome, è una partnership a responsabilità limitata ea tempo limitato. Un secondo problema, al di là del candidato, è che non c’è ancora alcun segno su quali aree politiche e argomenti si associno.

Da un lato, l’accostamento di partiti di questo diverso profilo può suggerire che vi sia un partenariato post-ideologico che va oltre il divario destra/sinistra, ma ciò non significa che l’alleanza agirà insieme sui diritti individuali, la giustizia sociale , lotte basate sui diritti, sostenibilità e questioni ecologiche. Una grande domanda è: questa alleanza sarà sciolta e mantenuta immediatamente non appena vincerà le elezioni e passerà al sistema parlamentare rafforzato, o continuerà fino a quando non saranno presi accordi legali e istituzionali? per garantire il sistema parlamentare rafforzato? Rispetto agli esempi precedenti, vale la pena evidenziare il tipo di innovazioni che la tabella dei sei offre in termini di agenda politica e metodo politico, e quanto sia trasformativa di fronte all’impasse politica e all’attuale crisi economica. Il mondo si sta muovendo verso un altro campo politico, bisogna pensare a come la politica, i politici e gli elettori della Turchia realizzano questa trasformazione.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.