Andreas Cornelius del Trabzonspor: ho ricevuto un’offerta dall’Italia…

class=”medianet-inline-adv”>

Cornelius, che ha segnato 12 gol in Super League ed è stato chiamato “il nuovo re del nord” dai tifosi del Trabzonspor dopo che Alexander Sörloth, ha detto di essersi adattato facilmente alla città e alla squadra grazie all’influenza dei suoi compagni di squadra e insegnanti durante il trasferimento . dal Parma al club bordeaux.

“HO RICEVUTO UN’OFFERTA DALL’ITALIA”

Affermando di aver ricevuto offerte da altri club prima di firmare per il Trabzonspor, Cornelius ha dichiarato: “Possiamo parlare di interesse oltre che di offerta. Possono esserci club interessati a te e fare offerte direttamente durante il periodo di trasferimento. Inoltre, , ho avuto una seria offerta dall’Italia, potevo andarci anche io, ma la mia scelta è stata quella di venire al Trabzonspor e nella città di Trabzon”, ha dichiarato.

“UNA SITUAZIONE PIÙ DEL NOSTRO SOGNO”

Affermando che il suo obiettivo era quello di essere il primo della classifica quando si è trasferito al Trabzonspor, il giocatore ha detto: “Quando guardi alla posizione attuale della nostra squadra, vedi che possiamo davvero raggiungerlo. Ma quando guardi la situazione attuale della lega, è ben oltre i nostri sogni e le nostre aspettative. Stiamo facendo molto meglio che venire qui per questo motivo. e sono molto felice di aver scelto questo posto. Andare avanti con successo sul percorso che ho tracciato mi rende felice come tutti gli altri.”

class=”medianet-inline-adv”>

“MI VEDO COME UN GIOCATORE MIGLIORE”

Valutando il cambiamento e lo sviluppo che ha vissuto da quando è stato selezionato come “Giocatore dell’anno” nel suo paese, la Danimarca, Cornelius ha dichiarato:

“Stavo per compiere 20 anni in quel momento. Era il mio primo anno in Danimarca da professionista. Giocavo per la squadra di Copenaghen. Ero uno studente delle superiori. La nostra squadra ha iniziato a giocare nelle Coppe dei Campioni. Ero molto successo nel mio primo anno, e quell’anno sono stato selezionato come giocatore dell’anno. Ci stavo quasi per. Sono passati 10 anni. È passato molto tempo. Naturalmente, c’è una grande differenza tra Cornelius allora e Cornelius ora. Io Ora mi vedo come un giocatore migliore. Posso dire di aver avuto l’opportunità di aggiungere esperienza ai talenti dell’epoca. Ho giocato in campionati importanti in Europa e lì ho avuto importanti successi. Quindi penso di aver fatto progressi significativi”.

class=”medianet-inline-adv”>

“VOGLIAMO VEDERE IL CAMPIONATO”

Esprimendo che vuole essere il capocannoniere alla fine del campionato ma che il campionato a squadre è più importante del successo individuale, l’attaccante ha detto: “Stiamo facendo una grande stagione insieme qui. Abbiamo uno stadio grande e abbiamo davvero il i migliori tifosi che abbia mai visto. È davvero bello poter vivere questa stagione con la squadra qui. L’emozione. Ogni giocatore ha obiettivi personali per tutta la stagione e stanno lottando per raggiungerli. Come attaccante, il mio obiettivo è quello di essere il capocannoniere. Ma soprattutto, il nostro obiettivo più grande in questa stagione è diventare campioni. I giocatori possono avere obiettivi individuali, ma la cosa più importante è l’obiettivo della squadra. “Spero che saremo campioni alla fine della stagione e incoronare con il mio capocannoniere. Vogliamo vedere il campionato come un’intera squadra, una squadra tecnica e una comunità. Le prossime settimane sono molto importanti”, ha detto.

class=”medianet-inline-adv”>

“SAREMO INCORAGGIATI SE PERDIAMO CON KONYASPOR”

