Gli intellettuali che scompaiono in Turchia | Diario Shalom

Non cercare, sei tu che impari l’inglese sulla carta.intellettuale pubblico Quando ha detto: “Non è un intellettuale pubblico, è un intellettuale riconosciuto dalla società”, il termine inglese usato per la prima volta dai poveri in Turchia e che uno scrittore molto famoso si è sorpreso a sentirlo, significa “intellettuale pubblico” : L’intellettuale che spiega e conduce davanti al pubblico è chiamato “intellettuale pubblico”. Ebbene, allora questo intellettuale sarà anche un intellettuale riconosciuto dal pubblico, giusto?…

Il motivo per cui scrivo questa introduzione è che ultimamente ho ripensato a queste domande. a lungo’teoria intellettuale Ho lavorato lì perché gli intellettuali nel mondo sono un fenomeno in sé, ma lo sono particolarmente in Turchia. Non so se c’erano intellettuali nell’impero ottomano e lo dico oggettivamente. Il motivo non lo so è che questo concetto è emerso, è stato definito e plasmato dopo l’affare Dreyfus. Da questo punto di vista, chi può essere chiamato intellettuale prima di questo evento avvenuto nel 1894? “Perché ha preparato il fascicolo intellettuale?” La mia risposta a coloro che chiedono è molto chiara che questa è la chiave che crea l’identità e la personalità dell’intellettuale: coloro che cercano la verità e si oppongono al governo sono chiamati intellettuali. Zola è il primo intellettuale “sistematico” (o è “sistemico”?) in questo senso. Ma il fatto innegabile è che con il Tanzimat, sì, ha trovato gli intellettuali ottomani.

Ho già scritto su queste pagine; Due grandi pensatori hanno tracciato il limite della definizione di cosa sia un intellettuale. Il primo è Sartre, che ha portato nella nostra vita “l’intellettuale universale”, di cui Foucault ha dichiarato la “fine”. Questo grande pensatore e letterato, Dostyovskian, che disse: “Preferisco sbagliare con Sartre che con Aron”, contro il suo compagno di studi Raymond Aron, che aveva torto su tutto ma che aveva ragione (!) su tutto, pose il senso di “responsabilità” nella sua comprensione.

La seconda grande definizione è arrivata molto prima. Il grande pensatore marxista italiano Antonio Gramsciintellettuale organico‘ crea un’opinione. Secondo lui, questa persona è un intellettuale che emerge dalle classi oppresse e oppresse e sviluppa un discorso contro il potere e la struttura dominante. Non è necessario che lasci questa classe, se è dalla parte delle classi oppresse contro il potere, l’intellettuale può essere considerato un “intellettuale organico”.

In ciò sta la risposta alla domanda più frequente del pensatore conservatore Roger Scruton sulla teoria intellettuale: “Non ho trovato la risposta”: se gli intellettuali sono identificati con la “sinistra”, questo è il motivo. Se sei contro il potere per definizione sei alla tua sinistra. Quindi anche l’intellettuale organico è logicamente a sinistra. La risposta desiderata è stata trovata. Essere illuminati significa dissentire.

Ora vediamo perché mi interessano queste cose.

Le domande su chi sia l’intellettuale in Turchia oggi e chi sia l’intellettuale di sinistra stanno bruciando. Innanzitutto, qual è la sinistra nelle condizioni di oggi? Consentitemi di rispondere con la stessa logica: resistere al potere, sia in astratto che in concreto, significa essere di sinistra culturalmente e politicamente. So che questa definizione è troppo vaga e categorica. Ne parlo solo come orientamento e, dalla prospettiva che ho fornito, c’è ovviamente un certo tipo di intellettuale in Turchia.

La risposta alla domanda fino a che punto questi intellettuali guidano la società oggi è negativa. Oggi, per esempio, c’è un Doğan Avcıoğlu o Çetin Altan ai suoi tempi? La società oggi ha un Kemal Tahir o un Attila İlhan? No, non c’è ed è una perdita per la Turchia. Lascia che ti spieghi perché siamo in una situazione del genere: Un libro di pensiero scritto direttamente sulla Turchia non viene né scritto né pubblicato.. Le tesi di dottorato sono pubblicate sotto forma di libri di riflessione. Wow! Vediamo un solo, sì, un solo libro sugli scaffali che riflette l’opinione soggettiva della persona su qualsiasi questione culturale, sociale e storica della Turchia. No! Allora, dove posizionare l’intellettuale?

Lascia che ti spieghi perché è così.

Non ha mai lasciato in pace gli intellettuali statali in Turchia. Questa è forse una delle definizioni dell’intellettuale, e possiamo dire che l’intellettuale è la persona che lo Stato controlla, registra, arresta ed espone alla violenza. Tuttavia, la situazione è più avanzata in Turchia, e poiché siamo una società prioritaria o statale, l’oppressione e le difficoltà che devono affrontare gli intellettuali sono sempre state maggiori, perché concetti come la libertà di espressione e la società civile non sono mai scomparsi. oltre un livello. Fin dai giovani ottomani, quando l’intellettuale fu formato per la prima volta, lo stato ha sistematicamente distrutto i suoi intellettuali. La situazione è particolarmente grave per gli intellettuali di sinistra.

