Ambasciata di Istanbul (V) | Ottimo francese a Istanbul

Nel mio articolo della scorsa settimana, gli ambasciatori britannici e francesi nominati nell’impero ottomano nel 1673-1674, Sir John Finch insieme a Marchese de Nointiel Charles-Marie-Francois Olier Ho parlato un po’ della rivalità tra In effetti, la base di questo è la lotta per i privilegi che questi due paesi hanno acquisito nell’impero ottomano.

Solimano il Magnifico Uno dei principali privilegi concessi all’epoca ai francesi, che in seguito sarebbero stati chiamati le “capitolazioni”, era che tutti gli stranieri avevano la possibilità di commerciare raggiungendo i porti ottomani solo con navi battenti bandiera francese. Quando gli inglesi III. MuratSpezzò il monopolio dei francesi con un “hitname” dell’Impero Ottomano (1580), iniziò e durò per secoli il grande conflitto tra i due stati.

Dalle battaglie mozzafiato a palle di neve tra il personale delle ambasciate dei due paesi, compresi gli ambasciatori, sulle colline innevate di Pera, alle risse quando si incontrano per le strade; accusando continuamente l’altro di volerlo avvelenare, e lamentandosi con la Sublime Porta; che un giorno i francesi attaccarono l’ambasciata britannica servendosi di ex moschettieri francesi residenti da molti anni nella capitale, uccidendo alcune persone; Quando Sir John Finch mise piede nelle terre ottomane nel porto di Smirne per iniziare il suo dovere, il grande conflitto tra inglesi e francesi in città si estese per le strade della città e non poté essere represso!

Gli ambasciatori di entrambi i paesi viziarono i sultani, i gran visir e i pascià ottomani con i meravigliosi doni che portavano dai loro paesi, cercarono di attirarli nei loro ranghi, cercarono di apparire superiori con i loro abiti follemente chic, e lui non ci sarebbe Non sono trucchi che non hanno fatto per superare se stessi.

Gli anni sarebbero passati, sarebbero arrivati ​​diversi ambasciatori e questa rivalità non sarebbe mai finita. Tuttavia, guardando quello che ho descritto come il conflitto anglo-francese, non pensare che questo conflitto sia solo tra questi due paesi. I grandi conflitti che sorgevano di volta in volta tra gli ambasciatori di altri paesi nella capitale ottomana, in particolare in Austria, hanno preso il loro posto nella storia. Ma per qualche ragione, gli ambasciatori che causano i più grandi eventi e causano il caos sono sempre i francesi. Ascoltami ora:

Il 5 gennaio 1700, l’ambasciatore francese a Istanbul, Charles-Augustin de Ferriol, conte di Argental, lasciò la sua residenza e seguì 8 giannizzeri con il suo seguito di 48 persone. II. mustafàStava per presentarsi davanti al . Salgono a bordo della barca di Tophane; Sulla strada per Sirkeci, vengono accolti da navi francesi nel porto con 21 cannoni; Vengono accolti dal sergente sulla spiaggia. Arrivarono al Palazzo, cavalcando gli sgargianti cavalli portati dal Palazzo, e seguendo i 40 sergenti che facevano strada in due file dal fronte. Prima vengono ricevuti dal Gran Visir e, come è consuetudine, vengono accolti con i pasti serviti nel peccato. È allora il momento di venire a riposare. L’ambasciatore Efendi ei notabili del suo entourage indossano le vesti distribuite e si dirigono verso la stanza dei rifornimenti.

Accoglienza di un ambasciatore alla presenza del sultano (Pittore: Jean-Baptiste van Mour)

