I loro nomi non sono un caso!

Ci sono automobili, modelli di serie speciali, i cui nomi non sono stati dati a caso. Alcuni portano effettivamente il nome di un ingegnere o designer, altri il nome di un cliente vicino…

La scorsa settimana, il mondo automobilistico parlava soprattutto di Mercedes, che ha preso il titolo di “auto più costosa del mondo” dalla Ferrari… Ora, “Cos’è, eh?” Si può dire, ma la situazione non è così semplice. Perché il modello del 1955 “Mercedes Benz 300 SLR Uhlenhaut Coupé” ha fatto la storia con orgoglio come “l’auto più costosa mai venduta”. Uno dei due soli veicoli al mondo, entrambi appartenenti al museo Mercedes in Germania, ha trovato un acquirente per esattamente “135 milioni di euro” in un’asta a invito chiusa. Sebbene non siano state fornite informazioni diverse dal fatto che il veicolo fosse stato venduto a una collezione privata, è stato riferito che il denaro risultante sarebbe stato valutato dalla Fondazione Mercedes.

Con il suo prezzo, la Mercedes Benz 300 SLR Uhlenhaut Coupé, che ha triplicato la Ferrari 250 GTO del 1962, che in precedenza deteneva lo stesso record e venduta per 48 milioni di dollari nel 2018, era in realtà derivata dal veicolo che vinse due gare di Formula 1 nel 1954 Prende il nome da Rudolf Uhlenhaut, che progettò e sviluppò la 300 SL, che sarebbe poi diventata una delle auto sportive leggendarie del mondo. Uhlenhaut, che è anche il capo della divisione motorsport Mercedes e considerato un genio, ha quindi contribuito alla creazione della “W 196 R Silver Arrows” (Freccia d’argento), il veicolo da corsa del marchio, considerato anche leggendario.

Che funzione aveva?

Quindi, si meritava di portare il nome dell’auto per questo motivo? Un piccolo “Sì” e un piccolo “No!” Su di lui si raccontano molte leggende e storie. Ma forse è perché la Mercedes ha avuto un enorme impatto sulla vittoria delle gare con Juan-Manuel Fangio. Perché Fangio ha fatto la storia dell’automobilismo mondiale con i veicoli che ha sviluppato.

Si dice addirittura che il campione di F1 Fangio, con il quale una volta aveva cenato, si sia lamentato con Uhlenhaut dell’auto che stava guidando e sostenne che fosse lento in pista perché non era ben sistemato. Detto questo, Uhlenhaut con rabbia si alza dal tavolo, si mette al volante dell’auto di Fangio in costume e scende in pista. Gira il Nürnburgring, il famoso ippodromo tedesco, in 3 secondi in meno rispetto a Fangio e si rivolge al campione: “Serve solo un po’ più di pratica!” dice…

I loro nomi non sono casuali.

Nome del pilota collaudatore

La casa automobilistica italiana supersportiva Lamborghini ha quasi fatto un regalo a Valentino Balboni, che si è ritirato dopo 40 anni come collaudatore per il marchio, insieme a un veicolo che porta il suo nome, di cui solo 250 sono stati prodotti. Presentata nel 2009, la Gallardo LP 550-2 Valentino Balboni aveva 550 cavalli e una velocità massima di 320 km/h.

Continuando ad essere l’ambasciatore del marchio dopo il suo ritiro, e viaggiando in molti paesi del mondo per questo scopo, Balboni è stato assunto dal fondatore dell’azienda, Ferruccio Lamborghini, nel 1967. Per 40 anni, da Molti modelli popolari da Miura a Gallardo a Murcielago sono stati ottimizzati e perfezionati attraverso i suoi test su strada. Infatti molte auto delle bande gli sono passate per le mani prima di essere consegnate ai suoi clienti.

Parlando di Lamborghini, non è senza evocare il suo vicino di casa Pagani e la sua Ferrari di “terra”. Enzo Ferrari aveva già creato un mito utilizzando il suo cognome come “marchio”. Enzo ha anche chiamato un certo numero di modelli Ferrari e Fiat in onore del figlio defunto “Dino” durante la sua vita. Tuttavia, nei primi anni 2000, questa volta la Ferrari diede il nome del fondatore del marchio a una supercar… Enzo, lanciato nel 2002 per celebrare il primo campionato di Formula 1 vinto nei primi anni 2000, fece una forte impressione…

I loro nomi non sono casuali.

Ricordando un amico…

Lasciatemi scrivere di Pagani, che è quindi il vicino di casa di Labmorghini. Horacio Pagani, che ha deciso di produrre la propria automobile e creare il proprio marchio, ed è conosciuto in tutto il mondo per le auto supersportive d’élite che produce oggi, ha fatto una forte impressione con la “Huayra BC che ha presentato nel 2011. Essendo una “speciale serie” e limitata a soli 20 pezzi, la “Huayra BC” era in realtà la fedeltà di Pagani a un amico. Perché le lettere “BC” alla fine erano le iniziali di Benny Caiola, uno dei più importanti collezionisti di Ferrari al mondo. Cosa ci faceva Ciola con Pagani? Si dice che sia stato uno di quelli che incoraggiò Pagani a produrre la propria automobile. Perché ha comprato la prima Huayra prodotta da Horacio Pagani. Vefa, qualcosa del genere suppongo…

In effetti, ci sono molte auto di cui voglio parlarvi, ma il posto sta per riempirsi… credo sia meglio riassumere… “Elise”, uno dei modelli più amati. Il marchio britannico Lotus, tentò di essere rilevato da Bugatti nel 1993. Romano Artioli, allora presidente di Bugatti e Lotus, voleva fare la storia con il prossimo nuovo modello del marchio britannico, così lo chiamò in onore della nipote Elisa. Così è nata Lotus Elise…

I loro nomi non sono casuali.

Il produttore francese Citroën ha affermato che il modello “Picasso”, venduto in Turchia fino a pochi anni fa, proveniva da Pablo Picasso, che un tempo dipinse per André Citroën, e che il minuscolo ma “fallito” modello “Adam” di Opel, è infatti il ​​segno distintivo del marchio, non dovrei dire che è il nome del suo fondatore, Adam Opel? Non dovrei citare anche la “Ferrari Sergio”, un’auto molto rara, il cui marchio italiano ha concesso l’autorizzazione alla produzione a Pininfarina? Voglio dire, non dovrei dire che il suo nome deriva da Sergio Pininfarina, il fondatore di Pininfarina, che ha progettato veicoli importanti per molti marchi, tra cui BMC in Turchia?

Conoscete già il modello McLaren, dal nome dell’ex pilota Ayrton Senna. Certo, potresti avere familiarità con la serie speciale NSX che Acura ha lanciato per Alex Zanardi, che ha corso con la Honda nella serie CART negli Stati Uniti per un certo periodo. Che dire del noto modello Alfa Romeo “Giulietta” ha idea da dove provenga? Ad esempio, c’è una “leggenda” che conosco… Si dice che prenda il nome dalla moglie del regista italiano Federico Fellini, noto soprattutto per i suoi film gialli e che usa l’Alfa Romeo nei suoi film, perché…

I loro nomi non sono casuali.

Penso che dovrei tagliarlo qui… Perché non c’era fine… Buona domenica.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.