Non importa quale decennio prendi, puoi vedere lo sterminio sistematico degli intellettuali. Sinistra/comunismo, sharia e curdo furono considerati tre grandi nemici del periodo repubblicano e gli intellettuali furono eliminati per questi tre motivi. Ovviamente, allo stato non piacciono gli intellettuali. Fa del suo meglio per escluderla dalla società. Quando le ragioni determinate dall’età, di cui ho parlato sopra, si sono impadronite di lui, l’intellettuale è diventato un nome arrostito nel suo stesso olio in Turchia. A ciò si deve aggiungere l’inimicizia dell’intellettuale verso l’intellettuale. Il fatto che alcuni nomi molto importanti siano stati bollati come “soft” ed esclusi probabilmente non ha dato credito a chi ha creato questa situazione. Che dire dell’atteggiamento dello Stato in un ambiente in cui anche gli intellettuali sono chiusi alla libertà di pensiero?

Vorrei anche sottolineare che gli intellettuali contrari a tutto possono diventare noiosi e lamentosi nel tempo, e lo fa. Ma è anche “l’opera del negativo” di Hegel (die Arbeiten das Negativen/opera del negativo) Lascia che ti spieghi il concetto. Questo è esattamente il lavoro degli intellettuali, producono ed eliminano costantemente, così come Hegel si inserisce nella definizione del soggetto, producono sempre e poi negano ciò che producono. Con questo aspetto l’intellettuale è anche ‘negativo’ verso se stesso, e tende a distruggere ciò che ha fatto dopo un po’. Il nuovo sostituisce sempre il vecchio, in questa negazione della realtà illuminata.negazione) trova.

Ebbene, se chiedete dove sono gli intellettuali dall’altra parte, la destra e il conservatorismo, arriviamo a un bivio ancora più triste e devo dire “no”. Certo, in senso grammaticale, la domanda se il potere possa avere intellettuali in termini di intellettuali di una classe è legittima, ma purtroppo la mia risposta è negativa. Non può essere perché l’intellettuale organico, come ho detto, dovrebbe essere dalla parte della classe oppressa. In nessun luogo al mondo esiste una tipologia di intellettuali che appartengano, adottino e difendano il potere in termini di identificazione con il potere. L’opposizione intellettuale dovrebbe essere. (Quando ho preso questa decisione in una riunione a cui abbiamo partecipato insieme nel 1991, un sociologo, che in seguito avrebbe assunto incarichi statali di alto livello e scritto le sue memorie, si è opposto a me e purtroppo ha elencato alcuni nomi come “non considereremo intellettuali”. )

Lasciatemi continuare: Edward Said ‘intellettuale dell’ordine’ (‘intellettuale fondamentale’) sviluppato la definizione. Qualunque cosa possa dire l’intellettuale che si identifica con il potere, non è un’opposizione nel senso di Gramsci. Questo è esattamente ciò che è l’intellettuale conservatore, non nega, non rifiuta, non ignora, abbraccia la vita nella continuità storicista e la interiorizza. Roger Scruton, che ho citato sopra, fa lo stesso punto e quindi spiega che ha adottato il conservatorismo durante gli eventi del 1968 perché ha evitato il diniego. A questo proposito, il conservatorismo non è un intellettuale. Possono dire cose importanti, possono esprimere punti di vista molto notevoli, ma non possono svolgere la loro funzione luminosa.

È un. In secondo luogo, i circoli conservatori in Turchia non potevano produrre abbastanza persone “colte”. Indubbiamente, hanno pensatori preziosi. Ma hanno piuttostoimparato‘ sono le persone che chiamiamo. Non hanno una visione più olistica del piano sociale, i loro suggerimenti sono limitati. In effetti, lasciate che vi dica che in alcune aree, gli accademici conservatori sanno molto di più degli accademici ambientalisti di sinistra. Ma non hanno metodo. Accumulano la loro conoscenza come “hafız-ı kutub” e non la sintetizzano.

La Turchia vive in un vicolo cieco in termini di intellettuali. Non vediamo più persone colte, né coloro che sviluppano uno sguardo programmatico ma critico, nuovo ma metodico guardando alla società nel suo insieme. Al contrario, siamo di fronte a persone che raccontano eventi quotidiani con informazione e prospettiva giornalistiche semplici e ordinarie. D’altra parte, il conservatorismo ventenne non potrebbe produrre i propri intellettuali, anche se non fossero dissidenti.

Allah dà la neve secondo la sua montagna, ma questa neve non ci basta…

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.