Ma cos’è ! Improvvisamente ci rendiamo conto che, sebbene sia proibito, l’ambasciatore cammina con una spada nascosta sotto la veste. Sebbene sia stato avvertito più volte se necessario, il nostro francese resisterà a non sfoderare la spada. “La spada fa parte del nostro abbigliamento!”, “Consegnare la spada significa essere catturati e arrendersi!”, “Puoi prendere la mia vita, ma mai la mia spada!” Inizia a urlare con espressioni come alzare la voce e arrabbiarsi. Gli sforzi del Gran Visir Amcazade Hüseyin Pasha, che ha cercato di intervenire nella situazione tramite il dragoman dell’ambasciata, non funzioneranno, quindi entreranno in scena i giannizzeri Aghas, i kazaker asiatici ed europei e cercheranno di persuadere l’uomo con amicizia, ma tutto sarà vano. Il lavoro dell’Ambasciatore Ferriol: “Non te lo tolgo nemmeno io! Se provi a usare la forza, ti tirerò fuori l’ultima goccia del mio sangue!” Una volta arrivati ​​al punto, gli assistenti sussurrano tra loro e trovano un’altra soluzione, dicendo a Ferriol di dirigersi verso la stanza delle forniture.

Ambasciatore in avanti. Mentre si avvicinavano alla porta, i due guardiani presero le armi e, mentre si avvicinavano alla porta, un terzo guardiano balzò in piedi e cercò di estrarre la spada dal fodero. Ma Ferriol è molto agile. Si libera dai suoi rapitori, prende a pugni il terzo uomo in faccia, gli dà un calcio nello stomaco, sguainando la spada a metà, “Sono tra i nemici?” grida.

Non c’è soluzione. Si dice che il sultano lo stia aspettando da Dragoman, che se non consegna la spada, non può entrare e che può tornare se vuole. L’ambasciatore e il suo entourage consegnano le vesti che indossano agli ufficiali e lasciano il palazzo a passo svelto. Anche i funzionari dell’ambasciata, inviati il ​​giorno successivo per ordine del Gran Visir, ricevono i doni portati e li riportano.

Cosa succede dopo? Ferriol, che continuerà ad esercitare le funzioni di Ambasciatore di Francia per 11 anni a Istanbul, non sarà mai ammesso alla presenza!

Torniamo al Palazzo di Francia, che è il nostro argomento principale…

Note significative nella timeline

  • Questo è il periodo della guerra di Crimea. Gli alleati ottomani, Francia e Inghilterra, che stavano combattendo contro la Russia, accoglieranno per la prima volta il sultano Abdülmeit nei loro palazzi. Nel gennaio 1856, il Sultano parteciperà all’invito dato in suo onore al Palais de France e un mese dopo sarà decorato con la Legion d’Onore al ballo a cui è stato invitato.
  • Prima di partire per una tournée europea nel 1867, parteciperà all’invito rivolto in onore del sultano Abdulaziz.
  • Nel 1869, l’imperatore francese III. Durante la visita della moglie di Napoleone, Eugénie de Montijo, a Istanbul, furono fatti molti inviti in suo onore al Palazzo di Francia. Come può una donna sapere che tra un anno sarà detronizzata con suo marito!
  • Nel 1874 verrà costruito l’edificio Dragomans, in questo edificio “l’Istituto Francese di Archeologia” diventerà operativo nel 1930, poi sarà trasformato nell'”Istituto Francese di Studi Anatolici” nel 1975.
  • Quando fu chiesto il trasferimento delle ambasciate ad Ankara dopo la proclamazione della Repubblica, i paesi che più resistettero per rimanere a Istanbul sarebbero l’Inghilterra e la Francia. Infine, di fronte alla minaccia che gli ambasciatori che non risiedono ad Ankara non saranno accettati da Atatürk e dai membri del governo e che il terreno situato in uno dei luoghi più belli di Ankara, che è stato loro assegnato gratuitamente, sarà essere affidato a qualcun altro, la Francia dovrà trasferirsi. Charles de Chambrun si stabilirà in una villa in affitto ad Ankara nel 1929, su precise istruzioni ricevute da Parigi. Da qualche tempo la sua cancelleria è attiva nell’edificio degli “Assunzionisti” di Ulus.
  • L’edificio, attualmente utilizzato come Consolato Generale di Francia a Istanbul in Istiklal Caddesi, fungeva da ospedale francese prima del 1926. Il terreno per l’edificio dell’ospedale fu acquistato dai monaci francesi nel XVII secolo, un ospedale in muratura a graticcio fu costruito qui nella seconda metà del XVIII secolo e l’ospedale prese il nome da Jean-Baptiste. L’edificio utilizzato oggi è stato costruito nel 1860. Quando si trasferisce l’Ambasciata di Francia ad Ankara, il Consolato Generale trasferirà la Cancelleria dal Palais de France a questo edificio.