Descrivendo le partite che considerava il punto di rottura del campionato in questa stagione, Cornelius ha detto: “Una è la partita del Fenerbahçe che abbiamo giocato in casa, e l’altra è la partita del Beşiktaş che abbiamo giocato in trasferta. Perché quelle partite erano partite competitive che entrambe le squadre. poteva vincere. Tuttavia, abbiamo vinto entrambi. Con quelle partite, non sono solo tre punti. Allo stesso tempo, abbiamo preso slancio e molta fiducia in noi. Questo contribuisce in modo determinante alla capacità della squadra di raggiungere l’obiettivo. può aggiungere la partita del Konyaspor qui come extra. Per noi era importante battere una squadra che è il nostro avversario diretto, per aumentare il divario di punti. Se giocassimo a questa partita Se avessimo perso, avremmo potuto dare al nostro avversario un barlume di speranza e li ha incoraggiati a raggiungerci”.

class=”medianet-inline-adv”>

“NOI ABBIAMO UNA BUONA FILOSOFIA DI SQUADRA”

Affermando che la qualità complessiva della rosa è buona, l’attaccante danese ha detto: “Il punto più importante per un attaccante come me è che i tuoi amici possono prepararti una posizione. È più che sufficiente nella nostra rosa. La nostra squadra è composta di giocatori che non dipendono dai singoli giocatori ma che sanno cosa fare in difesa e in attacco. Come squadra. “Abbiamo una filosofia di gioco e una mentalità. Tutti sanno benissimo cosa fare in difesa e in attacco. Pertanto, mostriamo una buona posizione “come squadra”.

« GIOCARE CON GIOCATORI DI QUALITÀ È ORGOGLIO »

Affermando che non solo i giocatori che hanno giocato nei primi 11 ma anche i nomi delle squadre hanno dato un grande contributo, Cornelius ha detto: “Mi rende molto felice condividere lo stesso campo con questi giocatori e tutti gli altri miei compagni di squadra. Perché giocare con tale qualità giocatori mi rendono sempre orgoglioso. Sono molto felice e orgoglioso della situazione. In realtà era il mio sogno d’infanzia poter giocare con compagni di squadra così bravi. Di solito cerchiamo di divertirci e goderci il gioco quando usciamo in campo con i miei compagni di squadra. Non solo gli 11 giocatori iniziali, ma anche la qualità degli altri nostri compagni di squadra e il loro contributo. Questo è il fattore più importante che lo porta al livello “, ha detto.

class=”medianet-inline-adv”>

“VOLEVO PROVARE QUELLA ECCITAZIONE IN TRIBUNA”

Affermando di vivere una vita tranquilla con moglie e figlio, lontano dalla madre e dal padre che vivono nel suo paese, il giocatore ha detto: “In realtà, abbiamo una vita molto semplice e ordinaria. La prima cosa che consiglierei alla mia famiglia e gli amici di Trabzon è di venire qui e guardare una partita allo stadio credo che questa sia per loro sarà un’esperienza straordinaria questa è una delle cose che mi rattrista di più. Perché potrei aver avuto quell’esperienza come giocatore di football in campo, ma mi piacerebbe poter assaporare il tipo di eccitazione e l’atmosfera che c’è sugli spalti con i tifosi. Perché il mio primo consiglio ai miei amici e alla mia famiglia è di venire qui e assicurarmi di venire qui per vedere un gioco”, ha detto.

“SONO SEMPRE UN GIOCATORE D’ATTACCO”

Spiegando che la Danimarca ha portato una prospettiva diversa al calcio e questo gli ha dato un vantaggio nella sua carriera calcistica, Cornelius ha detto:

“La mentalità nel mio paese è che ‘il calcio è per tutti. Puoi vedere una squadra di calcio in ogni angolo di ogni città. Pertanto, l’istruzione può essere impartita in giovane età e in modo semplice. Io sono uno dei ragazzi che Ho giocato nell’infrastrutture fino all’età di 13 anni poi sono stato ceduto al Copenaghen Dopo aver giocato per un po’ nelle giovanili ho avuto l’opportunità di essere promosso in A. Ecco come la mia carriera calcistica sono sempre stato un giocatore offensivo Come da ragazzino ho segnato troppi gol quindi non pensavano di usarmi in un’altra posizione. Forse non un attaccante diretto, ma posso sicuramente dire di aver giocato in posizione offensiva”.

