Eletto a San Marino il primo presidente LGBT+ al mondo

San Marino, uno dei due paesi più piccoli d’Europa, ha eletto per la prima volta a capo di stato un politico LGBT+ autoidentificato.

Paolo Rondelli, 58 anni, che ha vinto le elezioni presidenziali, ha dichiarato in un post sul suo account sui social che “è forse il primo capo di stato appartenente alla comunità LGBT”.

Marco Tonti, capo del sindacato LGBT della regione Emilia-Romagna, nel nord-est dell’Italia, dove si trova San Marino, ha descritto l’elezione di Rondelli a presidente del Paese come un “evento storico e ha affermato di essere apparso in precedenza come ministro o presidente del Consiglio. ministro all’interno della comunità LGBT, ma come capo di stato in tutto il mondo, ha detto che era la prima volta.

Il primo ministro lussemburghese Xavier Bette e il primo ministro serbo Ana Brnabic sono due esempi di operatori storici appartenenti alla comunità LGBT in Europa.

Anche molti politici italiani presenti alla cerimonia presidenziale hanno elogiato Rondelli. La senatrice italiana e attivista LGBT Monica Cirinna ha affermato che Rondelli si batte per proteggere i diritti delle donne e LGBT+ e ha affermato: “È un giorno storico che mi riempie di felicità e orgoglio”.

L’area della Repubblica di San Marino, un microstato entro i confini della regione Emilia-Romagna nel nord-ovest dell’Italia, è di circa 61 chilometri quadrati e la sua popolazione è di circa 34.000 persone.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.