Note finali sul palazzo francese

Come ho accennato nel mio articolo la scorsa settimana, il Palazzo francese è stato rinnovato e rimodellato tra il 1908 e il 1913. Il capo architetto del Ministero degli Affari Esteri francese, che ha intrapreso questo lavoro George Chedanee si trasferì a Istanbul per questo scopo. Una delle sue innovazioni è l’aggiunta di un ulteriore edificio tra le due ali sulla facciata posteriore. Fu così aggiunto al piano terra un grande androne rivestito di marmo bianco e al primo e al secondo piano furono aggiunte sei stanze. Anche in questo caso, le terrazze all’italiana poste tra le due ali della facciata posteriore arricchiscono l’edificio. Il giardino antistante, che si apre sulla grande sala da pranzo al piano terra, è ormai un mondo a parte dove si svolgono grandi feste.

Invito alla festa nazionale francese il 14 luglio nei giardini e terrazze all’italiana

Dall’ingresso dell’edificio è stata rimossa la scala in pietra a due bracci che porta ai piani superiori ed è stata realizzata una scala moderna con un elegante corrimano in ferro battuto a un braccio. Allo stesso tempo, l’ingresso principale dell’edificio, che si trovava sulla facciata occidentale, è stato spostato sulla facciata che si affaccia su via Nuri Ziya, così l’edificio ha acquisito una nuova facciata principale. L’aggiunta di un frontone circolare sulla facciata e di un portico in ferro battuto in stile Liberty sopra il portale crea un fascino diverso.

Portone d’ingresso principale con scala e portico che accede dall’androne

Molte sculture, arazzi, dipinti, ecc. di pregio negli spazi interni. senza contare. Oggi, penso che la magnifica sala da ballo e il salone dei ricevimenti siano i luoghi più impressionanti del Palazzo, che ospita molti inviti come feste ufficiali e private, recital e concerti, giornate letterarie, cerimonie di premiazione, la settimana della gastronomia francese, e ha innumerevoli stanze e stanze tutte più belle dell’altra.

La sala da ballo è uno spazio di 180 mq con un soffitto alto 21 metri. Le quattro facciate sono sostenute da 12 colonne tonde incastonate nel muro, con doppie porte tra di loro. Al di sopra di questi vi è un fregio con maschere, cetre e cigni, intarsiati con foglia d’oro su fondo di bronzo. Il soffitto è un metro più alto del fregio, creando un effetto spazio molto spazioso.

I pavimenti sono ricoperti da parquet ricavato da alberi diversi e, come tali, presentano una vivace combinazione di colori. Passando per la sala da ballo, si trovano due sale blu molto eleganti e intrecciate, pensate per ospitare incontri diplomatici importanti e privati ​​in occasione di balli o altri eventi. Si noti che la sala da ballo è stata rinnovata e ristrutturata per l’ultima volta nel 1991, in occasione della visita del presidente francese François Mitterrand in Turchia.

Sala da ballo
stanza azzurra

Andiamo alla sala ricevimenti. È uno spazio quadrato. È circondato da otto colonne in marmo bianco Milas a doppia nervatura su tutti e quattro i lati. Il soffitto è ricoperto di vetro bianco ed è illuminato da luce naturale. Preziosi tappeti arazzi storici sono appesi su tre pareti. Il pavimento è rivestito di parquet in legno in tre diverse tonalità ed è solitamente ricoperto da un grande tappeto.

Reception

Il palazzo francese è molto ricco, comprende l’ufficio dell’ambasciatore, sale riunioni, una sala da pranzo privata, la sala sul Bosforo con la sua magnifica vista e la stanza degli inviati, sulle cui pareti ci sono foto di ambasciatori francesi di Istanbul per 500 anni, situato al piano superiore dell’edificio. Non finisce con la storia, diventa un intero libro. Ma purtroppo devo stare entro certi limiti. Dopodiché, è il momento della “Pera House” del popolo britannico, di cui ho scritto la scorsa settimana e questa volta non potevo entrare.

Elite Boss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.