“IL CALCIATORE PIÙ ISPIRANTE RONALDO”

Esprimendo che da bambino preferiva giocare a calcio invece di guardare il calcio e che tutti i marcatori sono una fonte di ispirazione per lui, l’attaccante danese ha detto: “La persona che mi ha ispirato di più è stato il brasiliano Ronaldo, che ho avuto l’opportunità di vedere a ai Mondiali del 2002. E’ un grande giocatore, ovviamente siamo con lui: “Non siamo lo stesso tipo di giocatori, ma per me è stato di grande ispirazione”.

“IL PERCORSO DI APPRENDIMENTO NON È UN PERCORSO CHE NON È MAI FINITO”

Cornelius, che dà anche consigli ai giovani calciatori che lo considerano un modello, ha dichiarato: “Può essere un allenatore, compagni di squadra o chiunque si fidi, devono assolutamente ascoltare i consigli di tutti e trarne una deduzione”. Tuttavia, consiglierei loro anche di non ascoltare qualcuno che non sa molto di calcio. Dovrebbero essere sempre umili e pensare a essere migliori. Il viaggio di apprendimento non è un percorso senza fine. Ad esempio, ho 28 anni, ma Sono una persona che pensa a come posso imparare cose nuove ogni giorno, come migliorare. Quando sono solo un attore di 20 anni, non dovrebbe pensare che sappia tutto e sempre “Dovrebbero sapere che c’è un modo”, ha detto.

“GERVINHO, KUCKA E SÖRLOTH DICONO COSE POSITIVE”

Spiegando di aver incontrato Gervinho e Kucka, con cui era compagno di squadra del Parma, prima di trasferirsi al Trabzonspor, e di aver avuto idee da Sörloth, Cornelius ha detto:

“Quando ho posto a Gervinho domande sulla squadra, ha detto cose molto belle. Ha dato risposte positive a quasi tutte le domande che ho posto. Ho anche avuto l’opportunità di parlare con Kucka prima di venire. Ha detto che si è divertito moltissimo qui, che amava giocare a calcio di fronte a questi tifosi. Ha anche parlato direttamente con Sörloth. “Anche se non lo era, ho avuto l’opportunità di contattare i nostri amici comuni. Quando le cose che ha detto sono state positive, non avevo nemmeno in mente nessuno dei punti interrogativi”.

“IL MIGLIORE DELLE REGOLE CAMBIATE NON PUO’ TORNARE AL PORTIERE”

Affermando che il calcio è il gioco più popolare al mondo e che pensa che non dovrebbe essere cambiato troppo, Cornelius ha detto: “Forse se ne avessi uno potrei usarlo per coloro che trascorrono il tempo nel gioco. In un 90- minuto di gioco, la palla rimane in gioco è molto meno di 90 minuti. I giocatori passano deliberatamente del tempo a prendere la palla. Possono ridurre il tempo in cui rimangono in gioco. Non ho una proposta di soluzione chiara, ma penso che questo situazione può essere evitata con una decisione congiunta. Penso che la migliore delle regole modificate sia che i portieri non possono eseguire passaggi. indietro. Nelle partite che ho visto in passato, i portieri potevano prendere i palloni dai loro compagni di squadra, ma ora è possibile con la regola non è cambiata”, ha detto.

“Il mio UNICO PIANO PER MIO FIGLIO È ESSERE UNA BRAVA PERSONA”

Cornelius, che ha provato il sentimento della paternità negli ultimi mesi, ha detto che essere padre è un’esperienza indescrivibile e sostiene sua moglie ogni volta che trova il tempo. L’attaccante danese ha concluso così il suo intervento: “Cerchiamo di fare del nostro meglio per nostro figlio. Essere padre, essere una famiglia è davvero una bella sensazione. Sono molto contento di questo. Non ho progetti per lui. . futuro di mio figlio, ma se è talentuoso e volitivo, darò il mio miglior supporto per diventare un calciatore. Ma non rinuncerò mai a lui”. Non lo forzo. Il mio unico piano per il futuro di mio figlio è essere una brava persona. “

Urbano Caruso

"Creatore. Inguaribile guru degli zombi. Impenitente fanatico dei viaggi. Scrittore. Orgoglioso organizzatore. Ninja di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.