I migranti irregolari del Regno Unito rimarranno in Ruanda – Notizie

Inviati dal Regno Unito, rimarranno in Ruanda

Il ministro dell’Interno britannico Patel e il ministro degli Esteri ruandese Vincent Biruta hanno firmato l'”Accordo di partenariato per la migrazione e lo sviluppo economico” a Kigali, capitale del Ruanda.

Parlando con i giornalisti in seguito, Patel ha affermato che grazie alla “prima” partnership al mondo con il Ruanda, alcuni di coloro che sono venuti in Gran Bretagna illegalmente sarebbero stati “inviati in Ruanda per essere reinsediati e ricostruirsi una vita”.

‘IL SISTEMA DI ASILO BRITANNICO È CRALLATO’

Notando che il sistema di asilo del Regno Unito è crollato sotto la pressione, Patel ha affermato che coloro che sono stati reinsediati in Ruanda riceveranno sostegno, inclusi istruzione, alloggio e servizi sanitari per un massimo di 5 anni.

Affermando che il Regno Unito ha fatto un investimento significativo nello sviluppo del Ruanda e questo passo che “migliorerà la vita delle persone nel paese”, Patel ha affermato: “Questa è una questione globale. Molti paesi stanno lottando per affrontare le sfide e le cause della (migrazione irregolare). Non c’è soluzione”.

Alla domanda su come si è deciso di scegliere il Ruanda, Patel ha detto: “Il Ruanda ha una storia davvero unica in termini di rifugiati e reinsediamento. Il Ruanda è soprattutto un paese sicuro che rispetta lo stato di diritto. Egli ha detto.

Alla domanda su chi sarà responsabile della salute fisica e mentale delle persone inviate in Ruanda, Patel ha detto che si è trattato di “una partnership prima di tutto, non un accordo unilaterale”. usato l’espressione.

Patel ha notato che il loro team sta lavorando alle strutture, sostenendo che l’accordo raggiunto con il Ruanda non può essere paragonato a una pratica simile in Australia, dove si vedono incidenti come omicidi e suicidi.

Il Ruanda sanzionerà 120 milioni di sterline

Nell’ambito della partnership, il Regno Unito investirà 120 milioni di sterline (2,3 miliardi di sterline) nello sviluppo economico e nella crescita del Ruanda e fornirà supporto finanziario per le procedure di asilo, l’alloggio e l’integrazione.

In base al nuovo piano, da oggi l’esercito britannico aiuterà a intercettare le barche di migranti nel Canale della Manica in collaborazione con Border Force. Questo passaggio sarà supportato da un nuovo finanziamento di 50 milioni di sterline (959 milioni di TL) per l’acquisto di nuove barche e la fornitura di personale militare specializzato.

Secondo Sky News, i candidati rifugiati riceveranno un pacchetto di sostegno di 5 anni con pieni diritti al lavoro, alla vita, alla salute e all’istruzione in Ruanda.

Coloro le cui domande non vengono accolte possono comunque ottenere lo status di immigrato o essere rimandati nel proprio Paese o in un altro Paese dove hanno diritto di soggiorno.




Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.