Diplomatici provenienti da 14 paesi hanno partecipato al “Viaggio di esplorazione degli archivi ottomani e dei beni culturali”

Secondo le notizie dell’Agenzia Anadolu;

ISTANBUL (AA) – In collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri, la Presidenza dell’Archivio di Stato, la Direzione dell’Amministrazione dei Palazzi Nazionali e il Ministero della Cultura e del Turismo, è stato organizzato un “Viaggio esplorativo degli archivi ottomani e dei beni culturali” con la partecipazione degli ambasciatori e rappresentanti delle missioni diplomatiche di 14 paesi.

L’Ambasciatore Deniz Çakar, Direttore Generale della Promozione Estera e degli Affari Culturali del Ministero degli Affari Esteri, ha rilasciato una dichiarazione ad AA in merito al viaggio dopo i discorsi di apertura presso la Sala dei Congressi della Presidenza degli Archivi Presidenziali dello Stato a Kağıthane.

Çakar ha affermato di aver realizzato varie promozioni e organizzazioni nelle aree speciali in cui si distingue la Turchia e ha affermato che in questo contesto hanno fatto questo viaggio per diplomatici stranieri.

Ricordando che a gennaio si è tenuta una mostra collettiva per il 200° anniversario dell’indipendenza di 7 paesi dell’America Latina e che anche il complesso degli archivi ottomani ha ospitato questa mostra, Çakar ha dichiarato: “Il nostro ministro Mevlüt Çavuşoğlu ha aperto questi archivi. Su invito del presidente Uğur Ünal Bey, questi archivi di stato sono stati aperti. “Abbiamo avuto l’opportunità di visitare le parti che non sono aperte al pubblico. Abbiamo visto come gli archivi hanno un bellissimo ricordo e abbiamo pensato a cosa possiamo fare per annunciarli al mondo. Stiamo facendo questo viaggio in questa cornice. ” Egli ha detto.

Affermando che le loro attività non si limitano solo ai viaggi, ma stanno anche lavorando alla cooperazione, Çakar ha affermato che dopo l’accordo con la Colombia, hanno aumentato a 61 il numero dei paesi con cui hanno firmato un protocollo di cooperazione e che il processo di negoziazione con 30 paesi continua. .

Çakar ha dichiarato: “Ad oggi, gli archivi in ​​Turchia contengono 135 milioni di documenti. Ci sono circa 400.000 libri registrati. Si tratta di un risultato tecnologico e di un accumulo ai massimi livelli del mondo. Abbiamo inviato un invito agli ambasciatori e diplomatici del Paese che hanno firmato una collaborazione archivistica, hanno accettato il nostro invito e hanno partecipato al tour.

Esprimendo che i diplomatici erano rimasti colpiti dall’abbondanza e dalla diversità dell’accumulazione, dalla tecnologia utilizzata, dall’importanza data alle opere e dalla completezza mostrata, Çakar ha sottolineato che i diplomatici desideravano condividere le loro conoscenze ed esperienze con la Turchia.

Çakar ha osservato che organizzeranno un viaggio simile con un gruppo di ambasciatori e diplomatici il prossimo autunno.

– “Abbiamo raggiunto un punto molto importante nella digitalizzazione”

Presidente dell’Archivio Presidenziale di Stato Prof. Il Dr. Uğur Ünal, nel suo discorso di apertura, ha affermato che il Complesso archivistico ottomano è un luogo molto importante in termini di archivi storici e documenti importanti di molti stati si trovano in questi archivi.

Spiegando che gli archivi ottomani non sono solo per i turchi e la Turchia, ma anche per molti stati indipendenti, Ünal ha detto:

“Se consideriamo che l’Impero Ottomano è stato sovrano per molti anni e le relazioni culturali, l’importanza di questi archivi aumenta ancora di più. Per questo siamo consapevoli di avere un patrimonio storico molto importante. Sono stati condotti studi molto importanti su questi nel corso della storia della nostra Repubblica, e la raccolta di tutti questi archivi la Turchia ha compiuto ogni anno passi più importanti in termini di classificazione e trasferimento ai media digitali, e questo punto è stato raggiunto.

Ricordando che il complesso archivistico ottomano è stato costruito dal presidente Recep Tayyip Erdoğan nel 2013, Ünal ha affermato che i documenti erano conservati in 5 luoghi diversi prima dell’apertura della struttura.

Sottolineando che hanno continuato il loro lavoro in modo più sistematico e rapido dopo essersi trasferiti nella nuova sede, Ünal ha dichiarato:

“Per esempio, siamo arrivati ​​a un punto molto importante della digitalizzazione. Ad oggi, 60 milioni di documenti sono stati trasferiti sui media digitali. Sono stati collegati con i ricercatori, ma la digitalizzazione è in effetti uno degli ultimi anelli dell’archiviazione. Prima della l’importante è gestire, salvare, conservare questi documenti storici e metterli attraverso i metodi di classificazione di base.Alcuni anni si è verificato un problema di lettura dei documenti che chiamiamo archivi, ma fortunatamente le generazioni che possono leggerli documenti in Turchia stanno iniziando a aumentare.

Ünal ha osservato che i doveri, i poteri e le responsabilità di tutti gli archivi, ad eccezione della Grande Assemblea nazionale turca e dell’Agenzia di intelligence, sono stati trasferiti agli Archivi di Stato.

Notando che ci sono circa 95 milioni di documenti negli archivi ottomani, Ünal ha informato di aver classificato e restaurato documenti storici con un team di 1.000 persone negli ultimi tre anni.

Ünal ha ringraziato il Ministero degli Affari Esteri per il supporto, rilevando che il numero dei paesi con cui ha collaborato è salito a 61 dopo l’ultimo accordo con la Colombia.

– I documenti dell’archivio ottomano sono stati presentati ad ambasciatori e diplomatici

Alla visita hanno partecipato l’ambasciatore russo Aleksei Erkhov, l’ambasciatore della Repubblica islamica dell’Iran Mohammad Farazmand, l’ambasciatore messicano Jose Luis Martinez y Hernandez, l’ambasciatore in Guatemala Jairo Estrada, l’ambasciatore albanese Kastriot Robo, l’ambasciatore a Panama Mariela Sagel Rosas, l’ambasciatore cileno Rodrigo Arcos. , Ambasciatore in Italia Giorgio Marrapodi, Capo Missione dell’Ambasciata d’Egitto Amr Elhamamy, Inviato-Sottosegretario dell’Ambasciata del Giappone Takero Aoyama, Incaricato d’Affari dell’Ambasciata Peruviana Patricia Beatriz Duran Cotrina, Console Generale dell’Ucraina a Istanbul Roman Nedilskyi, Console Generale della Repubblica del Kirghizistan a Istanbul Lira Sydykova, Gaspar Katko, diplomatico dell’Ambasciata d’Ungheria responsabile degli archivi, con i loro paesi e documenti degli archivi di Stato ottomani relativi ai rapporti tra

Nell’ambito della visita di un giorno a Istanbul, è stata visitata la Presidenza degli Archivi di Stato di Kağıthane, dove si trovano anche gli archivi ottomani. I diplomatici sono stati informati sui documenti d’archivio. Dopo la visita alla Presidenza degli Archivi, sono stati visitati il ​​Museo delle Arti Turche e Islamiche e il Museo della Pittura dei Palazzi Nazionali, dove sono esposti esempi di arte ottomana.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.