È stato rivelato il luogo in cui si trovano i medaglioni di Fatih Sultan Mehmet. Quando conquistò Istanbul, fu fatto un medaglione come imperatore bizantino.

Dopo aver conquistato Istanbul, Fatih Sultan Mehmet prese il titolo di Kayser-i Rûm, in altre parole, il titolo di imperatore romano. Ha usato il titolo “imperatore bizantino” in greco sulle nuove monete coniate. Questo titolo fu accettato anche dal mondo occidentale, solo nel 1481, uno dei più rari esempi di arte rinascimentale per certi aspetti e II. Il medaglione mediceo, offerto a Mehmet, porta anche il titolo di “imperatore bizantino”.

Fatih Sultan Mehmet si distingue dai sultani ottomani del periodo classico per il suo interesse per la cultura occidentale. Il ritratto del Conquistatore di Gentile Bellini è il frutto più noto di questo interesse.

Sebbene non sia così popolare come il dipinto di Fatih Sultan Mehmet di Bellini, un altro importante risultato di questo interesse sono i medaglioni Fatih realizzati da diversi artisti occidentali. Questi costituiscono i più antichi esempi di medaglioni ottomani.

Moneta COSTANZA DE FERRERA

Si dice che a Fatih piacessero le raffigurazioni dell’imperatore sui medaglioni bizantini sequestrati durante la conquista di Istanbul e volesse farne realizzare di simili.

Su richiesta di Mehmet il Conquistatore, artisti come Gentile Bellini e Costanza de Ferrera vennero a Istanbul per lavorare su ritratti e medaglioni.

Su richiesta di Mehmet il Conquistatore, il re Ferdinando di Napoli invia a Istanbul lo scultore e pittore Costanza de Ferrara. Costanza de Ferrara fu allievo di Pisanello, uno dei più noti artisti del primo Rinascimento. La data esatta del suo arrivo a Istanbul non è nota. Si stima che sia venuto a Istanbul tra il 1475 e il 1478.

Oltre alla National Gallery of Art e al Metropolitan Museum, l’Ashmolean Museum (Oxford, Inghilterra) e il Victoria & Albert Museum (Londra) Ci sono medaglioni Fatih realizzati da Costanza de Ferrara in altri musei come.

MEDAGLIONE GENTILE BELLIN

Con la fine delle lunghe guerre ottomano-veneziane del periodo Fatih e l’inizio del periodo di pace, il sultano chiese ai veneziani pittori e scultori. I sovrani veneziani inviarono anche Gentile Bellini, il pittore ufficiale di Venezia, e lo scultore Bartolomeo Bellano a Istanbul nel 1479. Bellini rimase a Istanbul per circa un anno e mezzo. Oltre al famoso dipinto Fatih Sultan Mehmet, realizzò anche un medaglione con un ritratto di Fatih.

LA STORIA DELLA MEDAGLIA BERTOLDO DI GIOVANNI

L’emergere della moneta Fatih, realizzata dallo scultore italiano e medaglione Bertoldo di Giovanni, si basa su un evento legato alla politica interna dell’Italia, non direttamente correlato a Fatih e all’Impero Ottomano. Per rovesciare la famiglia regnante dei Medici a Firenze, la famiglia Pazzi e i loro alleati, una delle famiglie potenti della città, tentarono di assassinare Lorenzo de’ Medici e Giuliano de’ Medici il 26 aprile 1478. Guiliano morì, mentre Lorenzo sopravvive con ferite.

Anche papa Sisto IV appoggiò i Pazzi in questo evento, passato alla storia come la congiura dei Pazzi. Alla fine i Medici riescono a rimanere al potere e i membri della famiglia Pazzi vengono severamente puniti. Bernardo Bandini Baroncelli, uno degli assassini di Giuliano de’ Medici, fuggì a Istanbul. Tuttavia, gli ottomani catturarono Baroncelli e lo rimandarono a Firenze. Bernardo Bandini Baroncelli fu giustiziato a Firenze nel 1479. Lorenzo de’ Medici invia doni a Mehmed il Conquistatore per ringraziarlo. Uno di questi doni è il medaglione realizzato da Bertoldo di Giovanni.

Sul medaglione di Bertoldo di Giovanni, Fatih porta un medaglione al collo. “Asya, Trabzon e la Grande Grecia Mehmed” è scritto attorno al ritratto di Fatih. Sul rovescio della moneta, Fatih è raffigurata su un carro trionfale. Medaglione al giorno d’oggi Metropolitan Museum (New York) sono nella collezione.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.