Busenaz Sürmeneli è per la seconda volta campione del mondo – TRT Spor

Nell’undicesima e ultima giornata del campionato che si è svolto presso gli impianti sportivi e giovanili di Başakşehir, il campione olimpico e mondiale Busenaz Sürmeneli ha giocato la partita finale a 66 kg.

L’ultimo pugile campione del mondo nazionale Busenaz, che ha fatto la storia dello sport turco vincendo la medaglia d’oro di 69 kg alle Olimpiadi di Tokyo 2020 lo scorso anno, ha eliminato l’italiana Angela Carini, l’americana Arika Melek Skoog, l’uzbeka Navbakhor Khamidova e il tailandese Janjaem Suwannapheng in questo campionato.

Di fronte al canadese Charlie Cavanagh in finale, Busenaz ha lanciato pugni che hanno logorato il suo avversario al primo round. Busenaz, che ha mostrato una boxe di gran lunga superiore, ha vinto il primo round 5-0.

Il pugile della nazionale, che ha fatto contare l’arbitro al secondo turno come ha fatto al primo turno, ha concluso chiaramente questo giro 5-0.

Busenaz, che ha messo in difficoltà il suo avversario con i suoi pugni back-to-back nell’ultimo round, è stato dichiarato vincitore per decisione dell’arbitro a 45 secondi dalla fine ed è diventato il proprietario della medaglia d’oro. Il pugile della nazionale ha vinto 4 delle 5 partite giocate in campionato prima della fine dei tempi regolamentari.

L’atleta del Trabzonspor Busenaz ha celebrato il suo campionato eseguendo kolbastı sul ring dopo la sua vittoria.

Busenaz Sürmeneli ha riportato il suo 4° campionato in questa organizzazione in Turchia dopo Ayşe Çağrıır in 48 kg, Buse Naz Çakıroğlu in 50 kg e Hatice Akbaş in 54 kg.

Busenaz, che è diventato campione del mondo nella categoria 69 kg in Russia nel 2019, ha vinto anche la medaglia d’oro nella categoria 66 kg. Il pugile nazionale ha condiviso anche il record di Gülsüm Tatar, che ha vinto 2 campionati del mondo.



“Ho avuto la possibilità di cantare l’inno nazionale nel nostro paese”

Busenaz, che è diventato campione del mondo l’undicesimo e ultimo giorno dell’organizzazione tenutosi presso gli impianti sportivi e giovanili di Başakşehir, ha rilasciato una dichiarazione alla stampa.

Sottolineando l’importanza di vincere una medaglia nella nuova divisione, Busenaz ha dichiarato:


“Incontro rivali che non ho incontrato. Una grande esperienza per me. Dio la dà a chi lavora alla fine. Ho lavorato tanto, ho avuto pazienza e ho dormito molto affamato. Dio mi fa dimenticare tutto quando ho la Nazionale Inno cantato. È stato bello. “Finché manterrò la calma, questi campionati arriveranno sempre. Penso che nessuno possa battere Buse che crede, lavora sodo e vuole stare sul ring. Penso che arriverà più successo. Le Olimpiadi del 2024 sono ovviamente il nostro obiettivo più importante. Vogliamo ottenere la nostra seconda medaglia olimpica e portarla nel nostro Paese”.

Spiegando che ha cercato di mostrare al pubblico i lati belli della boxe, il pugile nazionale ha detto: “Voglio mostrare al pubblico cos’è una buona boxe sportiva. Voglio godermela. Faccio debutti, buoni calci, combinazioni e aggressività. Perché voglio mostrare loro cosa può fare una bella boxe sportiva e cosa può fare Busenaz. Non è solo qui che ci interessa, è la boxe nel mondo”. Chi ama sta guardando. Voglio mostrare loro che qui c’è una ragazza turca pazza e aggressiva.‘ Egli ha detto.


Cahit Süme: Non c’è niente che non possa fare sul ring

L’allenatore di Busenaz Sürmeneli, Cahit Süme, dice che non c’è niente che l’atleta non possa fare sul ring.

sume ha detto:


“Vogliamo sempre che riempia il pubblico della boxe e mostri l’estetica della boxe in tutto il mondo quando sale sul ring. Anche lo spettacolo è necessario. Il pubblico della boxe ama lo spettacolo. Lo lascio libero di fare tutto ciò che vuole in sul ring Non c’è niente che non possa fare sul ring.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.