Arresto di 10 sospetti per l’omicidio di un leader della criminalità organizzata serbo

Squadre della divisione anticrimine del dipartimento di polizia di Istanbul hanno esaminato 1.700 ore di filmati di 200 punti relativi all’omicidio di Juvan Vukotic, uno dei leader dell’organizzazione criminale “Skaljari” in Serbia, a seguito dell’attacco armato da parte di due sospetti contro una moto a Şişli.

Le squadre avevano accertato che i membri dell’organizzazione criminale EE e YD, il leader della BB turca, arrestato in Italia, avevano compiuto l’attacco perché perquisito con un avviso rosso. 12 sospetti sono stati arrestati durante l’operazione simultanea condotta dalle squadre che hanno determinato tutti i sospetti, i loro indirizzi e le vie di evacuazione a Istanbul, Smirne, Zonguldak, Antalya e Artvin.

Nel corso delle perquisizioni effettuate presso gli indirizzi sono stati sequestrati 6 passaporti falsi, 11 documenti di identità falsi provenienti da vari paesi, 3 GPS satellitari e 2 armi utilizzate durante l’incidente.

D’altra parte, durante gli accertamenti effettuati su telefoni, computer e chiavi USB degli indagati, sono stati rinvenuti numerosi documenti organizzativi sulle modalità di svolgimento dell’attacco.

12 sospetti, tra cui Radoje Zivkovic e Zdravko Perunovic, e ES, YD, EE, ET e FY, i cui procedimenti presso il dipartimento di polizia di Istanbul erano stati completati, sono stati portati in tribunale.

Berengar Insigne

"Amante del bacon. Pioniere di Twitter. Tossicodipendente di Internet. Appassionato esperto di social media. Evangelista di viaggi. Scrittore. Ninja della birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.